Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 1 decennio fa

2° guerra mondiale: una grande ipocrisia?

Vorrei riflettere insieme a voi.

La 2° guerra mondiale, nonostante i suoi inesorabili orrori e gli irrimediabili disastri, non è altro che una grande ipocrisia?

Riflettiamo.

L'impero del terzo Reich tedesco, alla guida del fuhrer (che significa guida, studio tedesco da tre anni) Adolf Hitler, compì orrori inappagabili, nei campi di sterminio e non solo.

Ma non voglio rivolgere la mia attenzione nell'Impero Tedesco, ma sugli alleati.

La Russia, avendo all'inizio stabilito un patto di non aggressione con i Tedeschi, comincia a combattere contro Hitler al momento della sua invasione nell'Unione Sovietica (secondo me se non avesse invaso la Russia avrebbe vinto la guerra). In seguito, la Russia si schierò nell'elenco degli ALLEATI insieme agli americani. Ma l'obiettivo degli alleati era di sconfiggere il terzo Reich ponendo fine agli orrori dei Lager: infatti per esempio la Russia entrò al campo di Auschwitz dove liberò gli ebrei. E qui sta un motivo della mia affermazione iniziale. La Russia, comandata secondo la mia opinione dal più grande criminale mai esistito nella storia, Iosif Stalin, non era da meno dei tedeschi; nei campi di concentramento tedeschi si registrarono circa 10 milioni di morti. Nella Russia alleata, si registrarono più di 20 milioni di morti nei Gulag staliniani. Non è questa un'ipocrisia? Una nazione alleata che combatte contro lo sterminio di massa, pur attuando essa stessa uno sterminio ancora più enorme?

Oppure vogliamo parlare della Gran Bretagna? Impose un vero e proprio regime in Irlanda, dove solo le attività terroristiche dell'IRA (Irish Republican Army) riuscirono a conquistare la libertà. Perciò anche l'Inghilterra esercitava ferrei controlli dispotici e tirannici.

Ed ecco il punto dolente: l'America. è qui che probabilmente molti di voi mi daranno contro, ma credetemi, se Hitler avesse conquistato l'Europa la situazione sarebbe migliore del dominio globalizzato americano. è l'America la nostra più grande disgrazia. Crisi economiche, globalizzazione, massificazione del pensiero: sono questi gli enormi crimini nascosti sotto un velo degli americani. E Guantanamo? I tedeschi non potevano trattenere prigioni disumane e gli americani possono? Dov'è finito il senso dell'onore europeo? Dov'è finita l'Europa? stiamo diventando una dannata massa sempre più uguale, dove stanno scomparendo le tradizioni, le caratteristiche, il folklore, le lingue di ogni paese. E questo a me da un'angoscia tremenda, non immaginate quanto.

è per questo che suppongo che la nostra più grande rovina non sia stata la Germania, ma l'America.

Ed è per questo che per me la guerra è stata una grande ipocrisia.

Ha mostrato che in fondo , che la nostra bandiera sia rossa, o nera, o blu, o verde, siamo tutti acqua dello stesso mare; o meglio, siamo tutti fango della stessa dannata palude.

Aggiornamento:

Dakho, le uniche scemenze qui sono quelle che stai dicendo tu. Per favore taci, e se non ti va di rispondere seriamente a una domanda è meglio che te ne vai e non stai a importunarci con le tue sciocche osservazione -false inoltre-.

10 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    La storia che hai raccontato tu è alquanto incorretta: infatti gli alleati non si sono uniti per fermare lo sterminio tedesco (che avvenne solo dal '43 al '45, quando tutta la Germania dopo anni di guerra era già in ginocchio...).

    La seconda guerra mondiale non era voluta espressamente dal regno tedesco, che si vedeva privata di terre coltivabili e di fabbriche, per colpa del trattato di Versailles. Molti scienziati economisti, avvertirono il fatto che presto sarebbe scoppiata una seconda guerra, perchè non si aveva lasciato respiro alla Germania che venne accusata totalmente delle colpe della prima guerra mondiale.

    A questo bisogna inquadrare il quadro storico: la grande crisi del '29 aveva gettato sull'europa un pericolo: quello che vi fosse un invasione bolscevica come successe nel '17, dove gli ebrei presero potere tramite una rivolta. Questo l'europa non lo poteva permettere. Dal canto suo la Russia voleva impossessarsi dell'europa, e vedeva nella Germania il primo tassello debole che avrebbe facilmente invaso. Cos' inviò aiuti ai partiti comunisti del paese e preparò una attenta strategia diplomatica: sapeva che dopo le grandi purghe (dove vennero tolti ebrei e soldati dal partito comunista) Stalin non poteva affrontare la Germania, così prese tempo e stipulò l'alleanza con il fhurer tedesco, ma la sua idea era quella di scatenare una guerra il prima possibile.

    Dall'altro fronte, la Francia - che prese di forza Alsazia e Lorena alla Germania usando la scusa, che essa - la Germania - non aveva dempiuto al pagamento di alcune clausole di guerra, voleva mettere in ginocchio la nazione nemica da tempo. Anche l'inghiterra voleva eliminare il periocolo tedesco, che mano a mano si vedeva sempre meno "leader" di un impero coloniale che fino a poco tempo prima ne era artefice.

    In pratica... tutta la storia farcita di buoni sentimenti che ci sono sui libri sono false: gli alleati non erano affatto buoni e misericordiosi, e sono andati contro la Germania, non certo per aiutare le persone civili (bardarle per il loro bene?) ma per interessi personali.

    Quello che oggi viviamo certo è un modo di ipocriti che crede che ci hanno liberato i buoni.... e messo a tacere i cattivi. Quando la storia non è propriamente così...

    A perdere son stati i buoni.

  • 1 decennio fa

    Più che la guerra è la storia come te l'hanno insegnata ad essere ipocrita: dire che la guerra è stata scatenata per contrastare gli orrori del nazismo è una delle tante falsità, storture e fiabe che si raccontano sulla seconda guerra mondiale. Guarda quanti credono che Hitler fosse un essere inumano o un demone, guarda come si crede che il nazismo fosse un cupo regno del male. Si è perso ogni contatto con la realtà per farne una favola di gusto tipicamente americano (chissà perché), e pensare che si voleva evitare un ripetersi di massacri e odi: se creare dei personaggi fantasy può aiutare in questo forse io avrei dovuto laurearmi in Tolkien. Ma via, del resto sai che palla che è la storia se non si parla di mostri, trabocchetti, eroi, salvatori e diavolacci? Voyager o Atlantide resterebbero ad audience zero. Come mito più o meno funziona, infatti chissà quanti staranno già pensando "ecco un mostruso commento filonazista, aspetta che lo segnalo", confermando (se ce n'era bisogno) la comune origine della storia e del mito. Inutile dire che la storia seria non è quella che passa il tuo convento. Dei campi di concentramento, lo dico subito e la facciamo finita, non gliene fregava niente a nessuno. L'invasione della Russia avrebbe forse potuto essere un successo se Hitler non si fosse personalmente messo a pasticciare i piani militari dell'alto comando militare tedesco. E se avesse avuto successo la guerra era praticamente conclusa. Il mondo ora sarebbe migliore? Nessuno che non sia schierato politicamente può rispondere a questa domanda, in quanto "migliore" sarà una caegoria retorica ma non storica. Senz'altro però sono da fare dei distinguo di tipo qualitativo e quantitativo tra i regimi che citi e quello nazista, dove non si perseguitavano solo gli oppositori (come in qualsiasi altro regime che citi tu) ma anche i "contaminatori" della razza, tra cui i disabili e i dementi. Quanto è minuziosa, regolare e generalizzata questa "purificazione" della società? E la cultura, così enfatica, romantico-idealista, e nello stesso tempo totalmente asservita al regime, non avrebbe forse finito con lo sbaraccare ugualmente tutte le altre forme dialettali o "straniere", come si è appunto verificato in Italia ad esempio nella Venezia Giulia, con l'italianizzazione forzata dei cognomi, il divieto di parlare i dialetti slavi, gli attentati ai punti di ritrovo delle comunità slovene?

    Arrivi comunque ad un punto molto importante: siamo tutti polvere e polvere torneremo. Non ci resta che vivere con bontà e dignità questo intervallo: mia bisnonna, italiana, aveva accolto in casa come ospiti qualsiasi le truppe austriache che avevano appena vinto a Caporetto. Da un'altra parte del fronte a centinaia di km tra gli ufficiali austriaci dell'infermieria c'era mio bisnonno. Cinquant'anni dopo i loro nipoti si sarebbero sposati.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Tu vuoi mettere a confronto l'occupazione militare tedesca con quella americana? Mille volte meglio quella americana,,,

    By a i

  • Anonimo
    4 anni fa

    i crucchi invadono l. a. polonia i giallinusi attacano gli americani a pearl harbor i francesi vengo messi col **** sotto terra gi italiani purtroppo fanno l. a. figura dei perdenti e gli americani alla great vincono dopo 5 anni di guerra, tutto qst mentre quei maledetti bolscevichi si impadronivano dell europa dell est ed entravano a berlino

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    hai ragione,e se Hitler non avesse attaccato la Russia,sarebbero rimaste alleate?,anche se credo: che la Germania avrebbe comunque perso la guerra,secondo me...parte della storia sarebbe cambiata.ciao

  • T-34
    Lv 4
    1 decennio fa

    è la voglia di dominare, la voglia di potere, gli americani semplicemente sono i più bravi nel dominare e ad avere la facciata del paese difensore della libertà.

  • Ieri ...PAX ROMANA....Oggi .......PAX AMERICANA ...Domani...chissa`.....

  • Anonimo
    1 decennio fa

    sinceramente, una vita umana vale più di tutte le crisi economiche di questo mondo

  • 1 decennio fa

    Vorrei aggiungere l'embargo a Cuba, i paesi sottosviluppati tenuti così dai paesi + ricchi compresi noi.

    Inoltre i vari esecutori di Hitler sono fuggiti in Argentina grazie agli aiuti della chiesa cattolica attraveso l'Operazione Odessa, e nel tempo sono diventati influenti nella politica di quel paese tanto che dietro il golpe del 1976 in cui presero il potere i militari sotto il comando di Videla (cultura i nazzista) anche li nelgi anni successivi sparirono milioni di persone un intera generazione sprita nel nulla(desaparecidos) dopo aver subito indicibili torture.(Nessuno pago per questo).Il tutto mi sembra appogiati dal governo di Kissinger.

    Non di mentichiamo Pinochet che insaguino il cile.

    Amin Dada dittatore del Uganda che fece 300 000morti morì in esilio

    Il dittatore Franco in Spagna

    Purtroppo la storia si ripete

    le crociate, la santa inqusizione, il massacro degli indiani in America, adesso la guerra santa dei mussulmani chissa.....

    Ciao

  • darkho
    Lv 6
    1 decennio fa

    Ma che bel cumulo di scemenze.

    Conosci il significato italiano di "ipocrisia"?

    L'aggettivo "ipocrita" non lega con il sostantivo "guerra".

    La guerra è morte, distruzione, rovina e disperazione, non certo "ipocrisia".

    Invece di partorire questi brillanti pensieri (che centinaia di persone prima di te hanno già concepito) ti consiglio di pensare meglio a quello che dici e soprattutto usare termini corretti.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.