? ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 1 decennio fa

Rimedi disidrosi???????????

Ciao, anche quest'anno, giunta l'estate, la mia disidrosi alle mani è peggiorata. Non so più cosa fare. Qualcuno ha dei buoni consigli da dare? Qualche crema da mettere, qualche rimedio...

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    La terapia PUVA: prevede l'associazione di uno psoralene topico con l'esposizione a raggi ultravioletti A. Sono riportati risultati variabili anche se in taluni casi si è ottenuto un miglioramento significativo.

    Immunosoppressori: ciclosporina (3-5 mg/kg/die), azatioprina (1 mg/kg/die), metotrexato (15-20 mg/sett.) e, più recentemente, micofenolato mofetil (1-1,5 g/2 die), del cui impiego si ritrovano in letteratura segnalazioni di casi. Il tacrolimus topico è stato confrontato al mometasone furoato in uno studio in singolo cieco su 16 pazienti. A livello del palmo delle mani i risultati ottenuti sono stati sovrapponibili mentre a livello delle piante dei piedi è emerso un "trend" (!) in favore del mometasone.

    Tossina botulinica: in uno studio in aperto, 10 pazienti con disidrosi e concomitante iperidrosi sono stati trattati con iniezioni di tossina botulinica nel palmo della mano (l'altra mano fungeva da controllo), per la nota capacità del farmaco di inibire la produzione di sudore. Poiché ormai è chiaro che nella disidrosi non sono coinvolte le ghiandole sudoripare, risulta difficile spiegare in base a quale meccanismo d'azione la tossina botulinica abbia prodotto un effetto positivo in 7 dei 10 pazienti, se non pensare che l'effetto benefico sia dovuto alla riduzione della concomitante iperidrosi, presente in 6 pazienti su 7.

    Ansiolitici ed antidepressivi: possono migliorare la sintomatologia, nei casi in cui la condizione di stress giochi un evidente ruolo preponderante.

    Il disulfiram: secondo alcuni autori aumenta l'escrezione urinaria del nichel ed è stato utilizzato in presenza di allergia a questo metallo.

    Infezioni batteriche secondarie che si sviluppino sulle lesioni della disidrosi richiedono un trattamento antibiotico.

    Provvedimenti non farmacologici

    Alcune misure igienico-comportamentali possono aiutare ad alleviare i sintomi:

    - quando è possibile è bene proteggere le aree colpite dall'umidità e dal calore;

    - nello svolgimento delle normali mansioni domestiche è consigliabile indossare sempre i guanti di cotone anche quando si usano i guanti di gomma; dopo l'uso, i guanti vanno asciugati internamente e buttati ogni volta che si lacerano;

    - evitare il contatto con sostanze irritanti come polveri e altri prodotti chimici o con i metalli eventualmente implicati;

    - per il bagno e per la doccia utilizzare acqua tiepida e saponi acidi (in quantità minime);

    - indossare calze di cotone e scarpe con suola di cuoio evitando materiali sintetici;

    - utilizzare antitraspiranti e polveri adsorbenti, evitando una eccessiva sudorazione dei piedi.

  • 3 anni fa

    Puoi eliminare l'ansia e il panico una volta per tutte grazie a questo sistema http://SconfiggiAnsia.givitry.info/?YY2f

    È importante capire cos'è un attacco di panico per riuscire ad affrontarlo al meglio. Spesso, infatti, l’attacco di panico viene paragonato all’attacco d’ansia e viceversa: in verità sono due condizioni psicologiche diverse, sia per intensità che per durata. Una crisi d'ansia è una condizione in cui si hanno paure molto forti ed intense, mentre l'attacco di panico è una condizione in cui si può arrivare a perdere il contatto con la realtà. La crisi d'ansia è più comune e meno intensa, ma, non per questo, meno grave.

  • 3 anni fa

    E' possibile curare l'iperidrosi grazie a questo sistema http://MiracoloPerIperidrosi.latis.info/?GRGg

    Il termine iperidrosi viene normalmente usato in ambito medico per indicare la sudorazione eccessiva. Sebbene la sudorazione sia un processo naturale e sudare rappresenti una delle modalità più importanti per smaltire l'eccesso di calore del corpo, alcuni individui tendono a sudare molto di più di quanto sarebbe necessario, per garantire la normale termoregolazione corporea.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.