elettra ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 decennio fa

Cosa c'è nelle vostre fondamenta?

Buongiorno a tutti....e libera interpretazione

12 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Che bella domanda:

    - le cellule di mia madre, la sua vitalità ed il suo sorriso

    - la forza di mio padre, la sua timidezza, l'imbarazzo e la sagacia del suo sorriso

    - la spartanità della terra di lunigiana, il suo bestemmiare riverente, la sua riservatezza ligure, l'aristocraticità parmense, la loquacità toscana

    - la classe operaia lodogiana, la sua sofferenza, il suo bisogno di emergere, la sua intolleranza, il suo bigottismo, la sua generosità

    - il buon umore di mio nonno (mater.), che affrontò la russia, che affrontò una vità senza il conforto delle cure e del morbido corpo di una donna

    - l'amore isterico di mia nonna (mater.), a volte freddo bianco gelido, iprovvisamente irrorato di rosso, di rabbia, di passione, di orgoglio

    - i silenzi del nonno paterno, un capo sioux, i suoi vimini, la sua capanna lungo il fiume, la sua vita avventurosa che non mi raccontò mai, il suo coltello per il formaggio, il marsala all'uovo, la stufa a legna

    - il cibo lunigianese, la torta d'erbi, i ripieni, la torta di patate e porri, la turta d'ris, i testaroli, le cappelle dei funghi porcini, crudi fritti impanati.

    - il cibo padano, la polenta, la raspa dura, il salame, gli stufati.

    - il cibo del sud, peperoncini, capperi, olive, olio, pomodori, il pesce, la pizza

    - il cibo vegetariano, etnico, folk, macrobiotico, vegan, Japan, Cinese

    Coreano

    - l'amore di cui sono circondato, l'amore che so dare, l'amore che so fare e che mi piace tanto

    - la musica, la mia, quella della mia voce calda e profonda, quella della mia chitarra gitana, quella degli altri di fabrizio, vinicio, capa michele, ivano, la musica folk, il jazz, il rock, il pop, il valzer, la classica, l'etno i tamburi sciamanici, quelli africani, quelli mediorientali, quelli indiani

    - i miei piedi, le mie ginocchia, il mio bacino, il mio membro, la pancia, il petto, la colonna, le braccia le spalle, il collo, la gola, la mascella, la nuca, la bocca, il naso, gli occhi, le orecchie, la dura madre, i capelli, il cielo.

    - le mie bambine l'amore che ogni giorno mi permettono di sentire, il piacere di essere padre

    - la mia compagna, le sue ritrosie, le sue aperture, il suo orgoglio, la sua permalosità, le sue richieste, i suoi doni, l'anatomia del suo corpo tempio di piacere, oasi di ristoro

    - la politica l'utopia, la ricerca, la militanza, la lontanaza, le certezze, i dubbi, le lotte, i compagni, la loro forza, lo spirito di sacrificio

    - la bioergetica, i compagni di gruppo, di corso, i docenti, i maestri, gli psicologi, gli psichiatri, i maghi, gli alchimisti emozionali, lo sciamanesimo, la creatività

    - e poi la terra, la terra ed ancora la terra, il cielo e tutto ciò che tra essi v'è compreso

    - infine dio dentro di me con il suo progetto sconosciuto, da scoprire, in cui ogni giorno condividere la trama ;-)

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Cemento e ferro più tre strati di pietrisco, mi hanno dissanguato!

  • Nihal
    Lv 6
    1 decennio fa

    Solide fondamenta misto...amore per la vita,esperienze passate,rispetto per ogni essere vivente...i miei valori insomma...le mie passioni....la mia voglia di vita tiene il tutto :)

    Buongioorno a te cara elettra...

    Nihal

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sabbia. Tanto volatile e soffice quando ci si vuole costruire sopra quanto dura se bagnata. Un a durezza che diventa precaria base. UNa durezza creata dalle lacrime passate.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Un mix di sincerità, lealtà, onestà, carità e amore. Non sono una santa ma fondamentalmente credo di essere una persona sana

    Ciao

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Dal punto di vista morale e illusorio; il bene.

    Dal punto di vista spirituale; il vuoto assoluto !

    Come può esistere una cosa, senza uno spazio vuoto che possa contenerla?

    Viceversa, come può esistere il vuoto senza qualcosa da contenere?

    I due concetti si affermano e si annullano a vicenda.

    Il nulla è la possibilità del tutto e il tutto è la risultante del nulla.

    Siamo ancora sul piano dualistico, andando oltre, il vuoto e il pieno, il nulla e il tutto, sono la stessa identica cosa, i due lati della stessa medaglia che si chiama UNO.

    Fonte/i: La fonte senza fonte.
  • 1 decennio fa

    Tutto l'amore che nutro. Tutto ciò che forma il mio essere, tutto ciò che è alla base di una costruzione edificata per amare e godere dell'amore del prossimo e dare a tutti ospitalità in essa.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    tutto ciò che sono stato,tutto ciò che sarò nell'istante di adesso.

  • 1 decennio fa

    Buongiorno a Te. Nelle mie fondamenta c'è amore, rispetto per il prossimo, sani principi

  • Anonimo
    1 decennio fa

    odio e sfiducia.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.