Anonimo
Anonimo ha chiesto in Affari e finanzaLavoro e carrieraLegislazione · 1 decennio fa

Info per contratto a progetto?

Ciao,

sono andato a fare il colloquio in un piccolo centro commerciale dove sembrava mi avessero preso per la mia abilita' come venditore e invece e' stata una mezza truffa in quanto mi hanno detto di assumermi con contratto a progetto di 1-2 anni con stipendio netto di 950 euro mensili e 44 ore lavorative settimanali.

Visto che ero a casa ho deciso di provare ma non ho firmato nulla nei 3 gg che ho lavorato, il titolare mi ha solo dato un foglio (copia di un fax) sul quale diceva di aver comunicato alla Provincia di avermi assunto. Fatto sta che io non ho firmato nessun contratto ( se non il fax che ho inviato da casa mia con la copia della carta d'identita' e del c.f. che avevano detto serviva per preparare il contratto). Mi ha detto che in settimana avrebbe preparato il modulo e me l'avrebbe dato. A parte questo il lavoro invece che di venditore era quello di facchino e di montatore di mobili, cosa che per la mia schiena e' stato un toccasana. Se vengo assunto come commesso/venditore non devo fare il facchino o il montatore di mobili.

Pertanto dopo 3 gg ho mandato le dimissioni via fax e basta.

Moh quei giorni che ho lavorato me li pagano ?

Come si fa ad assumere uno senza fargli firmare nulla ?

Grazie

p.s. forse capisco perche' quando pioveva mi diceva di stare attento a non scivolare, occhio a non cadere etc...

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Sono contratti che hanno appunto un "progetto" stipulato tra datore di lavoro e colloaboratore tramite contratto scritto che prevede la durata di suddetto progetto e la cifra lorda totale per la durata del contratto.

    Delle volte sono previsti dei rimborsi spesa (nel caso di spostamenti con l'auto) e in rari casi anche il trattamento di fine mandato (che varrebbe un pò come la liquidazione) ma sono davvero pochi i datori di lavoro che la inseriscono nel contratto.

    Non ci sono ferie pagate, non c'è la 13 nè la 14ma;non hai vincoli di orario perchè i collaboratori non hanno il cartellino da timbrare; se sei malata non hai obbligo di invio del certificato all'Inps perchè non vieni pagata (anche qui ci sono due correnti di pensiero: quelli che in un mese anche se sei stata malata 15 giorni ti pagano il mese intero come se tu fossi stata presente, altri che ti riproporzionano lo stipendio considerando i 15 giorni di assenza...). Ti vengono pagati i contributi INPS (per i collaboratori a progetto si chiama gestione separata) 1/3 a carico tuo, 2/3 a carico del datore di lavoro (tutto trattenuto dalla busta paga) al momento dell'assunzione viene fatta una comunicazione all'Inps con i dati del collaboratore a progetto allegando a questa iscrizione copia del progetto stesso (perchè se l'inps non lo considerasse valido può farlo saltare riconducendolo a lavoro dipendente) e quando il contratto finisce viene fatta una comunicazione per cancellare il dipendente dalla gestione separata.

    Accettalo pure, ma se poi trovi qualcosa di meglio cambia perchè resto dell'idea che i contratti a progetto sono delle truffe legalizzate!

    Fonte/i: A.G.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Quando si assume un collaboratore parasubordinato autonomo a progetto non si è tenuti assolutamente a farne comunicazione alla provincia, e già questa è una presa in giro; non ti si deve essere promesso un fisso vincolato da un orario di lavoro in quanto il lavoro a progetto viene pagato a cottimo e te lo gestisci tu; hai sbagliato a dare le dimissioni, in questi casi NON BISOGNA MAI FIRMARE ALCUNCHé perchè è come se accettasi delle condizioni di un qualche rapporto, dovevi prima sentire un sindacalista. Lui ti stava facendo lavorare in nero e in condizione illegittima, tutto qui, se hai la copia di quel fax puoi denunciarlo all'INPS o allla Direzione Provinciale Del Lavoro in quanto doveva farti firmare un contratto entro 2 gg.; l'unica arma che abbiamo in questi casi è scappare subito, non accettare qualsiasi umiliazione come fanno in molti per paura, anche perchè poi dalla parte del torto ci passi tu. Forza e coraggio, quel deficiente ci ha provato ma sei stato più furbo di lui, speriamo che ti paghi nei primi 10 gg. del mese successivo a quello lavorato.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.