Crystl ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Vorrei la vostra opinione. Grazie?

Ciao a tutti, vi chiedo un consiglio: la mia cara amica è affetta da sclerosi multipla (anni 40) e vive con un ragazzo (anni 39). Si sono conosciuti 7 anni fa. Lei è bella e lui chiaramente ne è rimasto colpito. Si sono frequentati e alla fine lei gli ha confidato della sua malattia. Lei rimane contenta dal fatto che lui, rispetto ad altri, non fugge davanti a questa verità. Dopo poco sono andati a convivere...qui inizia il problema. Lei lavorava in uno studio dentistico di prestigio, lui idraulico. Lei usciva da una storia difficile...Lui dalla droga! Lei conduceva una vita normale e poteva permettersi economicamente molte cose. Lui riceveva aiuto dai suoi famigliari a inserirsi nuovamente nel mondo del lavoro. Lui inizia ad avere seri problemi economici e coinvolge anche lei, persona molto generosa. Lui è in mano agli usurai per una partita di droga che si è goduta in passato e che chiaramente a suo tempo non ha pagato. Lei inizia a credere alle sue bugie “ sto per finire.....manca poco ed ho finito"...Il tempo passa! I primi anni lei inizia ad avere problemi con la malattia così decide di svolgere tutte le pratiche per andare in pensione. Le placche erano 4 oggi sono 6! Lei chiede aiuto a tutti gli amici, parenti, famigliari per aiutare lui a restituire soldi…soldi…soldi….quasi tutti i giorni! Lei inizia con le finanziarie. Tutto va rotoli...bollette, prestiti, soldi in contanti...gira come una trottola e inizia a vivere giorno per giorno con quello che può. Lui promette, mente...bugiardo! Va avanti e chiede sempre piangendo affinché la mia amica chieda ai suoi amici o famigliari per aiutarlo. Passano 7 anni...ancora oggi lui dice di aver quasi finito... Lei continua a pagare le finanziarie e a recuperare soldi dove può. Lui lavora, ma ai suoi (che se la passano bene) non chiede nulla, anzi fa intendere che è la sua compagna ad avere problemi economici. E’ in società con il padre e il fratello…riferisce a lei che devono sempre fare i conti per i lavori svolti…ma, a casa porta sempre poco! Però non si fa mancare le Marlboro, la colazione, la schedina, il Campari e altre bevutine durante la giornata. Alcuni anni fa avevo rotto con lei perché con determinazione la rimproverai per la sua vita e per ciò che si era messa accanto!Ha preferito chiudere il nostro rapporto... Ok, l'amore vince! Poi, piano piano….ci siamo riavvicinate. La cosa intanto è peggiorata ed io, cretina, continuo a rimproverarla quando nessuno la vuole aiutare, né amici, né famigliari perché la gente si stanca…perché è lui la sua vera malattia! Lei risponde..."mi prepara il pigiama, la colazione, la camomilla, la borsa...". Io gli rispondo: "si, ma sei tu che vai sempre a chiedere soldi per lui! Sei tu che non puoi più permetterti la piscina per la tua malattia,

; sei tu che stai peggiorando fisicamente; sei tu che non puoi permetterti una vita normale; sei sempre e solo tu che non puoi avere amici perché quando beve diventa volgare! E per me fa uso di droghe!!! “ Lei: “no, fa i controlli per questo! Lui è buono! Quando la mia famiglia gli chiede qualche cortesia lui corre!” Rispondo:” certo!Ci mancherebbe!Dopo tutto quello che avete tolto alla tua famiglia! Anche di nascosto!!!” Oggi non ci ho visto più! Ho cominciato a tirare fuori ogni rospo! Che vuole falsità intorno a lei, che si fa spolpare come un osso; che l’ha ridotta in miseria; che anche con me è diventata scortese, cafona, arrogante! Non posso consigliarle nulla per farla star meglio…subito aggredisce!La ragazza che conoscevo, dolce, educata, garbata, elegante....è sparita! Lei ha iniziato a urlare dicendo che non dovevo più rompergli i c....riguardo il suo compagno e che io voglio imporre la mia volontà, perché siamo diverse! Anch’io convivo da ben 9 anni e sto con il mio compagno da 15! Ci rispettiamo e nonostante io sia precaria nel mondo del lavoro nessuno mi ha mai spinta subdolamente a chiedere aiuto alla mia famiglia! Lei appena può mi ferisce anche su questo, tanto che una volta che sono andata a chiedergli conforto per una discussione (molto rare) che avevo avuto con il mio compagno…. Mi sono sentita rispondere : “Visto? Nono sput….in aria che in faccia ti torna!” Non c’entrava proprio questa sua risposta con il mio problema, perché i nostri partner appartengono a due mondi completamente diversi! Vorrei chiudere con lei...Sono convinta del suo affetto però questa sua poca sincerità per proteggerlo....mentre lui, l'infame non la molla....mi stanca! Ora chiedo a voi...cosa pensate di questo rapporto? Faccio bene ad affermare le mie idee? Cosa pensate di lui? Di lei? Datemi consigli perché inizio a credere di non aver capito quale sia a direzione giusta per aiutarla. Vorrei sottolineare che lui non intende assolutamente denunciare le sanguisughe e non potrò evitare d’incontrarla: abita accanto a mia madre! Grazie di cuore.

Aggiornamento:

Vorrei chiedervi cosa ne pensate del fatto che lei per aiutare lui abbia versato assegni con il nome del padre sul suo conto prelevandogli anche contanti...senza dire nulla.

9 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Attenta!Continuando cosi potresti passare dalla parte del torto.La tua amica non vuole essere aiutata nel senso che vuoi tu:non vuole lasciare il suo uomo ed è innamorata,nonostante tutto.Tu,che stai fuori dalla situazione,riesci a vedere cose che lei non pùò vedere.Le hai dato consigli preziosissimi,sei stata una vera amica,perciò hai fatto bene a dichiarare sempre cosa pensavi e pensi.. ma ora,anche se a malincuore,devi farti da parte!Ho una carissima amica,che da anni ha un problema psicologico serio,ci siamo molto allontanate anche se io le voglio bene come prima.Ma lei,da quando si è ammalata, ha cominciato a vedere solo se stessa e i suoi problemi,a ragionare a modo suo.Ho capito giorno dopo giorno che non era più possibile avere lo stesso rapporto di prima e che dovevo cominciare a considerare la nostra amicizia in modo diverso.Alla fine non mi ha mai fatto un torto personale o qualcos'altro di cattivo.Semplicemente è cambiata.Ha fatto scelte che io non ho capito ma che ho accettato.E non è stata più quella di prima.Ad esempio,sono successe molte cose nella mia vita,anche serie,e lei non le sa..perchè ha smesso di interessarsi alle altre persone e a quello che provano,ora vede solo il suo universo isolato.Ti ho parlato di questo per dirti che le persone che stanno male iniziano a pensare solo a stesse.La tua amica è affetta da una grave malattia,che peggiora di giorno in giorno.Il suo compagno ,bugiardo, debole e sbagliato per te e per tutti gli altri,per lei è invece il suo mondo:il suo unico punto di forza,la sua sicurezza affettiva,la sua vita normale.Lui la assiste,lui condivide il suo dolore fisico e mentale,lui conosce le sue paure...(cito,"mi prepara il pigiama, la colazione, la camomilla, la borsa...".) anche se poi "non si fa mancare le Marlboro, la colazione, la schedina, il Campari e altre bevutine .."

    Adesso tu PUOI smettere di volerle bene o volergliene quanto prima, ma DEVI smettere di tentare di cambiarla.

    Fonte/i: parere ed esperienza personale.Ciao
  • farlow
    Lv 4
    4 anni fa

    corri da lei e tieni sempre a mente quello che hai capito di sbagliare!!! di solito voi ometti poi, quando le cose tornano a posto, vi sedete, dimenticate e ritornate a fare gli stessi errori! Concordo sul mazzone di fiori e si ti fai trovare tu sotto casa con quello in mano!!!!!!

  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa

    io fossi in te, quello che hai scritto qui, lo direi ai parenti, ai genitori, puo' essere che tutti insieme non riusciate a farla ragionare, sono convinta che per la paura di rimanere sola, sia pronta a tutto(secondo me,pur sapendo molto bene come stanno le cose!) poi, ci sono anche quelli della famiglia di lui, che forse sono allo scuro ed andrebbero informati!!

    Puoi fare cosi', poi, se lei non vuole ascoltare nessuno, lasciala perdere!!!!

    Verdy

  • lelly
    Lv 5
    1 decennio fa

    la tua amica , la chiami ancora amica, è malata ma penso che questo c'entri poco con il suo atteggiamento, è semplicemente una persona che non vuole vedere o meglio vuol far credere di non vedere, in che razza di situazione è. sono persone che per quanto tu gli dica la verità sui loro compagni, non chiacchere ma cose reali, trovano sempre il modo di difenderli, in un modo o nell'altro. magari in un momento di sconforto ti raccontano il loro malessere ma poi sono subito pronte a difendere questa specie di compagno. credimi è una partita persa. sinceramente la frase sullo sputo la trovo di una cattiveria unica, ma è tipica di queste persone. consiglio: visto che sei costretta a vederla, salutala pure, ma non chiederle e non dirle più niente, lascia che si rovini con le sue mani, non considerarla tanto amica, è troppo presa dal salvare il suo grande amore. se prima o poi sarà lei a chiederti o a venirti a cercare, rimani molto sulle tue e falle capire che ti sei sentita molto offesa e visto che lei non vuole i tuoi consigli, tu non le dici più niente

    Fonte/i: ho in corso una situazione diversa ma per certi versi simile alla tua. ho una cugina che ha un marito impossibile sotto tutti i punti di vista. io sento che prima o poi scoppierà , forse le sta venendo un esaurimento, so che regge ancora solo perchè si sfoga minimo 1 ora al giorno con sua madre. io le ho dato dei consigli quando lei è veramente in crisi, ma lei trova sempre il modo di difenderlo e se per caso capita qualche cosa a me, che ho un marito stupendo, riesce sempre a darmi delle frecciatine non proprio simpatiche, tenta di ferirmi, poverina. pertanto ho deciso che d'ora in poi starò zitta, che si arrangi
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    mi spiace per questa situazione, capisco la tua frustrazione e incazzatura. Se la storia sta esattamente così, condivido pienamente le tue idee. Io mi trovo in una situazione "simile"... ho uno dei miei più cari amici con dei problemi evidentissimi, ma non riesco ad aiutarlo in nessun modo. Se ne sento di storie del genere e mi sono sempre chiesto come potesse una donna (e più raramente un uomo) stare con qualcuno che ti sfrutti o ti faccia violenza.

    Secondo me amici e parenti possono fare ben poco... solo stare vicino e cercare in qualche modo di fare capire quando questa persona sia sbagliata. Una cosa che puoi fare forse è cercare di parlare con la famiglia... http://www.telefonoamicocevita.it/index.php?page=l...

    nel link trovi dei numeri che forse ti posso essere d'aiuto... prova a vedere magari coinvolgendo qualcun'altro: un'altra amica, il tuo ragazzo, famiglia, un'amica comune...

  • Sara
    Lv 4
    1 decennio fa

    Mal voluto non e' mai troppo..

    A me fanno arrabbiare queste persone ke si rendono cieche anke se hanno la realta' spiaccicata in faccia!!!

    Tu hai provato ad aiutarla, e lei se n'e' infischiata. E' l'ora secondo me ke tu la lasci perdere. Se a lei sta bene tt cio'... Contenta lei contenti tt..

    Solo ke quando se ne rendera' conto sara' tr tardi..

  • 1 decennio fa

    oddio secondo me ti conviene rompere i ponti

    1) alla fine anche lei se ne renderà conto, anche se sarà troppo tardi

    2) fa male anche a te vederla soffrire così e poi alla fine ci penserai sempre, sia a lei che alla fine che sta facendo per colpa di questo qui..

    mi dispiace ma questo è il mio parere secondo me il loro non è un rapporto sano ed è basato sull'approfiittare di lui nei confronti di lei..fai benissimo a dire ciò che si pensi...lui è un poco di buono e lei è troppo buona per continuare ad avanti così

    ciao ciao ***kiss***

  • 1 decennio fa

    E' una situazione delicatissima.

    Come già saprai l' SM è una malattia bruttissima degenerante, piscina o non piscina, puoi alleviare i sintomi, ma per ora non c'è cura atta a risolverla.

    Quindi io credo che i soldi non interessino molto alla tua amica e stia pensando ad altro e credo anche che lui a suo modo la ami.

    Io continuerei ad essere sua amica lei senza più metter parola sul loro rapporto.

    Questo è ciò che spontaneamente mi vien da scrivere, ma ripeto è difficile esprimersi su tali situazioni.

  • 1 decennio fa

    ehi cryss...è il classico triangolo...cioè lui-lei e l'amica/o di lei o lui...quando si è innamorati come ben saprai non si ragiona più con la testa ma con il cuore...perciò non te la prendere per ciò che ti ha detto la tua amica..forse era arrabbiata,tesa,stanca della situazione e non pensava sul serio ciò che ha detto...insomma capita di dire cose che non si pensano..tu hai fatto il tuo dovere..cioè raccontarle la cruda verità prima che finisca veramente male..ora tocca a lei..se lei non vuole sentire ragione e va avanti cosi allora non ci puoi fare niente...non è colpa tua...prima o poi lo capirà da sola..spero solo che non sia troppo tardi..have a nice day

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.