aragorn ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 decennio fa

Libro scritto da me help?

ciao a tutti questo è il mio libro modificato già due volte sono un ragazzo di 13 anni e qnd scrivere un libro è difficile x la mia età però c'ho provato comunque vista la mia passione x la lettura scusate qualche errore di ortografia ecc. eccolo:

Robert era seduto sul tetto della sua casa in campagna ed ammirava,come ormai quasi tutti i giorni,come la valle del Morad,una valle situata ad occidente del mondo Ecap e circondato da un fiume che si divideva in due parti,si tingeva di rosso. Quel giorno però era particolarmente bella: tutti gli alberi della foresta dell’Oiznelis si muovevano armonicamente insieme formando una danza bellissima ai suoi occhi. Robert era un ragazzo strano:alto dalla corporatura robusta, occhi insolitamente gialli per i suo popolo e capelli rossi. Dopo un po’ cominciò come sempre a pensare a tutto quello che gli era successo quel giorno e si accorse che suo padre era davvero strano. Egli era un uomo muscoloso alto,dagli occhi di un azzurro profondo e i capelli neri. Di solito era sempre allegro:scherzava,rideva giocava ma quel giorno era diverso,girava per casa con lo sguardo basso e triste e più volte lo aveva abbracciato come non mai. Robert era assorto nei suoi pensieri quando suo padre arrivò sul tetto da lui. <<Robert ti devo dire una cosa>>Si sedette. Ci fu una lunga pausa durante la quale stettero tutti e due ad osservare lo splendido panorama. Poi finalmente suo padre parlò .<<Robert tu conosci la situazione in cui si trova il regno ed anche la nostra di situazione,ci mancano i soldi e i viveri visto che il raccolto è stato pessimo per colpa delle scorribande dei soldati del re Elam e a volte dobbiamo digiunare per qualche giorno>>Ci fu un’altra pausa<<Per questo ho deciso che mi unirò all’esercito che combatte nella Terra delle Guerre. Così tua madre potrà guadagnare quel che basta per sfamare voi due vendendo i vestiti che tesse. Poi quando ritornerò io per tre mesi all’anno porterò qualche soldo>>Robert era rimasto immobile:non poteva crederci suo padre stava per lasciarli lì,da soli senza una protezione. Ora non c’era nemmeno il suo fratello maggiore,Onateag,a poterli aiutare e lui aveva paura. Suo fratello era scomparso cinque anni fa,precisamente 6 mesi prima dell’ascesa al potere del re Elam che si era servito della sua carica nel consiglio dei Potenti. Robert non parlò.<<Figlio devo andare in guerra,io lo faccio per te e tua madre,lo faccio perché voi possiate vivere sereni, noi dell’esercito dobbiamo impedire a tutti i costi che l’esercito del Re Elam non conquisti altri territori oltre alla Terra del Deserto e la Terra dei Fiori che ha già conquistato e che sono vicinissimi al nostro confine per questo siamo in pericolo più degli altri ed è anche per questo che deciso di insegnarti a maneggiare la spada così in caso di pericolo tu potrai difendere te e tua madre.>>Robert ormai stava per piangere .<<Papà ti prego non andare, non lasciarci soli,moriresti di sicuro,sono stati mandati 30.000 soldati che sono morti in un batter d’occhio,papà ti prego lascia andare gli altri.>>E cominciò a piangere.<<Ormai ho deciso>>Ci fu un’altra breve pausa<<Bene allora prepara i cavalli e le bisacce che andiamo al villaggio e tra qualche giorno ti darò una spada che fabbricherò>> Il padre di Robert non solo era un abilissimo spadaccino ma anche un bravo fabbro,uno dei pochi in tutta la valle del Morad. Robert aveva appena otto anni quando una volta aveva provato a prendere in mano la spada del padre ma alla fine si era ritrovato a terra a piangere per il dolore visto che la spada lo aveva tirato giù e lui aveva sbattuto la faccia a terra.Ora erano passati altri otto anni e lui era più forte e credeva di potercela fare. Quindi prepararono le bisacce e presero due cavalli. Per andare dalla loro casa al villaggio ci voleva circa mezzora perché la strada era abbastanza agevole e di solito c’era pochissima gente,per questo si poteva correre molto veloci con i cavalli. Così si avviarono il giorno dopo all’alba. Per tutto il viaggio Robert e suo padre non parlarono mai. Lui c’era andato pochissime volte e in quelle occasioni doveva solo aiutare la mamma nel mercato. Il paesaggio non cambiava molto.Errots era un piccolo villaggio proprio al centro della valle del Morad e ne era il capoluogo. Era circondato da un vasto muro difensivo allestito quando 3 secoli prima la città era stata conquistata ed era stata trasformata in accampamento durante la guerra della Conquista che però fortunatamente non andò a buon fine e quindi tutti erano rimasti liberi.

Aggiornamento:

ciao a tutti commentate anche i nomi mi rakkomando

Aggiornamento 2:

ma che c'entra qst è solo l'inizio...- -

Aggiornamento 3:

ma nessuno si era accorto dei nomi al contrario XD epoi xkè è una storia da bambini?

10 risposte

Classificazione
  • Cassie
    Lv 4
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Hai scelto nomi molto strani, ma si nota subito ke sono parole scritte al contrario qnd ti consiglio piuttosto di miskiare le lettere ma nn kosì, xk sembra tr banale. poi cm hanno già detto robert al confronto è tr comune e la storia sinceramente la trovo da bambini: cerca di nn soffermarti tnt nella descrizione del paesaggio all'inizio, prima parla del ragazzo e dopo un bel punto inizi la descrizione del paesaggio, altrimenti diventa tr confuso e il lettore si perde.

  • Becky
    Lv 6
    1 decennio fa

    Visti gli altri nomi, Robert mi sembra poco adatto...Dovresti trovare qualcosa di meno comune.

    Alcune frasi sono un po' lunghe. Prova a sostituire alcune virgole con un punto o con i due punti, altrimenti il periodo diventa troppo pesante e si può fare confusione. Per esempio " Robert tu conosci la situazione in cui si trova il regno ed anche la nostra di situazione: ci mancano i soldi e i viveri visto che il raccolto è stato pessimo per colpa delle scorribande dei soldati del re Elam e a volte dobbiamo digiunare per qualche giorno" "Figlio, devo andare in guerra. Lo faccio per te e tua madre. Lo faccio perché voi possiate vivere sereni. Noi dell’esercito dobbiamo impedire..." mi sembra che così scorra meglio e sia più d'impatto.

    Insomma, devi rigurdare un po' la punteggiatura ma per il resto mi sembra ben scritto...complimenti!

  • 1 decennio fa

    Mmm.. Allora... Come storia mi sembra alquanto banale, un incrocio fra narnia, il signore degli anelli ed eragorn...

    L'italiano lascia un pò a desiderare.. e ci sono tratti in cui le periodi sono costruite in modo agghiacciante... (Per esempio l'ultimo)

    Sei arrivato subito al dunque della storia tralasciando la descrizione dei luoghi e dei personaggi, rendendoli marginali...

    Sinceramente non è uno scritto grandioso, però visto che hai ancora 13 potresti migliorare, e poi si vedrà...

    In bocca al lupo...

    Ciao

  • 1 decennio fa

    E' un po cortino...ma su quello ci puoi lavorare con la tua fantasia..non sembra mancarti.

    non ho mai scritto un libro però ne ho letti moltissimi; il consiglio che ti potrei dare è quello di concentrarti sui sentimenti dei personaggi, (con le descrizioni ci sei, puoi solo arrichirle), non esaurire il tuo racconto in fretta, allungalo come se la vivessi tu la storia, (magari dividila in tante tappe fondamentali e approfondiscile), pensa a quello che potrebbe piacere ai lettori...

    per quel che riguarda il linguaggio chiedi aiuto a qualcuno più grande per formulare frasi più forbite..

    la storia comunque mi piace..se metterai altri pezzi li leggerò volentieri.

    ps: i nomi mi piacciono...molto fantastici!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Robert...troppo banale

    bellissimo il regno dei fiori

    il padre con gli occhi azzurri e il figlio con gli occhi gialli?

    la carestia? cambia questa situazione, parla di devastazione

    troppo scarsa la descrizione dei luoghi

    non far piangere il protagonista

    troppa responsabiltà alla donna

    Critica costruttiva, spero che tu la veda così

    Consiglio, continua, sei bravo

  • Anonimo
    1 decennio fa

    scusami, nn vorrei essere negativa, xciò arrivo al punto: nn credo ke tt qll ke ti risponderanno (a partire da me) lo leggeranno, xk da fastidio agli okki, quindi, x nn ricevere trpp risposte negative, ke magari poi ti demoralizzano,fallo leggere a parenti, amici, ma in carta stampata, ke è meglio!

    ciao!

    sxo ke nn ti sei arrabbiato..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ho dato giusto un okkiata veloce hai nome xke` sto lavorando....i nomi tipo oiznelis e errots oppure ankora elam....sn un po contorti e bruttini da dire, prova qlcs ke scivoli facilmente sulla lingua, qst nomi vanno bene se si parla di orchi e gnomi....ma da ql ke ho capito sn semplici umani

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ma il libro è per bimbi di 5 anni perche è molto corto.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ha ragione felix quelle nn riempiono manko 5 pagine piene

  • 1 decennio fa

    non l'ho letto però è proprio corto...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.