sparrow ha chiesto in Auto e trasportiAerei · 1 decennio fa

Ingestione dello "strato limite"?

Il fenomeno della formazione del così detto "strato limite"è tipico solo dei supersonici o,si verifica a qualsiasi velocità?

per evitarene "l'ingestione"è sufficente distanziare le prese d'aria dalla fusoliera o ci sono altri accorgimenti?

chiedo scusa anticipatamente se la mia domanda fosse mal posta!

sono un profano!

grazie

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Domanda interessante che verte su un argomento molto interessante. Purtroppo credo che non sia questa la sede indicata per discutere di soluzioni fluidodinamiche, aerodinamiche e ingegneristiche in generale a livelli molto elevati e approfonditi.

    Sviscerare questa domanda in dettagli anche grossolani comporta scrivere un trattato di pagine e pagine. Meglio astenersi.

    Ti basti sapere che secondo la teoria dello strato limite esso si forma a tutte le velocità in cui sussiste una circuitazione fluidodinamica. Si forma anche sugli alianti, che volano a velocità ben lontane dalla barriera del suono. Anzi, proprio sugli alianti e in relazione alle prestazioni dell'ala e dell'aeromobile in generale lo strato limite è tenuto in grandissima considerazione.

    Riguardo all'accorgimento sulle prese d'aria anche li si entra in un terreno estremamente complesso. Lo strato limite è una costante in qualsiasi flusso, di conseguenza non vedo perché esso non debba essere ingerito nelle prese d'aria. Casomai è assolutamente da evitarne il distacco, ma l'ingestione c'è per forza.

    Le prese d'aria di certi aerei militari non sono dei banali condotti che spillano l'aria in dinamica per portarla al motore. La progettazione delle prese d'aria segue dei calcoli e dei rituali estremamente complessi in quanto l'aria che entra nelle prese deve rispettare precisi parametri, come ad esempio una velocità relativamente bassa e uno scorrimento quanto più laminare possibile per ovviare agli inconvenienti dello stallo del compressore. Dal momento che il flusso in entrata nelle prese d'aria e la progettazione stessa della presa è un qualcosa di estremamente delicato, ecco che entrano in ballo tantissimi fattori che non si limitano semplicemente a distanziare la presa (o le prese) dalla fusoliera.

  • IORIA
    Lv 6
    1 decennio fa

    Ciao!

    Il fenomeno dello strato limite è sempre presente.

    Nell'ambito dei fenomeni di trasporto, lo strato limite (in inglese boundary layer) indica una zona adiacente ad una interfaccia in corrispondenza della quale si ha una brusca variazione di una grandezza fisica, che può essere la velocità, la temperatura, o la concentrazione (infatti si fa distinzione tra strato limite termico e strato limite fluidodinamico).

    Puoi trovare maggiori informazioni sul fenomeno che cerchi a questo link:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Presa_d'aria

    Ciao ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.