Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiStudi di genere · 1 decennio fa

Voi credete nella teoria di Darwin?

La teoria di Darwin:

Gli individui di una popolazione sono in competizione fra loro per le risorse naturali; in questa lotta per la sopravvivenza, l'ambiente opera una selezione, detta selezione naturale. Con la selezione naturale vengono eliminati gli individui più deboli, cioè quelli che, per le loro caratteristiche sono meno adatti a sopravvivere a determinate condizioni ambientali; solo i più adatti sopravvivono e trasmettono i loro caratteri ai figli. In sintesi, i punti principali su cui è basata la teoria evoluzionistica di Darwin sono: variabilità dei caratteri, eredità dei caratteri innati, adattamento all'ambiente, lotta per la sopravvivenza, selezione naturale ed isolamento geografico.

premetto che io ci credo. voi?

Aggiornamento:

@ Rose's Jade mi sa che puoi affibbiarmi tutti gli aggettivi che vuoi tranne quello di razzista...la definizione l'ho scaricata di wikipedia appunto per non scrivere cavolate...

p.s. la tua opinione la puoi dare anche evitando di offendere, potevi chiedermi x quale motivo la penso così piuttosto che giudicarmi subito, potevi anche non rispondere se la domanda ti irrita.

Aggiornamento 2:

p.s. dove sta scritto che una xsona non può parlare di ciò che non conosce? ci si parla proprio per imparare cose nuove no?

Aggiornamento 3:

@ utente ma se ci pensi queste cose rientrano cmq nella teoria perchè se è vero che i più forti "sopravvivono" anche il nepotismo o le raccomandazioni possono essere indice della "supremazia" del più forte...ovvio che bisogna modificare un pò la teoria per adattarla ai giorni nostri

Aggiornamento 4:

@ rose's jade, scusa ma cosa centrano gli animali ora?

Aggiornamento 5:

@ waveclimber concordo con te

Aggiornamento 6:

@ utente: approfondirò le mie teorie :)

Aggiornamento 7:

@ rose's jade ovvio che parlo di esseri umani :(

Aggiornamento 8:

meno male che la maggior parte delle persone ha ben interpretato quello che volevo dire, il mio non voleva essere un discorso razzista :(

Aggiornamento 9:

@ Sabrina Ducati Version ho letto ora la tua correzione :) sorry ma l'ho copiata pari pari da wikipedia, non è farina del mio sacco visto che avevo paura di scrivere eresie ho copiato la loro definizione.

Aggiornamento 10:

p.s. cmq Rose's Jade sbagli su una cosa fondamentale, non tutti gli uomini hanno le stesse facoltà intellettive...

21 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Ciao , su Darwin è stato detto di tutto e di più , allora la *Teoria è vera e ancora attuale* ( è ancora in corso una Selezione, solo che non è più basata su criteri fisici ) , ma sul fatto che l'Uomo discenda dalla scimmia c'è molto da discutere, e sugli *anelli mancanti del'evoluzione* stendiamo un velo di pietoso silenzio. Per come la vedo io la scimmia è discesa dall'uomo , è un "Homo" che si è involuto mentre gli altri invece si evolvevano ; le storie su Lucy e compagnia sono balle catastrofiche , e ..posso continuare ? la "datazione al Carbonio 14" ha delle lacune ( dei difetti ) e lascia non poche perplessità , e sopratutto La Scienza NON ha tutte le risposte , forse perchè se uno *ricerca* o *scopre* fuori dal coro o fuori dalla Lobby che in quel momento comanda *viene ridicolizzato o tagliato fuori* . Chi passerà oltre ? chi si evolverà ? chi saranno *gli evoluti* che passeranno oltre ? passerà quella ( piccola) parte di umanità che sta imparando ad usare " correttamente " il suo cervello . i laureati del "so tutto a memoria " saranno spiazzati da quelli del " vediamo di ragionarci sopra e capire come funziona " . L'umanità del futuro sarà nuovamente in grado -per esempio- di collegarsi col mondo Spirituale , solo che lo farà coscientemente , non come nel passato che lo faceva andando in trance e non come adesso dove si nega tutto ( è nelle Profezie , ma è arduo affrontare qui l'argomento ) . Se l'umanità fosse stata meno ottusa e meno bigotta , se fosse stata meno oscurantista e meno attacata al dio Potere-Denaro avremmo avuto il benessere di oggi 500 anni fa come minimo , e oggi forse saremmo su un altro Pianeta . *Questa umanità* , quella stupida-ottusa-bigotta-retrograda-insensibile - deintelletualizzata , sarà destinata a perire , "l'Altra Umanità " invece sarà destinata a *ricostruire* ( altre Profezie , da leggere ) . L'uomo non ha più bisogno di evolversi fisicamente , il suo fisico è già pressochè perfetto , ha bisogno invece di evolversi sul piano della Coscienza e della Razionalità , due cose che stridon col Potere delle varie Baronie che attualmente dirigono Impresa e Ricerca, Studi e Cultura . io la penso così . Ciao

    • Enisa5 anni faSegnala

      Pur essendo una risposta di 6 anni fa, bisognerebbe farla leggere ancora oggi.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    per rispondere direttamente alla domanda ti dirò che ci credo. allo stesso modo vedo che oggigiorno la tendenza umana è quella di andar controcorrente e di salvaguardare i deboli a tutti i costi, cosa che immagino finirà per alterare il normale processo evolutivo.

    non sono un antropologo, probabilmente non avrei dovuto esprimere la mia ignorantissima opinione. chiedo umilmente perdono.

    ps: anche se non sono un esperto mi sembra che ci sia una bella differenza tra "individui più deboli" e "individui considerati più deboli". la seconda porta al razzismo, e citarla in luogo della prima è pura voglia di polemica gratuita.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Certo che ci credo.

    Nememno quando ero credente ho mai pensato minimamente al creazionismo

    ___

    Ma perchè la spolliciata??

    Credo nell'evoluzione, che male c'è? Persino i virus si evolvono continuamente, mamma mia che rompicojoni che siete

    ___

    Se proprio dobbiamo dirla tutta questa teoria è applicabilissima alla società attuale: chi, coscientemente, genererebbe un figlio con persone affette da malattie genetiche e non, sconosciute e\o debilitanti, infettive, incurabili e\o mortali? Nessuno.

    Parlo da ignorante, ma mi baso su quello che vedo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • AK-47
    Lv 6
    1 decennio fa

    Oggi l'uomo non ha più la selezione naturale. Anzi gli uomini migliori sono quelli che muoiono prima perchè mandati in guerra, oppure hanno mansioni speciali dove servono capacità fisiche non indifferenti, oppure stanno così bene da mettersi loro stessi nei guai....

    In pratica la selezione <naturale> non esiste più, se non in qualche isolata parte del pianeta .....sia per uomini.....che per animali, ( a questi ultimi ci pensano i cacciatori)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    l'evoluzionismo studiato da darwin è inapplicabile alla società contemporanea.

    sono infatti da aggiungere variabili quali il nepotismo, le raccomandazioni e i gradi di parentela

    @carmen

    non ne sono certo. L'evoluzione parte dal presupposto che l'individuo più adatto (il che differisce da "il migliore") alla sopravvivenza in un dato luogo è quello che ne prende il dominio, quindi il controllo.

    Con la raccomandazione non è l'individuo più adatto a prendere il controllo...

    @rose's

    non per essere puntiglioso, ma credo che il discorso di carmen non fosse relativo alle razze, ma quanto ai singoli individui. non mi è parso di leggere in quel che ha scritto niente di razzista a dire il vero.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • SDV
    Lv 7
    1 decennio fa

    Scusa Carmen, ma te la voglio fare questa correzione, scusami: si dice" ereditarietà dei caratteri", innati lo lascerei stare.

    @ K non ho capito cosa c' entra l' anello mancante con la teoria di Darwin.

    @ Rose' s Jade: sei antropologa, ok. Ma la teoria di Darwin va al di là

    del genere umano, comprendendo le varie specie presenti sulla Terra. Non esistiamo solo noi. Comunque, la cosa ti scandalizzerà, forse, ma in Biologia si parla proprio di Individui, anche riferendosi ad altre specie.

    ---------------------------------------------------------------------------

    Carmen G, giustamente ha parlato di INDIVIDUI. Gli individui in Biologia sono esseri viventi appartenenti a specie diverse.

    ------------------------------------------------------------------

    A dirla tutta ci sono varie correnti che influenzano il pensiero scientifico sull' argomento. Le basi della teoria darwiniana sono il pilastro su cui si fonda la Biologia Moderna, tenendo presente però le scoperte genetiche sull' eretitarietà dei caratteri, che ne hanno modificato un po' il profilo.

    ----------------------------------------------------------------------

    @ Evelyn. un atteggiamento molto scientifico. Mi dici su quali studi accreditati ti basi? Quali sono le tue fonti?

    Non mi dire La Bibbia......mi cascherebbero le braccia.....

    ---------------------------------------------------------------------

    Non ho voglia di dilungarmi sulla Teoria e annoiare, ma se qualcuno è interessato ad un dibattito SCIENTIFICO, mi scriva pure una mail.

    -------------------------------------------------------------------

    Un momento, Carmen: non puoi estrapolare una teoria e applicarla come ti pare a te. Le facoltà intellettuali non sono caratteri ereditari geneticamente dimostrati....attenta....stai commettendo un errore......se non sei pratica dell' argomento ( sei biologa????) abbi la decenza di tacere. Stai vaneggiando teorie inesistenti applicandole come vuoi tu, a càzzo.

    ------------------------------------------

    @ Alfredo: mi correggo, hai ragione tu volevo scrivere effettivamente " intellettive" non intellettuali....Grazie.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Sì ci credo ma è il caso di ricordarsi che non si applica al tipo di evoluzione seguita dall'essere umano negli ultimi 200000 anni, perchè per noi quella che conta è la cosiddetta selezione culturale, che è una cosa completamente diversa! Nel caso dell'uomo i caratteri che si dimostrano efficaci nella lotta per la sopravvivenza etc sono di tipo culturale, cioè assunti durante lo sviluppo mentale e sociale della vita dell'individuo e poi tramandati, e non caratteri di tipo biologico, cioè ereditati per mera via genetica. Tra questi caratteri culturali fanno parte anche le cosiddette capacità intellettive, che sono il risultato più di determinati stimoli ambientali che di una certa combinazione genetica - come ti ha giustamente detto sabrina. Per dimostrare questo ti basti pensare al caso di 2 bambini, l'uno discendente da 7 generazioni di scienziati intelligentissimi, l'altro discendente da 7 generazioni di contadini scarsamente intelligenti, che vengono educati in questo modo: il primo non lo si manda a scuola e lo si mette davanti alla televisione, al secondo invece si provvede con la miglior educazione e le migliori scuole possibili. Tra i due, nonostante il deficit di partenza, quello che risulterà avere le capacità intellettive superiori sarà sicuramente il secondo!

    Detto questo, per fare un esempio banale di quello che intendo per selezione culturale...basta pensare al caso del contatto tra europei e indios americani nel 500: i primi hanno massacrato i secondi perchè la loro cultura li rendeva in grado di dominare meglio l'ambiente e quindi anche le altre popolazioni (conoscevano l'uso della polvere da sparo e della ruota, oltre a strumenti giuridici in grado di rendere la loro società più efficiente).

    Quindi insomma sono le società con una cultura complessa e capace di trasmettere di generazione in generazione una moltitudine maggiore di conoscenze e saperi a diffondersi di più e a dominare sulle altre, e non quelle dove gli uomini sono più forti e si riproducono di più - come vorrebbe un'applicazione rigorosa della teoria di Darwin ai fatti dell'umanità!

    Scambiare i caratteri culturali, che sono proprio quelli che ci hanno permesso di evolverci così tanto, per i caratteri biologici, cioè quelli di cui parlava Darwin, è un errore grossolano e gravissimo.

    Il darwinismo è una teoria biologica, non una teoria sociale o culturale.

    L'ultimo a fare quest'errore è stato Hitler e sappiamo benissimo che fine hanno fatto lui e le sue idee.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 42
    Lv 5
    1 decennio fa

    Mi suona un pò strano pensare che un sistema iper-complesso come un organismo animale si sia evoluto da un'ameba per passi casuali/adattativi.

    Però la teoria creazionista mi convince ancora meno.

    Se trasli questa teoria alla popolazione umana(in particolare a quella italiana), io credo che ci sia una selezione darwiniana al contrario, vista l'allucinante massa di tamarri ed idioti che circola, non so se la fanno gli uomini(i più forti si prendono la donna) o le donna (che selezionano i più forti)

    Fatto sta che il decadimento civico e morale è lampante, e sempre di più ci stiamo imbarbarendo.

    Che sia un adattamento ad un mondo che presto diverrà violento ed inospitale?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • xXx
    Lv 5
    1 decennio fa

    Non mi sbilancio sulla questione dal momento che non ritengo di avere le competenze necessarie, ma vedo che qua molti sono dei veri esperti in materia...e da persone intelligenti, anziché spiegare a Carmen che ha posto la domanda le loro ragioni, si limitano ad affermazioni del tipo "io so questo, io sono quello...". Complimenti. Credevo che answer fosse un luogo in cui chi cerca domande trova risposte, non persone che si auto elogiano dicendo che non si vogliono dilungare su argomenti che forse l'utente che pone la domanda trova interessanti... Evidentemente mi sbagliavo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Certo, solo in un altro ordine: variabilità genetica, selezione naturale e in fine adattamento; poi abbiamo lotta per la sopravvivenza - uomo che mangia animale, vince l' individuo più forte - che può essere racchiusa nella relazione preda-predatore.

    L' Isolamento genetico avviene tra individui della stessa specie, e una di queste, dopo molto tempo di isolamento dalle altre - appunto isolamento geografico -, non può più riprodursi con gli altri gruppi della stessa specie, come le coppie di fringuelli studiate da Darwin nelle isole Galapados.

    Ogni individuo è diverso da un altro - persino i gemelli, che comunque sono fratelli sviluppatasi e fecondati nello stesso arco di tempo -

    La selezione naturale avviene soprattutto tra gli animali, infatti sopravvivono i cuccioli più forti, e non quelli più fragili.

    L' adattamento, come diverse forme di mimetismo animale, avviene anche negli uomini. L' uomo si è adattato a vivere sulla terra....

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    una volta era così, la società odierna invece ha la capacità di far sopravvivere più o meno tutti (nel bene o nel male) quindi anche i "deboli" non rischiano di estinguersi.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.