Quale interpretazione dare a "Ciò che Dio ha unito, l'Uomo non divida". ?

Anche in questo caso la Teologia ha interpretato le Scritture.

Grazie.

Aggiornamento:

Ma cosa ha unito Dio, all'inizio dei Tempi?

Un uomo ed una donna che si sposano si scelgono, Dio non centra, secondo me.

E' qualcosa di ben piu' grande, che dovrebbe essere Unito in quanto cosi' era stabilito all'Inizio..

ed e' stato separato, e mal interpretato dai Teologi.

15 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Ricondurla alla celebrazione del matrimonio mi sembra riduttivo per il ruolo di dio.

    Se c'è una dimensione divina della coppia questa è spirituale, mentre da sempre ci sono miriadi di matrimoni regolarmente celebrati in nome di dio che si basano sulla reciproca, accettava, voluta convenienza.

    Mi rifiuto di credere che questo dio passi il tempo a sancire sacralità ad accordi "commerciali" in base al fatto che la cerimonia è in agenda.

    Quanto conta poi questa "sacralità" per la chiesa cattolica, basta pensare all'annullamento del primo matrimonio di Carolina di Monaco.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Si potrebbe pensare al matrimonio.

    Però chiediamopci se davvero DIO VUOLE il matrimonio come istituzione...perchè DIO vorrebbe un matrimonio ?

    Onestamente, anche se dovessi credere in dio, non credo che un dio avesse interesse nè motivo di creare un "istituzione". Dio vuole che ci siano famiglie ? Se una coppia vuole stare insieme in modo "cristiano" fa una famiglia, fa figli e non si lascia mai.(sempre ammesso che dio voglia questo) e DIO lo sa senza preti e rituali.......la famiglia nn dipende dalle carte del comune o da cerimonie della chiesa.

    Che necessità c'è che un'unione venga "santificata" o "ufficializzata" da un prete ?

    Chiedetevelo.

    Non viene naturale pensare che DIO non è così superficiale e formalista e guarda le vere INTENZIONI delle coppie ? La famiglia è nell'amore e nelle intenzioni, se queste non ci sono neanche un rituale non serve a tenere insieme una coppia.

    Il matrimonio è un rituale che serve a dare un po' di lavoro ai preti, di modo che abbiano dei "compiti", serve giustificare l'esistenza dei preti per fare in modo che la gente abbia bisogno di loro. per controllare la gente.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Esattamente quello che dice! Ciò che è unito da Dio, non deve essere diviso dall'uomo. Facciamo un esempio: due si incontrano, si piacciono, si sposano, poi col passare del tempo scoprono, che il loro è stato un errore. Forse si erano sposati perchè dello stesso censo o gruppo culturale o ideologico, o perchè (inconfessatamente ed inconsciamente) l'uno trovava protezione o tranquillità finanziaria nell'altro, forse si piacevano solo fisicamente. Il trascorrere del tempo scopre inesorabilmente i falsi motivi per cui molte persone si sono sposate al primo cambiamento di uno status (vero motivo del matrimonio). E così un ricco che diventa povero verrà lasciato per qualcun altro ancora ricco. Un bello che si riduce in carrozzella, da macho che era, verrà lasciato per il primo maschione tenti la propria moglie. La caduta in depressione, per via del lavoro, o di altro, allontana il partner debole che invece si appoggiava a lui come ad una fortezza. Gli esempi sono infiniti. Voi credete veramente che queste unioni siano state volute da Dio!? O non sono unioni che hanno fatto gli uomini!? Chi è unito da Dio non si separerà mai, perchè da Lui traggono forza per superare tutti i dolori e gli avvenimenti avversi! Chi è unito dagli uomini è invece soggetto all'errore di valutazione, sia da parte di chi si unisce, che da parte di chi unisce, che in effetti non conosce nè i motivi, nè le caratteristiche, nè le potenzialità di quell'unione. Dunque chi non è unito da Dio, ha il dovere e il diritto, di cercare la cosidetta propria 'anima gemella', questo per ambire ad uno dei fondamenti della cristianità: la ricerca della felicità, e non il mantenimento nel dolore, nel peccato, nella disperazione.

    E comunque esiste anche il passo: "Tutto ciò che unirete in nome mio, sarà unito anche in cielo, e tutto ciò che dividerete in nome mio, sarà diviso anche in cielo". Quindi la possibilità è doppia, ed include pure la 'divisione'!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Worf
    Lv 6
    1 decennio fa

    Rispondo ma non in modo scolasticamente "teologico".

    Dio è Amore ... l'Amore è Dio ... quindi se due persone sono unite dall'Amore sono unite da Dio, se sono unite nell'Amore sono unite in Dio.

    Pertanto, ogni codificazione di quell'Amore è perfettamente superflua, inutile ... e in certi casi anche dannosa - in quanto cerca di rinchiudere entro canoni umani, sociali, in convenzioni un "evento" Divino.

    Tuttavia un Amore può essere "diviso" da intromissioni che non sanno rispettare la sfera di sacralità che si è creata, le intromissioni possono essere delle "menti" dei due stessi "amanti", che non sanno cogliere appieno e rispettarsi, oppure da altri ... incapaci di fermarsi ... incapaci di rispettare la delicatezza dell'intimità altrui.

    Le interpretazioni teologiche sono intromissioni in questa sfera sacra ...

    Ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Forse questo e' una cosa "divina"?

    http://www.youtube.com/watch?v=RB3YBJCFZ9g

    Youtube thumbnail

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Le parole dette da Gesù a questo proposito nascondono una profonda verità : quando i due si uniscono avviene un passaggio dimensionale tale che li trasporta nel mondo dei Principi : quando ancora non c'era differenziazione tra maschio e femmina : propriamente si parla di ricostituzione dell'Androgine Primordiale (ed in questo consiste il compito ed il mistero del Santo GRAAL) ...

    SHANTI (pace e bene)

    gino

    Fonte/i: Massimo Scaligero - GRAAL : Saggio sul Mistero del Sacro Amore - Tilopa 1976
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Penso si riferisca ai matrimoni celebrati dai sacerdoti in nome di Dio, è come se fosse direttamente Lui a unirli nel sacro vincolo del matrimonio, quindi l'uomo non potrà più dividersi da quella donna che è diventata sua moglie e viceversa.

    La vera coppia credente, una volta che si è unita in matrimonio non ha più potere di cambiare idea e di decidere al riguardo... dovranno stare insieme fino alla fine... finchè morte non ci separi.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'Uno che si guadagna con lo sforzo nel cammino spirituale, non venga disperso nella molteplicità della psiche.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Cio' che Dio ha unito e' il genere umano , mentre l'uomo divide la sua gente con i vari territori nazioni.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    intende il matrimonio...

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.