....e i politici religiosi?

Se una persona è credente è anche praticante per essere coerente....se un politico è religioso dve farsi condizionare nelle sue scelte?

Magari i cittadini lo hanno eletto o hanno eletto il suo partito proprio per avere qualche rappresentante della loro Confessione!?!

Pensate che sia inevitabile che esso si faccia influenzare dalla propria Fede?

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Vuoi dire i politici religiosi come Casini che porta avanti i valori della famiglia e lui stesso ci tiene così tanto che ne ha due?

    Nessun politico è davvero religioso, perché per arrivare davvero in alto devi fare cose contrarie a qualsiasi etica religiosa.

    Quoto Mel92. La "religiosità" dei politici è solo per attirare il voto delle masse pecorine.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    il religioso resta tale se NON fa politica

    il politico resta tale se NON fa religione

    praticamente, in Italia (tra i coattolici) non esiste nè il politico nè il religioso

    e tutti vivono nell'avidità e nella lussuria

    anche tu corvo nero

     

  • 1 decennio fa

    io credo che se un politico sceglie di seguire una certa religione e lo pubblicizza è solo perchè per il 90% verrà sostenuto da coloro che sono della sua stessa religione il 10% perchè ci crede. Es. il "partito cattolico cristiano" ha approfittato del cattolicesimo in modo che la gente si senta in dovere di votare il partito della propria religione che secondo loro è giusta perchè è quella di dio anche se in realtà non è dio che ci aiuterà a creare uno stato e tanto meno a farlo funzionare perchè bisogna superare la religone per trovare una giusta amministrazione dello stato.

  • 1 decennio fa

    no, lui deve agire per il bene dello stato e questo già vorrebbe dire essere coerente con il cattolicesimo, a noi basta che persegua il bene comune e non il bene del suo portafoglio

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    DEVE essere così. La tenuta morale di un politico ne deve influenzare la condotta lavorativa. Come avviene per un operaio, un impiegato... per tutti deve essere così. Perché la fede è un campo immenso che deve prevaricare tutto il resto, per coerenza e, appunto, fedeltà.

  • 1 decennio fa

    Certo...è inevitabile che si faccia influenzare dalla sua religione...se ci pensi...appartenere a una religione significa avere dei determinati valori...e sono i valori di un politico a giudarlo nelle sue scelte...

    A mio avviso non è giusto comunque...quando i religiosi governano si creano cose come...il fondamentalismo islamico che si vede ai giorni nostri...o tornando indietro...proprio sul cristianesimo...le crociate...oppure la "santa inquisizione"...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.