Per quale motivo ci sono persone che credono nelle auto elettriche?

Perchè dovrebbero essere il futuro? Perchè si dovrebbe andare in questa direzione?

Le auto elettriche sono una cosa semplicemente improponibile. Hanno costi elevatissimi (basti pensare che il prezzo di una Panda elettrica è compreso tra i 20 e i 25 mila euro), tempi di ricarica lunghissimi (per un motore a scoppio bastano 3 minuti al distributore per un'auto elettrica minimo 3 ore), prestazioni imbarazzanti (130 km/h di velocità massima e accelerazione da 0 a 100 in 30 secondi), autonomia breve (come faccio ad andare in vacanza con soli 200-300 km di autonomia?). Già l'ibrido è una cosa che metto in dubbio (a un motore a scoppio ne aggiungo uno elettrico ed un paio di quintali di batterie, e con 2 quintali in più dovrei consumare meno?) ma l'elettrico lo trovo veramente una cosa inaccettabile. Non credo sia proponibile portare sulle strade dei caddy (e non intendo quello della Volkswagen).

Aggiornamento:

PS Ho dimenticato il problema più grande, quanto durano le batterie?

Con una utilitaria oggi ci fai minimo 200 mila Km, con un motore elettrico invece? Io so che le batterie al litio decadono ad ogni ricarica e dopo le 500 ricariche sono praticamente andate

Aggiornamento 2:

@Rispondo solo alla Nonna che ha dato la risposta più completa:

1)L'idrogeno non si usa per il semplice fatto che oltre a dover essere estratto comunque dal petrolio e a prezzi più alti della benzina, costrigerebbe i costruttori d'auto a riprogettare interamente la meccanica delle vetture. I biocarburanti funzionano con un semplice motore a scoppio.

2)Il rendimento del motore elettrico è così alto perchè si usa energia elettrica già immagazzinata. Ma sai che le più moderne centrali termoelettriche non arrivano al 60% di rendimento? Poi il rendimento delle batterie è tale all'inizio. Dopo ogni uso però le batterie perdono capacità e resa.

2)Le prestazioni non hanno nulla da invidiare a quelle di un motore a scoppio? Ma vuoi scherzare? Le auto elettriche non hanno nemmeno il cambio. Se io mi prendo una panda elettrica e vado al massimo dei giri in autorstrada (velocità massima 130 km orari) dopo 10 km ho fuso il motore.

3)Il problema della autonomia e della ricarica non è affatto in

Aggiornamento 3:

via di risoluzione. Prendiamo ad esempio il caso della Tesla Roadster (l'auto elettrica più performante in circolazione). Sai che per avere quella autonomia tutte le strumentazioni elettroniche sono ridotte all'osso? Non ha nemmeno il servosterzo. Sai che la Tesla dichiara tempi di ricarica di 2,5 ore ma in realtà non è così? Infatti gli impianti domestici hanno il limite dei 3Kw di potenza e questo significa che la velocità di ricarica non può essere tale. Per via di questo limite il tempo di ricarica della macchina in un impianto domestico non può essere inferiore alle 8 ore (supponendo che i 3 Kw di potenza siano tutti a dispozione, ma in una casa io so che ci sono frigoriferi caldaie e altri elettrodomenstici sempre accesi. Quindi i tempi sarebbero ancora più lunghi. E questo problema non si può superare perchè siccome l'energia di cui si necessita è quella tu puoi fare tutte le operazioni che vuoi per rendere la ricarica più veloce ma se l'impianto non è in grado di fornire tale

Aggiornamento 4:

energia la cosa non funziona e tutti gli sforzi sono inutili. Certo tu potresti supporre che in futuro verranno concessi più Kw di potenza ma questo richiederebbe il rifacimento delle line elettriche e degli impianti domestici.

4) I costi saranno inferiori a quelli di un'auto a scoppio? Ne dubito. Le uniche differenze sono nel motore e nel serbatoio, il resto della meccanica rimane preservato. Certo un motore elettrico costa meno di uno a scoppio (e credo che durerebbe poco questo nel caso di diffusione visto l'alto impiego di rame) però le batterie costano migliaia di volte più di un serbatoio di benzina. Se un serbatoio è una vasca di plastica da meno di 100 euro, le batterie sono un insieme di batterie da 10 mila euro. Certo, l'auto elettrica non avrà aria condizionata, autoradio, servosterzo, riscaldamento ecc ma questo non basterà per ridurne i costi.

Poi la storia della assenza di manutenzione è una balla. Se fosse vero allora gli elettrodomestici sarebbero indistruttibili.

Aggiornamento 5:

Il funzionamento del motore elettrico dell'automobile non è diverso da quello di una lavatrice che fa girare il cestello. E come è noto il motore della lavatrice non dura in eterno. Anche perchè come tutti sanno anche nelle stesse automobili odierne i maggiori problemi vengono sempre dalle parti elettroniche mentre le parti meccaniche rimangono sempre le più affidabili.

5) Smettetela con la storia che sono i petrolieri a volere contrastare queste cose. I petrolieri sono i primi a volere ridurre il consumo di petrolio che sta raggigendo livelli di consumo troppo elevati. Il petrolio è la loro risorsa principale ed il loro pincipale interesse è tutelarlo. Tutti sappiamo che il petrolio è in via di esaurimento, ma meno ne usi e più durerà. E più diventerà scarso più costerà. Queste sono le leggi del mercato. Più riduci l'offerta più il prezzo aumenta, in questo caso riducendo anche il costo del lavoro.

Aggiornamento 6:

"Il rendimento del motore elettrico è così alto perchè non ha parti in movimento che sfrgano, non produce calore, non brucia niente. Non è certo un caso se non esistono macchine utensili con motori a scoppio, che ne dici?"

Certo che il motore elettrico produce calore, il motore elettrico non è che una dinamo inversa è ed è costituito da magneti e da un perno che gira attorno al proprio asse. Inoltre il surriscaldamento delle batterie è un bel problema, vatti a cercare l'impianto di raffreddamento della nuova Honda Inisght (che è una ibrida).

Tu dici che non devo tenere conto dell'energia che viene dissipata dalle batterie. Ma come la perdita di energia delle batterie non influisce sull'efficenza della macchina?

Aggiornamento 7:

______________________________

Gli utensili a scoppio esistono eccome, tagliasiepi, tagliaerba, motoseghe ecc.

Lo so che i motori elettrici riescono a fornire coppia immediatamente. Ma è anche vero che hanno solo la prima e questo significa che il motore sale molto di giri alle alte velocità e questo produce surriscaldamento.

@Wallace Non è questione di onestà. E 'questione di salvaguardare i loro interessi. Continuare a produrre petrolio ad alti regimi significa privarsi velocemente della loro fonte di vita. Il calo della domanda è per loro un grande vantaggio perchè limitando di consegueza l'offerta oltre a produrre un aumento del prezzo preservano le loro risorse.

19 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Mi sa che è meglio se ti aggiorni un po'...

    A prescindere dal fatto che le uniche alternative sono improponibili, i biocarburanti perchè sottrarrebbero troppo territorio all'agricoltura alimentare e l'idrogeno per i costi energetici e la pericolosità (ma lo spingono lo stesso perchè consentirebbe, al pari degli idrocarburi, il controllo sul parco circolante e la massiccia tassazione che già conosciamo), in realtà la trazione elettrica rappresenta proprio il futuro e per almeno tre buone ragioni:

    - Il rendimento di un motore elettrico è vicino al 90%, ovvero più del triplo di un motore a scoppio, vale a dire che consuma un terzo, Il rendimento di un'auto elettrica, supera il 100%, rispetto ad un'auto a scoppio, grazie al recupero energetico dell'energia cinetica in frenata. L'inquinqmento è zero, anche dal punto di vista acustico, e la corrente si può produrre anche da fonti rinnovabili come solare ed eolico.

    - Le prestazioni non hanno proprio nulla da invidiare a quelle di un'auto a scoppio, anzi per alcuni aspetti sono migliori.

    - Il problema autonomia, ricarica e batterie è in fase avanzata di risoluzione, le batterie di ultima generazione consentono autonomie accettabili, tempi di ricarica limitati e durate pari a percorrenze di oltre 200mila km. La prossima generazione di batterie consentirà di superare il problema in modo definitivo.

    - I costi di un'auto elettrica, una volta prodotta in serie, saranno inferiori a quelli di un'auto con motore a scoppio, sia per laq maggiore semplicità costruttiva, sia per la manutenzione quasi nulla, viste le pochissime parti in movimento e le molto minori quantità di componenti.

    Oggi siamo a livello di prototipi, e di prime produzioni, ma esistono già vetture che danno chiaramente l'idea di quali siano le possibilità future in questo campo.

    L'unica vera domanda è: permetteranno i signori del petrolio e della politica che lo svilullo in questo senso avvenga o continueranno a mettere i bastoni tra le ruote, per difendere gli uni i loro profitti e gli altri i loro sistemi fiscali e di controllo delle papolazione?

    ***********************

    Beh, non voglio entrare in polemica, e nemmeno fare una chat, cerco di risponderti sinteticamente:

    1- L'idrogeno si può estrarre anche dall'acqua, ma con un costo energetico maggiore di quello che poi renderebbe. E' molto caldeggiato dai politici, perchè consentirebbe una tassazione pari a quella dei petroli, ma i rischi connessi al suo uso sono secondo me enormi.

    2- Il rendimento del motore elettrico è così alto perchè non ha parti in movimento che sfrgano, non produce calore, non brucia niente. Non è certo un caso se non esistono macchine utensili con motori a scoppio, che ne dici?

    Non confondere il rendimento delle batterie con quello del motore: il fatto è che il motore endotermico, per ogni 100 Kw prodotti, ne disperde nell'ambiente 75 sotto forma di calore, e ne manda 25 alle ruote. Per un motore elettrico di ultima generazione, le percenuali sono rispettivamente 8 e 92. certo l'energia elettrica viene prodotta da qualche parte, ma considera che: se la centrale ha un rendimento del 60%, già è più del doppio di quello del motore e, l'inquinamento prodotto è molto più facilmente controllabile e contenibile concentrando la produzione, anzichè avere tanti piccoli motori a scoppio che producono gas serra e altri inquinanti in giro per le strade. Senza contare che, se dio vuole, un po' alla volta finiremo per avere fonti energetiche migliori delle centrali a metano e carbone, no?

    2- Smettila di comprare la panda, ascolta me :) Le auto elettriche non hanno il cambio perchè non serve: la coppia di un motore elettrico è massima da 0 a n giri (per la Tesla da 0 a circa 7000 giri), è per questo che il cambio non serve.

    3- Per la ricarica, hai ragione... se uno corre tutto il giorno e tutta la notte, non ha il tempo di ricaricare. Ma quanti sono a fare così? Di fatto se ogni volta che uno va in garage attacca la spina, la batteria è sempre carica, e soprattutto la carica di notte, quando il consumo è minimo. Resta comunque il fatto che se l'auto elettrica prende piede (e lo farà) ci saranno colonnine di ricarica rapida per chi non ha più di 3 KW a casa, e distributori che ti cambiano la batteria scarica con una carica in 5 minuti.

    4- I costi: beh... l'auto elettrica ha molta meno meccanica di quella tradizionale e molta più elettronica, e l'elettronica costa sempre meno, la meccanica sempre di più. Quanto alle dotazioni, la Tesla per quanto ne so ha il condizionatore, tutti i gadget possibili e perfino i sedili riscaldati... vedi un po' tu.

    Fonte/i: http://www.teslamotors.com/ questo è solo un esempio, ma ve ne sono molti altri.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    il problema dell'elettrico e dell'hybrid sono le batterie. come hai detto hanno poc autonomia (per questo si e' fatto hybrid) e a volte prendono anche fuoco (hybrid della GM).

    pero' e' questa la direzione dove andremo e che tutti vogliono andare, due cose importanti:

    1. indipendenza dagli idrocarburi e da paesi come Iran, russia, nord africa e medioriente

    2. meno inquinamento nei centri urbani = stardard di vita migliore, meno malattie legate all'inquinamento quindi meno soldi per la sanita' pubblica

    i motori elettrici (che tra l'ltro si ricarino quando vanno) sono il futuro, non ancora ottimizzato ma arrivermo presto a soppiantare il motore a scoppio con quello elettrico

  • Anonimo
    1 decennio fa

    pure IL CELLULARE ERA IMPROPONIBILE DIVERSI ANNI FA COSTAVA 800MILALIRE POI COL TEMPO, RICHIESTA E DIFFUSIONE IL PREZZO SI è NOTEVOLMENTE ABBASATO

  • 1 decennio fa

    L'hai visto questo: http://www.youtube.com/watch?v=wofjkTmVgt4

    Youtube thumbnail

    (e seguenti)?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    perchè è sicuramente una strada più logica di quella del motore endotermico,perchè la resa di un motore elettrico è tre volte superiore,e sopratutto se non è competitivo commercialmente è perchè qualcuno stà giocando sporco...e molto.

    http://www.disinformazione.it/automobiletesla.htm

  • antani
    Lv 6
    1 decennio fa

    Guarda che la tecnologia è in continua evoluzione

    i motori a scoppio, all'inizio erano di un'efficienza miserabile (fino a 20L di carburante per percorrere un chilometro), di petrolio sufficientemente raffinato a giro non se ne trovava ed era auspicabile spostarsi portandosi a presso un meccanico dati gli innumerevoli problemi tecnici ai quali si era chiamati a far fronte, anche nel caso di piccoli spostamenti

    cionondimeno si sono diffuse nel mondo ad una velocità impressionante

    personalmente trovo più facilmente realizzabile una transizione da motore a scoppio a motore elettrico, che il passaggio (già visto) da cavallo e carrozza a carrozze autonomamente motorizzate

    aggiungo che le ibride (elettriche a bassa velocità a scoppio per i cicli extraurbani, durante i quali le batterie sfruttano l'energia prodotta da motore e freni per ricarsi con il principio semplicissio della dinamo) stanno facilitando ulteriormente questa transizione

  • Anonimo
    1 decennio fa

    quello che dici e vero ma secondo te la prima macchina a benzina non aveva gli stessi problemi che andava a 10 km/h e che durava poco e ora abbiamo macchine che arrivano a 400km/h e che durano per oltre 1000km

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Vuoi sapere come ci vai in vacanza con 200/300km di autonomia?

    Ci vai in autobus.

    O liberamente, o aspettando le degenerazioni ovvie che porterà il petrolio.

    Dai Pinneapolis, sei una persona ragionevole, non credo che tu pensi davvero di poter andare avanti così per i prossimi 50 anni.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    credo che alla fine dovranno progettare una De Lorean come quella di Ritorno al Futuro col motore che và a plutonio.

  • 1 decennio fa

    beh magari per le città possono andare bene. tanto c'è molta gente che l'auto la usa solo per andare da casa al lavoro e non gli interessa che abbia chissa quali prestazioni. di certo si respirerebbe meglio.

    piuttosto il problema che sembrerebbe quasi insormontabile è che sono troppo silenziose. sono un pericolo per i pedoni.

    però non è che con l'auto elettrica si risolve l'inquinamento. perché se per ricaricarla usi comunque energia prodotta con carbone e petrolio sostanzialmente non cambia nulla.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.