Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 1 decennio fa

Vi secca se torno da voi con la solita sterile provocazione?

Ciao gioie :D

ça va?

saluto tutti quelli di voi che non sento su facebook.

E ora passiamo alla parte poco seria della domanda

Una delle contestazioni maggiormente portate dai veg,dai crudisti e quant'altro è il fatto che l'alimentazione onnivora sia contronatura. Capita infatti che le persone mangino animali che non potrebbero uccidere senza l'ausilio di strumenti atti a tagliare lacerare e soffocare...

riporto alcune delle contestazioni più frequenti

-"con quei canini riusciresti a sgozzare una mucca?"

-"riusciresti a correre dietro a un cinghiale?"

- "in natura quanti altri animali crescono degli animali per mangiarli?"

-"in natura quanti animali bevono latte in età adulta?"

la domanda è:

che rapporto avete con i vostri nonni?

in natura, la vecchiaia non esiste. Un animale, quando non è più efficente semplicemente muore in quanto non è più in grado di procurarsi cibo in maniera autonoma o di fuggire dai predatori.

Per questa ragione, dovreste ritenere innaturale l'approccio con gli esseri umani anziani che rappresentano,di fatto, uno stupro alla legge naturale basilare che sostiene che solo i più adatti sopravvivono.

insomma. è più contronatura mangiare carne o invecchiare?

dai che sono poco serio, baci sparsi ;)

Aggiornamento:

@ rain

tranquilla...

qui ci sono answercresciuto, conosco praticamente tutti gli utenti storici della sezione.

La frequentavo prima di ssd

Aggiornamento 2:

@tonio

hai mai visto un elefante sopravvivere grazie alla previdenza sociale?

il fatto che siano longevi è ininfluente,evidentemente le loro risorse sono tali da rendere efficenti le loro difese anche dopo gli 80anni. Lo stesso non è vero per gli esseri umani. La vista si abbassa, la salute diventa cagionevole e la forza fisica scarseggia, questo li renderebbe inadatti alla vita,se non venissero aiutati dagli animali più giovani.

Cosa che in natura non accade.

se vuoi fare esempi, cerca di fare in modo che siano coerenti. Grazie

Aggiornamento 3:

@cialtrona

mi fai un esempio di animale che viene fatto sopravvivere da altri animali anche quando non è più in grado di farlo in maniera autonoma?

magari senza riportarmi un esempio isolato, grazie

20 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Guarda che non capiranno mai che la forza della specie Homo Sapiens è proprio nell'imperfezione e nella inadattabilità (Unfitness direbbe il buon Darwin...): ciò ci ha costretto ad evolverci e a migliorare di continuo.

    Non abbiamo 4 camera gastriche ne' un intestino capace di digerire la cellulosa: perciò non potremo mai essere erbivori come le capre, le mucche e le giraffe, quindi dobbiamo avere un'alimentazione la più variata possibile!!!

    Non abbiamo canini affilati o mandibole stritolanti come leoni, tigri o coccodrilli: perciò abbiamo imparato ad allevare il bestiame con cui nutrirci (aiutati dai fidati cani pastore...).

    Il pollice opponibile ci ha permesso di abbandonare la vita arboricola, l'enorme sviluppo degli emisferi cerebrali rispetto alla massa corporea (infinitamente maggiore che in qualsiasi altro essere vivente terrestre) ci hanno permesso un progresso ed il raggiungimento di un livello di civiltà nettamente superiore a qualsiasi altro animale.

    La vita media si è più che raddoppiata negli ultimi 100 anni (almeno nei paesi occidentali): grazie alle attività ed alla previdenza sociale, alle migliorate condizioni sanitarie ed alle scoperte scientifiche e tecnologiche.

    Esistono tra gli animali (soprattutto negli insetti) delle forme di vita sociale, vi sono in natura centinaia di esempi di vita simbionte: ma parliamo sempre di individui sani, capaci in un futuro di poter trasmettere ai posteri il proprio patrimonio genetico. In natura non c'è posto per la malattia, la sterilità, la vecchiaia. I leoni, i lupi, e tutti i capi-branco sconfitti vengono lasciati soli a morire, gli elefanti vecchi e malati capiscono da soli quando è il momento di lasciarei compagni per congedarsi da questo mondo.

    Vi sono certamente esempi di cagne che allattano micini orfani, ma nulla è paragonabile alle cure degli umani verso i più deboli: i bambini, i malati, i vecchi.

    Amare gli animali e decidere di non mangiare carne è una scelta puramente etica, che rispetto profondamente anche se non seguo.

    Ma voler dare a questo tipo di alimentazione una giustificazione esclusivamente salutistica è un esercizio di astrazione e chi lo fa è solo uno sprovveduto malamente informato: sfido chiunque a dimostrarmi con studi scientifici (ossia basati su dati SPERIMENTALI riproducibili) e non statistici (ossia basati su previsioni di tendenze e probabilità) che la dieta onnivora sia causa di UNO, dico solo UNO, caso di decesso umano.

    Vi ricordo che allo stato attuale si parla solo di “associazione” tra nicotina e Not-Small-Cell Lung Cancer (carcinoma polmonare non a piccole cellule: uno dei tumori umani più letali): ossia la dimostrazione sperimentale del rapporto causa-effetto non è ancora stabilita.

    P.S. Sono medico: vi pregherei di evitare i copia-incolla e di argomentare le vostre tesi con parole e pensieri personali.

  • 1 decennio fa

    La natura ci ha dotati di razionalità, caratteristica per la quale ci differenziamo dagli altri animali(e dico differenziamo, non "eleviamo al di sopra"). Tale razionalità ci consente:

    -di sviluppare forme di empatia più dettagliate rispetto a quelle di altri animali. Per questo motivo, noi non soffriamo solo nel veder stare male i nostri cari, come, ad esempio, nonni,parenti,amici (cosa che anche molti animali sono in grado di sviluppare,non perchè riconoscano nitidamente parentele o amicizie,o perchè siano in grado di comprendere il dolore altrui, ma perchè il venir meno di figure cui sono abituati, che muoiono o si ammalano, può essere per loro fonte di cambiamento traumatico.Si pensi al cane che veglia il padrone malato-quindi non piu in grado di muoversi-ai piedi del letto,o che soffre quando il suo padrone non è in casa, o al cucciolo che piange e veglia accanto al corpo della madre morente), ma avvertiamo una sensazione di disagio anche nel vedere estranei sofferenti. Ciò avviene perchè siamo in grado di comprendere l'entità del dolore, di capire cosa prova l'altro, di metterci nei suoi panni, cosa che gli animali non sono in grado di fare in quanto dotati di caratteristiche diverse dalla razionalità, che è naturalmente propria dell'uomo.

    -Una capacità di insight maggiore di quella di altri animali. In pratica, grazie alla razionalità, siamo in grado di individuare tempestivamente i problemi e di elaborare possibili soluzioni, fino a giungere a quella giusta. Ciò ci consente,tra le altre cose di risolvere il problema dell'altrui sofferenza(in particolare di quella dei nostri cari), che ci arreca disagio poichè sollecita la nostra empatia.

    In altre parole, noi siamo in grado di edificare e gestire strutture volte alla tutela di categorie deboli, come anziani o disabili, che altrimenti,in natura,non sarebbero sopravvissuti. Ci consente di provvedere a loro nella misura in cui loro non siano in grado di provvedere a se stessi. In altre parole, l'insight sviluppato, fa si che noi siamo in grado di individuare il problema in "la sofferenza altrui,in particolare quella dei miei cari,mi arreca disagio e mi fa star male" e di elaborare la soluzione "fare in modo che i miei cari stiano bene,siano tutelati,e provvedere a loro qualora non ne siano in grado",nonchè di realizzare sia teoricamente che concretamente quanto necessario per assolvere questa funzione.

    Ora,nè consegue che il provvedere ai nostri cari,qualora loro non siano in grado di provvedere a se stessi e quindi sarebbero soggetti,inseriti in contesti dove vige la selezione naturale,alla morte, rientra nella nostra naturale caratteristicha di razionalità,ed è assolutamente naturale.

    Tale caratteristica dovrebbe farci inoltre prendere in considerazione l'eventualità di evitare di nutrirci generando morte(e qui dovrebbe subentrare la caratteristica empatica) qualora ci sia possibile disporre di vie alternative. E,poichè l'insight di cui sopra, ci ha consentito di realizzarle queste vie alternative(disponiamo di tutti i mezzi per essere in perfetta salute senza nutrirci di carne,pesce o altro),è del tutto irrazionale ed antiempatico fare altrimenti, e continuare quindi a nutrirsi generando morte e facendo indirettamente del male ad altri(di cui abbiamo la possibilità di percepire la sofferenza e il dolore) nonostante ci sia possibile imboccare altre strade.

    Ne consegue che,dal punto di vista delle caratteristiche razionali di cui naturalmente disponiamo e delle possibilità ad esse legate, continuare a mangiar carne non ha senso, almeno secondo il mio parere.

    Inoltre, l'argomentazione "mangiare carne non è nella natura dell'uomo" viene spesso usata per smentire le pseudo-argomentazioni che affermano "mangiare carne è nella nostra natura poichè siamo animali onnivori".

    In questo caso,la contro-argomentazione che noi veg utilizziamo è volta a far notare come, dal punto di vista evoluzionistico, l'uomo non sia per sua natura onnivoro,ma frugivoro,in base non solo ai numerosi studi condotti in merito,ma anche alla conformazione di molti nostri organi e apparati.

    Non sta quindi a significare "non mangiamo carne perche non è nella nostra natura e vogliamo esser fedeli a quella che è la nostra natura",per quanto il ragionamento,a mio parere,non farebbe una piega per le ragioni sopra indicate. Di solito le motivazioni per cui si sceglie di diventare veg son differenti dal voler tener fede alla propria natura. L'argomentazione "non mangiar carne non è nella natura dell'uomo" allude piuttosto a far luce su un errore evoluzionistico in cui molti onnivori-e non me ne vogliano per questo-son soventi cadere, e cioè credere che l'uomo sia un animale per sua natura onnivoro.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'importante è che tu capisca che alla miliardesima volta non vincerei il trapak di latte di soia, da un litro, per gli scherzi agli amici.

    Ogni volta si ribalta la frittata, il fatto dell'innaturalità è la prima cosa che un non vegetariano dice al vegetariano "ma è la Natura, così spezzi la catena alimentare", è solitamente a quel punto che gli si risponde parlando di VERA innaturalità e se i fatti stanno così, che ci si può fare, gli si spiega tutto.

    Il fatto che non esistano animali anziani in Natura è comunque completamente falso, è una generalizzazione come le quali se ne fanno troppe, come del fatto che gli animali molto grandi muoiano prima, ad esempio sbranati da animali giovani.

    Fatto sta che non bisogna stravolgere la Natura, ma di certo, allo stesso tempo, non bisogna farsene sopraffarre.

    --

    se non sbaglio il leone, purtroppo su questo ho una conoscenza sommaria, ma la Natura è molto varia e non ha leggi assolute, come molti credono e, ancora, la cosa è irrilevante perchè abbiamo capacità di discrnere e quella meravigliosa cosa che è la coscienza e il progresso etico-morale

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Secondo me con senso dell' umorismo che hanno qui, è meglio che incominci a scappare ora..

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    considera che questa motivazione è la risposta al "non mangiare carne è contro natura"...ad un'accusa stupida è stata data una risposta stupida, tutto qui

  • Anonimo
    1 decennio fa

    POESIA STILNOVISTA

    Oh amore che dalla divina ricorrenza il cuore spauri di caldo odore di sentimento rivelato! ascolta il grido del figlio del cuore che dall'amore per nulla amto che amar perdona non riesce a scolpire il glorioso canto del fringuello primaverile, e l'animo sterile che si spaura. è la vita.

  • 1 decennio fa

    io non sono il tipo di vegetariana che si fa sèghe mentali su come sarebbe il mondo se tutti fossero veg, su che cosa succederebbe agli anziani, con chi essere a favore e con chi contro... sono veg perchè lo sento come una cosa giusta, e perchè non me la sento di mangiare animali. questo non vuol dire che me ne sto a vivere in una grotta raccogliendo giorno x giorno quello che mangio... idem per tutti i vari pensieri derivanti dalla scelta veg. non mi faccio problemi, tanto animali non ne mangio lo stesso!

    :-)

  • Abcde
    Lv 4
    1 decennio fa

    quoto elia, e aggiungo, gli elefanti, le grandi tartarughe terrestri, le grandi scimmie sono contro natura? sono animali molto più longevi dell'uomo,

    che coincidenza sono pure animali vegetariani!

    "se vuoi fare esempi, cerca di fare in modo che siano coerenti. Grazie"

    secondo te cosa ha permesso a questi animali di raggiungere questa longevità? l'evoluzione, di sistemi di difesa, di stazza e di "politiche sociali" come il concetto di branco e di aiuto reciproco, che altro non sono che gli antenati della nostra società.

    poi l'uomo ha evoluto anche una autocoscienza e un'empatia (più o meno sviluppata) che lo porta a andare oltre le leggi della natura che ritiene ingiuste, accudendo i deboli, non uccidendo il primo che ci capita e smettendo di provocare sofferenze inutili per il piacere della carne.

  • 1 decennio fa

    Mi piacerebbe sapere cosa c'entrano tutte ste stronzate con gli animali massacrati torturati e macellati negli allevamenti?

    Mahh, cosa non si fa pur di difendere la bistecca.

    I miei nonni godono di buona salute e sono vegetariani entrambi, probabilmente ho preso da loro e poi ho scelto di diventare vegano e loro ne sono contenti.

  • 1 decennio fa

    Ciao, finalmente il mio onnivoro preferito dotato di senso dell'umorismo mai offensivo e che riesce a dire qualcosa di più che due parole in croce, ridicole e sensa senso.

    Risposta:

    I miei nonni purtroppo non li ho mai conosciuti sono morti tutti prima che nascessi, comunque io sono contro l' accanimento terapeutico e sinceramente se mi trovassi un giorno nei panni di quei poveri anziani soli, tristi dimenticati dai figli negli ospizi preferirei mille volte morire così di vecchiaia come gli animali in maniera del tutto naturale.

    Questo naturalmente non significa che abbandonerei mia madre a se stessa nel caso non fosse più autosufficente

  • Spleen
    Lv 4
    1 decennio fa

    Assolutamente daccordo con Liberazione!

  • Mostra altre risposte (9)
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.