Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

qualcuno può tradurre in inglese...grazie!?

Il notevole e crescente benessere dovuto all'industrializzazione cambiò radicalmente la vita delle donne. Sin dai primi anni del novecento, dall'Inghilterra si affermò il movimento femminile che ebbe i suoi maggiori successi quando Emmeline Pankhurst fondò, nel 1903, la ""Women's Social and Political Union (WSPU)" (Unione sociale e politica delle donne) con il preciso intento di far ottenere alle donne il diritto di voto politico poiché era concesso solo agli uomini tranne che per le elezioni ai consigli municipali e per le elezioni di contea. Il movimento femminile aveva come scopo quindi il raggiungimento di una parità rispetto agli uomini non solo dal punto di vista politico ma anche giuridico ed economico. Le donne volevano poter insegnare nelle scuole superiori, l'uguaglianza dei diritti civili, svolgere le stesse professioni degli uomini e soprattutto godere del diritto elettorale o di suffragio, termine dal quale deriva appunto il nome con il quale si era soliti indicare le partecipanti al movimento: suffragette, movimento sorto in Gran Bretagna alla fine dell'Ottocento per ottenere il suffragio elettorale femminile. Ottenuto il voto municipale (1869) e di contea (1880), esso si pose l'obiettivo del voto per il parlamento. Nel 1897 il movimento si strutturò nelle National Union of Women's Suffrage Societies. Il rifiuto di concedere l'estensione del voto femminile portò Emmeline Pankhurst a fondare nel 1903 un movimento che venne definito "militante": l'Unione nazionale sociale e politica delle donne. Questo si fece promotore di agitazioni come il disturbo dei comizi dei deputati, incendi nei negozi, edifici pubblici, culminate in numerosi arresti. Tale movimento fu definito delle "suffragette" in contrapposizione a quello delle "suffragiste" che perseguiva lo stesso obiettivo con metodi più moderati. Interrotte le proteste nel 1914 per contribuire alla causa nazionale, nel 1918 le donne sopra i trent'anni furono ammesse al voto politico e nel 1928 il suffragio fu esteso a tutte le donne. Anche negli Stati uniti si formarono dal 1869 movimenti analoghi infatti per tutto l'800, le femministe statunitensi lottarono non meno tenacemente di quelle inglesi, senza ricorrere, però, ad azioni violente: loro manifestazioni tipiche furono parate, cortei con fiaccole e striscioni, comizi e marce di protesta cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica. Proprio negli Stati Uniti, tuttavia, si verificò, all'inizio del secolo, un terribile episodio che la giornata della donna ricorda tuttora: l'8 marzo 1908 morirono durante un improvviso incendio, in una azienda tessile di New York, 129 operaie riunitesi in sciopero all'interno dell'edificio. Non riscontrando i risultati sperati, le suffragette inglesi passarono, così, a forme di protesta più violente; così nel 1912 proclamarono la "Guerra delle vetrine" prendendo a sassate ogni negozio londinese. Nel 1913 il movimento suffragista ebbe anche la sua prima martire: una giovane inglese, Emily Davinson, che si gettò sotto la carrozza reale durante un affollato derby e rimase uccisa.Riuscirono a ottenere il suffragio nel 1920. Il movimento statunitense diede vita anche all'Alleanza internazionale per il suffragio della donna.

Il movimento femminista aveva fatto, però, molta strada non solo in Inghilterra e negli Stati Uniti, ma anche in quasi tutti i paesi d'Europa, dove le donne riuscirono ad eguagliare l'uomo in tutti i campi e ad ottenere, persino, il diritto di voto.

La donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell'uomo. L'esercizio dei diritti naturali della donna non ha altri limiti se non la perpetua tirannia che le oppone l'uomo. Questi limiti devono essere infranti dalla legge, dalla natura e dalla ragione (dalla dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, Francia 1789). Se la donna ha il diritto di salire sul patibolo deve avere anche il diritto di salire sulla tribuna (Olimpia de Gouges, autrice fatta ghigliottinare da Robiespierre nel 1793).

10 punti

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    The significant and growing prosperity due to industrialization radically changed the lives of women. Since the early years of the twentieth century, from England is said that the women's movement had its greatest successes when Emmeline Pankhurst founded in 1903, the Women's Social and Political Union (WSPU) "(Union social policy and women) with the aim to get women the right to vote because it was political only to men except for the elections to municipal councils and county elections. The women's movement had as its purpose and the achievement of equality with men not only from a political but also legal and economic. Women wanted to be able to teach in secondary schools, equality of civil rights, perform the same jobs as men, and above all enjoy the right to vote or suffrage, a term which derives from the fact name under which it was used to identify the participants in the movement: suffragette movement arose in Britain in the late to get the women's suffrage election. After the municipal vote (1869) and county (1880), it will pose l 'purpose of voting for parliament. In 1897 the movement is structured in the National Union of Women's Suffrage Societies. The refusal to grant the extension of women's vote brought Emmeline Pankhurst in 1903 to found a movement that was described as "militant": l' national unity and social policy for women. This became a promoter of unrest as the disturbance of meetings of Members, fires in shops, public buildings, culminating in several arrests. This movement was called the "suffragette" as opposed to that of "substantiated" which pursued the same objective with more moderate methods. continued their protests in 1914 to help the national cause, in 1918 women over thirty years were allowed to vote in 1928 and political suffrage was extended to all women. Even in the United were formed in 1869 by similar movements in fact for the whole 800, U.S. feminists fought tenaciously no less than England, without, however, with violent actions: their typical manifestations were parades, processions with torches and banners, rallies and marches to protest trying to raise awareness. Just in the United States, however, occurred at the beginning of the century, a terrible incident that the day of the woman still remembers: 8 March 1908 died during a sudden fire in a company Textiles in New York, 129 striking workers gathered inside the building. Not having the desired results, the British suffragette passed, so, on most forms of violent protest, and so in 1912 proclaimed the "War of the windows" taking stone every shop in London. In 1913 the movement was also supported its first martyr, a young Englishman, Emily Davinson, who threw under the carriage during a derby and was crowded to get uccisa.Riuscirono suffrage in 1920. The movement gave U.S. also to the international life for the suffrage of women.

    The feminist movement did, however, a long way not only in England and the United States, but also in almost all European countries, where women were able to match the man in all fields and to obtain, even the right to vote.

    The woman is born free and have the same rights. The exercise of the natural rights of the woman has no other limits, if not the perpetual tyranny that opposes man. These limits must be broken by law, the nature and reason (the declaration of the rights of women and of the town, France 1789). If the woman has the right to climb the scaffold should also have the right to come to the rostrum (Olimpia de Gouges, author made from Robiespierre guillotined in 1793).

    va bene??

    Fonte/i: § Luciano §
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.