Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneScuole primarie e secondarie · 1 decennio fa

URGENTE: TITOLO TESINA..mi potreste aiutare a trovarlo?

Questa è la mia tesina..che ne dite?

In un mercato caratterizzato da una forte competitività, conquistare e conservare le preferenze dei consumatori per i proprio prodotti è un fattore di fondamentale importanza per la sopravvivenza e il successo dell'azienda.

Le preferenze dei consumatori sono infatti la principale fonte da cui deriva il vantaggio competitivo di un'impresa rispetto ai concorrenti.

Il vantaggio competitivo si basa sul valore che essa è in grado di creare per gli acquirenti dei propri prodotti; questo valore è misurato dal prezzo che i clienti sono disposti a pagare per i prodotti che l'impresa fornisce.

Esistono due tipi fondamentali di vantaggio: la leadership di costo, dove l'impresa deve riuscire a fornire prodotti equivalenti a quelli delle imprese concorrenti, ma a prezzi inferiori; e la differenziazione, per la quale l'impresa deve creare prodotti con caratteristiche tali da distinguerla dalle altre aziende e da determinare la preferenza e la fedeltà dei clienti.

Per ottenere un vantaggio competitivo l'impresa deve svolgere alcune funzioni aziendali, le funzioni primarie e di supporto.

Le funzioni primarie riguardano la realizzazione del ciclo di trasformazione e della vendita dei prodotti e comprendono:

la logistica, si occupa di amministrare le scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti.

la produzione, controlla il regolare svolgimento del processo produttivo (montaggio, confezione, collaudo).

il marketing, riguarda una serie di strategie rivolte a favorire la commercializzazione dei prodotti.

le vendite, hanno una funzione di risoluzione dei problemi per la scelta dei canali di distribuzione (rete di vendita).

Le funzioni di supporto, che hanno un compito ausiliario alle funzioni primarie si distinguono in:

approvvigionamenti, ovvero il reperimento di tutti i beni necessari alla produzione.

personale, comprende tutte le attività riguardanti i rapporti con i lavoratori dipendenti.

ricerca e sviluppo, finalizzata al miglioramento dei prodotti e la loro diversificazione.

funzioni infrastrutturali, riguardano l'intero sistema aziendale e comprendono la direzione generale,l'amministrazione, la gestione finanziaria e contabile.

Solitamente le imprese industriali tendono a effettuare strategie rivolte alla riduzione dei costi di fabbricazione e ad adottare modelli organizzativi meno costosi e più flessibili; ciò è possibile attuando investimenti in tecnologia al fine di migliorare le tecniche di produzione.

Le strategie di leadership possono essere semplificate in tre tipologie:

Il just in time, basato sul principio “produrre solo quanto e quando effettivamente richiesto”; con questo si punta a una limitazione delle scorte e ad una riduzione dei tempi di preparazione degli impianti. Con l’eliminazione delle attività che non aumentano il valore del prodotto risultano ridotti gli sprechi e non si incrementa il costo di fabbricazione.

Il lay-out si può definire la tendenza a sistemare in uno stesso reparto tutti i macchinari, le attrezzature e i servizi necessari per svolgere l’intero ciclo di lavorazione, si ottiene così una rilevante riduzione dei costi di trasporto interni e delle scorte di semilavorati.

La flessibilità produttiva serve per consentire l’utilizzo in modo economico delle stesse macchine per la fabbricazione di prodotti diversi, come per esempio nelle aziende cartarie dove con gli stessi macchinari si producono molte varietà di carta.

Le imprese industriali possono scegliere un orientamento strategico rivolto al cliente facendo leva sulle caratteristiche distintive dei propri prodotti.

Le strategie implicano che l’attenzione sia rivolta:

a migliorare le caratteristiche qualitative del prodotto e dotarlo di servizi particolari.

a introdurre nuove tipologie di prodotti che contengono un maggior contenuto tecnologico.

Le imprese possono effettuare strategie di innovazione offrendo sempre lo stesso bene ma migliorandolo e adattandolo nel tempo alle esigenze dei consumatori, oppure possono adottare strategie rivolte a distinguere il prodotto per le caratteristiche del servizio che gli viene abbinato.

Un importante strumento, utile per mettere in comunicazione l’azienda con gli utenti di internet è il blog aziendale, un prodotto di marketing con cui l’azienda comunica con i suoi potenziali clienti e con quelli che già lo sono, mettendosi in gioco in una forma molto dinamica, fornendo quindi ai suoi acquirenti maggiori dettagli sul prodotto, facendoli entrare a far parte di una comunità virtuale con al centro il marchio aziendale e dando ampio spazio a critiche e suggerimenti.

Il blog aziendale è soprattutto una strategia promozionale, a costo quasi zero rispetto ai vantaggi che si possono avere.

Ma le aziende cosa possono ottenere da iniziative simili?

Ci sono molte motivazioni che spingono le aziende su internet, nei cosìdetti social network, le più importanti sono l’essere presenti dove gli utenti sono presenti e il

Aggiornamento:

manca la parte dove parlo di facebook e della violazione della privacy..non me la carica tutta

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    la tua tesina e' impostata molto bene..ti devo fare i complimenti..per il titolo prova ad allacciarti alle imprese tipo "strategie di mercato per la sopravvivenza delle industrie".-.-.-

    non so se ti va bene comunque sei stata proprio brava ..ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.