Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Come vedete in chiave religioso-spirituale un eventuale sciopero procreativo umano?

Aggiornamento:

Danet D, ma quale "tesina" d'Egitto?!?!

Aggiornamento 2:

Melly, sì ma cosa comporta per lo spirito?!

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Non ragiono in chiave religiosa - spirituale, ma in termini logici e razionali:

    il calo demografico rappresenta, allo stato attuale, l' UNICO mezzo di preservazione del pianeta e della stessa vita presente sulla Terra:

    l' incremento demografico della specie umana, non più regolamentato dalle leggi della natura grazie al progresso scientifico e tecnologico è la principale causa della progressiva distruzione della biosfera terrestre.

    Sulla base di una morale religiosa vecchia di millenni, unica a teorizzare l' esistenza dell' anima fin dal concepimento, siamo arrivati ad interferire ed addirittura ostacolare in maniera radicale e sconsiderata la selezione naturale, che ha garantito la diffusione e l' equilibrio delle specie, che altrimenti non avrebbero sviluppato nel corso delle ere un corredo genetico in grado di resistere all' aggressione di virus, batteri, condizioni climatiche avverse ed altre forme viventi più forti, agili o fisicamente strutturate per sopravvivere in situazioni estreme senza assunzione periodica di nutrienti per periodi lunghissimi, come nel caso dei microrganismi, accelerando il processo che ci porterà alla tanto temuta estinzione.

    Noi uomini ci comportiamo esattamente come i virus killer: aggrediamo il corpo e ce ne serviamo per rafforzarci, ma senza considerare che, a causa della nostra azione di sfruttamento intensivo delle sue energie e delle sue risorse, il corpo che ci ospita morirà e con esso moriremo anche noi.

    Ci siamo autoeletti come specie più progredita del pianeta, ma la nostra intelligenza non differisce da quella di un organismo saprofita, a quanto pare.

    Invece di sfruttare la nostra capacità di analisi per comprendere che la sovrappopolazione umana (i virus) è causa prima della malattia e della morte della Terra ( il corpo), continuiamo insensatamente a parlare di riproduzione e di un fantomatico pericolo di estinzione della specie, basandoci su teorie prive di fondamento scientifico, senza vedere il reale pericolo di estinzione dell' intera vita sul pianeta.

    Si continua, oggi come millenni fa, quando la Terra ospitava pochi milioni di esseri umani, a seguire una insensata morale religiosa promulgata da uomini autoelettisi a vicari di un Dio mai manifestatosi, colpevoli di crimini e ingiustizie di ogni sorta da secoli, commessi in Suo nome e in nome di un libro scritto da esseri vissuti nell' Età del Bronzo ed imposto come Sacro per editto governativo e non per fede, con la violenza e con il sangue nel 380 d.C.; da 1700 anni sono i responsabili del degrado culturale, morale e civile delle società, a causa delle assurde e assolutistiche imposizioni propugnate come "scienza esatta".

    Salvo poi ritrattare dopo qualche centinaio d' anni, come nel caso di Galileo Galilei, dell' epilessia, della lebbra, della peste e del vaiolo considerate possessione diabolica o espressione dell' ira di Dio, fino a quando la scienza non ne ha individuato le cause e le cure.

    Ma non è detto che stavolta la Terra abbia a disposizione centinaia di anni per attendere l' ammissione degli errori da parte delle istituzioni religiose:

    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecno...

    http://www.the1phoenix.net/x-files/ambiente.htm#ad...

    Forse, sarebbe il caso di abbandonare le concezioni religiose e spirituali dimostratesi ampiamente errate ed impegnarsi concretamente nell' unica azione veramente mirata al rispetto della vita del pianeta: il calo demografico.

    Saluti.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Dello spirito e della religione non mi interesso, mi spiace.

    Al pianeta terra, invece, una diminuzione della popolazione umana farebbe solo bene.

    Siamo quasi 8 miliardi di parassiti, è una follia, prima o poi qualcuno dovrà pur dirlo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Alle prese con la tesina eh XDD non saprei risponderti o.O cmq Buona Fortuna!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • persone molto tristi, immagino ;-) ......

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Come egoismo dell'uomo e come una chiusura all'amore e alla vita.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.