Posso sostituire un interruttore della luce con una presa di corrente? Se sì cosa devo fare?

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    solitamente nella scatola dell'interruttore arrivano solo 2 fili e ne manca uno.Bisogna considerare che utilizzo pensi di fane di questa presa nel senso che tipo di utilizzatore vai ad inserire perché la sezione dei fili per la luce sono iinsufficienti per l' utilizzo continuativo per elettrodomestici che assorbono piu' di 1000 wats.detto quanto dovresti controllare la scatola di derivazione dove va a finire i fili dell'interruttore,li' dovresti trovare anche i fili di linea n.3 due per la corrente e una per la massa di sezione ben piu' grandi delle precedenti.Se la cannetta passa fili e sufficente grande da far passare i tre fili puoi realizzare il nuovo punto corrente senza rompere nulla.Altrimenti dovrai realizzare un passaggio di corrente in cannetta esterna sul muro.Se invece l'interruttore non ti occorre piu' puoi utilizzare il fili gia' esistenti ,ma dovrai sempre aggiungere il filo bicolore per la massa inserendola nella stessa cannetta di servizio fino alla scatola di derivazione per avere n.3 fili in totale che andrai a riallacciare su quelli di rete. Ti ricordo che la sezione di questi fili non supportano grossi assorbimenti di corrente max 1000 wats.

  • 1 decennio fa

    Se il punto luce non ti serve piu',allora la risposta è si,se invece hai bisogno anche della luce devi passare un altro filo.Certamente non potrai attaccarci un carico grosso come una stufa un fhon,Ora mi spiego devi togliere la corrente generale,poi scollega i due fili dell'interruttore,dopo di che vai dai due fili che escono dal soffitto collegali insieme coprili con del nastro adesivo,ora dai due fili dell'interruttore collegaci la presa e fissala, ora puoi dar corrente attacando l'interuttore generale.Ricorda che non sarebbe a norma pero' è funzionale .Ma la luce ricorda non c'è piu' a meno che alla presa non attacchi una lampada.Spero di essermi spiegato bene.CIAOOOO

  • sntplg
    Lv 5
    1 decennio fa

    Data la domanda te lo sconsiglio vivamente. Ogni modifica dell'impianto elettrico dovrebbe (per legge) essere effettuata da personale qualificato ed abilitato, pena la non omologabilità dell'impianto o la perdita dell'omologazione se presente. Non solo, ma le sezioni dei cavi spesso utilizzate per i punti luce sono relativamente piccole rispetto a quelle usate per i punti "forza" (le prese) per cui potresti trovarti un cavo sottodimensionato, che se sovraccaricato (una stufetta ad esempio) potrebbe surriscaldare e causare un cortocircuito.

    Per fare un bel lavoro dovresti vedere da dove partono i fili che vanno al lampadario, sostituirli ad esempio con dei fili da 2,5 mmq e montare la presa al posto dell'interruttore. Per fare questo ti servirebbe un "sondino" ossia una specie di filo di ferro piatto che dovresti far passare nei tubi per cercare la scatoletta di derivazione. Dato che un punto luce non costa una enormità (qualche centinaio di Euro) e che un lavoro mal fatto potrebbe farti saltare l'intero impianto (e allora le spese salgono), o peggio dar fuoco alla casa (possibilità remota ma neppure così tanto) ti consiglio un elettricista.

    Fonte/i: Io i lavori li faccio da solo sull'impianto elettrico, ma mio padre era elettrotecnico e faceva impianti ed anche io sono un ing. elettronico specializzato in impiantistica industriale. Per Gas e Acqua invece chiamo sempre persone che lo fanno per lavoro. Su certe cose non ci si improvvisa. P.S. Comunque prima regola SEMPRE STACCARE IL CONTATORE SE SI METTONO LE MANI SU PRESE ED INTERUTTORI
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.