promotion image of download ymail app
Promoted
Silvia
Lv 5
Silvia ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Qual è il confine tra una critica costruttiva ed una cattiveria gratuita?

...perché spesso pare abbiano lo stesso abito e sorridano entrambe...

Voi come riuscite a distinguere l'una dall'altra?

Buona giornata

15 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Io credo che quel confine stia nella differenza esistente tra coloro che indossano quello 'stesso abito'...

    Ci sono uomini rozzi che pur indossanno giacca e cravatta, tali restano...

    Ci sono donne volgari che pur indossando uno splendido abito da sera, risultano sgradevoli ugualmente alla vista...

    E ci sono uomini e donne che nella loro semplicità riescono ad emenare un fascino particolare pur indossando una semplice t-shirt ed un jeans...

    Se facessimo un 'parallelo' nel campo dell'animo umano, potremmo dedurne la stessa considerazione...

    ...perchè ci sono persone dotate di una straordinaria nobiltà d'animo che, pur usando una stessa forma espressiva di altre persone che questa 'nobiltà d'animo' non la possiedono affatto, riescono ad indurre in noi un ragionamento tale da farci comprendere dove possiamo migliorare, dove possiamo correggerci, dove e come evitare in futuro l'errore evidenziato... credo che questa si chiami critica costruttiva...

    ...e si differenzia dalla cattiveria gratuita che è solitamente consegnata al 'destinatario' con l'intento 'distruttivo', e che ha come unico scopo, quello di annientare mentalmente la persona a cui è rivolta, senza darle la minima possibilità di riflessione ( a cui va aggiunta l'indecorosa soddisfazione del mediocre 'mittente')...

    Molto dipende anche dalla nostra sagacia...

    ...e credo che quest'ultima sia spesso il valore aggiunto che ci aiuta a distinguere l'una dall'altra... :)

    Buona giornata a te, buon week end ed un abbraccio... ;))

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Certe volte dipende da come lo dicono e capisco la differenza...altre volte capisco male perchè forse sono prevenuta nei confronti di quella persona.

    ciao:)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Ofelia
    Lv 5
    1 decennio fa

    la critica costruttiva è tale quando chi ti sta criticando ti indica nuovi modelli di comportamento basandosi sulle tue reali possibilità di realizzarli e non esaltando se stesso e ponendosi fra te e il tuo problema facendoti capire come lui al tuo posto avrebbe molto meglio gestita la situazione -il confine è proprio li nelle paroline molto indicative "io al tuo posto..."e giù da queste parole la distruzione e l'avvilimento di ogni tua capacità ti farà in breve tempo sentire incapace ed inadeguato per cui è necessario fuggire velocemente da tutti coloro che iniziano un discorso con queste fatidiche parole:IO AL TUO POSTO AVREI::::::! essi mirano soltanto a sentirsi migliori di te e a fartelo sapere ascolta invece e segui ad occhi chiusi chi ti dice che hai tutti i numeri per farcela e che in te c'è un forte potenziale che può condurti alle mete che meriti- anche se a seguito di queste parole venisse criticato il tuo operato non sarebbe distruttivo bensì valido supporto per ricostruire su basi migliori

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Secondo me la critica costruttiva riguarda il COMPORTAMENTO. Le persone sono quindi propense ad accettarla perché il comportamento si può cambiare con uno sforzo di volontà. (Es: sei scortese, hai lavorato male, non ti sei impegnato, ecc) Le critiche cattive colpiscono l'IMMAGINE di SE' e di solito sono anche accompagnate da un tono maligno ma ci sono persone che riescono a ferire col sorriso sulle labbra e la voce dolce. Si riconoscono bene per l'effetto che hanno sull'umore di chi le ha ricevute. (es sei scemo, non sei adatto a questo, sei vestito come uno spaventapasseri, ecc.)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Non lo so, ma diffido sempre di chi dice di criticare per il tuo bene.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'hai detto tu stessa, la critica quando è genuina, costruisce, invece, quando è motivata dall'invidia e mira solo a far male, distrugge. La prima dona benessere anche se all'inizio potrebbe sembrare il contrario, la seconda dona malessere dall'inizio alla fine.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Il confine si distingue dalla bocca di chi le pronuncia...

    Fonte/i: Mela!
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    La critica costruttiva è posta in maniera chiara e alla persona diretta interessata, senza veli, anche a costo di litigarci ma comunque non pubblica in alcuna misura. La cattiveria gratuita avviene nel momento in cui qualcuno critica apertamente davanti a tutti una persona, insistendo su un argomento su cui si è già parlato, riparlato e straparlato e alludendo ad esso in maniera diretta od anche solo con affermazioni di minor conto ma comunque pesanti per chi le riceve.

    Buon weekend

    Fonte/i: Il mio neurone Diego attualmente sta passando per questo, quelle che potevano essere critiche costruttive e che invece sono poste come cattiverie gratuite. Viva il farsi smerdare da tutti in pubblica piazza, sembra che non sappia agire in maniera diversa (e ad un certo punto non sto più zitto nemmeno io, eccheccazzo, subire e basta non esiste, non sono masochista è_é). Scusa lo sfogo [Adigrat lover *_*]
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Serena
    Lv 7
    1 decennio fa

    La critica costruttiva è quella data senza secondi fini con lo scopo di arrivare a delle soluzioni soddisfacenti; la cattiveria gratuita per me è riconoscibilissima, viene dato un giudizio negativo sull'altra persona al solo scopo di annientarla o di umiliarla.

    Ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    se c'è una cosa della quale sono fermamente convinto è che le critiche non sono mai, dico mai, costruttive...!

    altrimenti non si chiamerebbero "critiche". va da sè, quindi, che per il mio personalissimo punto di vista il confine è decisamente vicino se non addirittura coincidente con quello della cattiveria gratuita, che poi, sempre per il mio personalissimo punto di vista, altro non è che un modo come un altro per far venir fuori un pò della propria insoddisfazione repressa.

    per questo secondo me chi critica deve sempre essere visto con una certa malinconia e tristezza, infondo criticano cose che loro non hanno mai provato neanche a mettere in pratica, quindi, perchè rimanerci male?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.