LA RIPROPONGO: NON VI E' MAI VENUTO IL SOSPETTO?

Non vi è mai venuto il sospetto che tutte le campagne pro aborto, pro eutanasia, pro uso dei profilattici , pro unioni di fatto ecc. ecc.possano essere fondate esclusivamente su motivazioni economiche?

Ad esempio:

a) Aborto: che cosa fa una famiglia che è in attesa di un bambino? Comincia a risparmiare, comincia a ridurre, ad esempio, le uscite per andare a cena fuori o le serate in qualche locale. Pensa di meno al presente e di più al futuro rinunciando a ciò che è superfluo concentrandosi di più sull'essenziale. Come pensate che si sentano le varie industrie che operano nei cxampi più diversi al pensiero di perdere potenziali clienti? Inoltre la donna incinta può restare a casa dal lavoro per un periodo di tempo anche molto lungo. Dal punto di vista strettamente economico è un danno

b) preservativo: in Africa vengono distribuiti milioni di preservativi eppure l'AIDS invece di calare aumenta. E' calata invece in Uganda dove è molto alta la percentuale di popolazione cattolica e dove il preservativo ha un uso molto limitato. Se in Africa si portasse cultura ( generale e quindi anche sessuale) quanto perderebbero le multinazionali farmaceutiche in termini di guadagno? Immaginate il guadagno di 1 $ per ogni preservativo e moltiplicatelo per svariati milioni di pezzi che vengono venduto ogni anno solo in Africa

c) eutanasia. se fosse approvata una legge che autorizza l'eutanasia, quanto risparmierebbe lo stato per ogni degente che venisse "eutanasizzato"?

Aggiornamento:

@ Falcon

Non mi è venuto mai il dubbio per iol semplice fatto che se la Chiesa avesse voluto ottenere facili consensi avrebbe potuto tranquillamente chiudere un occhio, cioè mostrarsi meno intreansigente, prprio su qiesti temi.

Un atteggiamneto più lassista si sarebbe tradotto in un maggior numero di consensi e quindi di denaro nelle casse. Tieni presnete che Pannella e i radicali hanno fatto una campagna contro la donazione dell' 8x1000 alla Chiesa Cattolica chiendo di darlo invece alla Chiesa Valdese ( che accetta detreminate cose) con il risultato che la Chiesa Valdese si è vista quasi raddoppiare le entrate.

Aggiornamento 2:

@ Lucifero

In quanto a baggianate anche tu non ti difendi male!

a) hai estratto le risposte da un bussolotto? Questa non c'entra per niente con quello che ho detto io.

b) tu credi che le multinazionali regalino i preservativi? Li vendono alle varie organizazioni che poi li girano ai governi locali.

c) spesso? assolutamente. In Italia il costo per mantenere malati terminali è altissomo ed è tutto a carico delle varie ASL. Leggiti la reecente intrevista a Ignazio Marino ( primo dello scandalo che lo ha coinvolto) per avere dati assolutamente aconfessionali.

L'ultima frase è del tutto irrilevante con la mia domanda.

Aggiornamento 3:

@ KOKA M

Forse non lo sai ma il preservativo protegge dall’ AIDS con una percentuale di successo del 70%. Quando ti dicono che è sicuro ti imbrogliano e la dimostrazione obiettiva è data dal fatto che in Africa, nonostante l’ampia diffusione dei preservativi, l’AIDS aumenta invece di calare. Quindi c’è chi ci guadagna un bordello su una soluzione NON EFFICACE.

L’unica soluzione sarebbe esportare cultura invece che armi e preservativi ma la cultura toglierebbe a noi occidentali la possibilità di sfruttare i paesi africani. Vuoi una prova che non c’entra nulla con la mia domanda? Cerca la parola COLTAN su Google e guarda cosa salta fuori.

Aggiornamento 4:

@ SIMOMONA

Per il secondo punto, è vero che un banbino costa ma i soldi che si spendono vanno verso un determinato tipo di prodotti e vengono deviati da altri. Prova a pensare all’industria del divertimento in genere ( parlo di quello lecito) e ai danni economici che ne ricava. Prova a chiedere a quella tua amica se, con quello che costa in italia il latte in polvere, può permettersi di cambiare, ad es empio il cellulare e vedrai cosa ti .risponde.

Sull’eutanasia non esiste un principio logico che ti consenta di uccidere una persona se escluid quello economico. Ma forse ho capito male, prova a rispiegarmelo.

Aggiornamento 5:

@WILD WOLF (1)

Gli aborti sono in media da 20 a 50 al giorno per gli ospedali cittadini. La cifra varia a seconda della popolazione della città stessa. Non sono tutte donne nelle condizioni che tu descrivi, anzi la motivazione principale è che si tratta semplicemente di gravidanze non desiderate. Punto e basta.

Nel mali o nel Ciad si esportano preservativi e non si esporta la cultura. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Quando il Papa dice che il preservativo non è la soluzione dice quello che anche altre organizzazioni sostengono appoggiate dalle statistiche. Il problema è che per noi occidentali fa molto più comodo mantenere questa gente nello stato in cui si trova piuttosto che cercare di portarli ad un livello di vita più alto. Come mai, altrimenti, non si esportano ( e si regalano) più kilometri di tubature per l’acqua?

Aggiornamento 6:

@ WILD WOLF (2)

Innanzitutto non giochiamo con i termini: esiste l’ omicidio, il suicidio e al morte naturale. Se un uomo non muore di morte naturale e non si è tolto la vita da solo è omicidio.

Chiarito questo, diciamo che la vita di una persona non è disponibile. Leggiti il libro “Contro l’eutanasia” del medico non credente Israel Lucine ed.Lindau e così potrai parlare con un minimo di cognizione di causa.

Del resto la tua tesi è la stessa proprugnata dal nazismo.

Aggiornamento 7:

@LUNA STORTA

a)diciamo che non hai capito la mia domanda. Non ho detto che fare figli sia economicamente vantaggioso, ho detto che va a colpire gli interessi di una parte dell’economia. Del resto ti faccio una domanda. Prendi due persone un ragazzo e una ragazza appena spostati con un curriculum identico e mandali fare un colloquio di lavoro. Secondo te chi dei due avrà maggiori possibilità di ottenere il posto?

b) Ho già detto che i preservativi vengono prima acquistati da qualcuno e poi distribuiti gratuitamente. In ogni caso sono miliardi che entrano nelle casse delle multinazionali. Dai non scherziamo!

c) Quasi tutti gli hospice, o ricoveri per malati terminali sono sovvenzionati dalle ASL che pagano circa 400 euro al giorno per malato.

Aggiornamento 8:

@EBETE

Mi sono svegliato benissimo, grazie. L atua risposta invece mi convince che non hai risposte serie.

Il problema è che gente come te fa finta che milioni di morti non siano nulla in confronto al suo benessere.

Aggiornamento 9:

@ ARTUR

Una buona risosta. Mi riservo di rispondere con più calma perchè finalmente non è una riopsota fatta di cornellerie e di luoghi comuni.

A presto

Aggiornamento 10:

@ EITHLEEN

Sembra che tutto sia colpa della Chiesa cattolica. Ma tu vivi in Italia? La Chiesa cattolica è contraria, ad esempio, ad aborto e divorzio. Eppure in Italia aborto e divorzio sono diventati leggi dello stato. Se la Chiesa avesse tutto questo potere i due referendum non sarebbero passati .

Inoltre non è vero che le ragazze ( e le famiglie) sono lasciate sole a se stesse. Dallo stato italiano certamente perché fa comodo così, ma le strutture cattoliche esistono e sono funzionanti

Ma forse tu vorresti un’educazione sessuale come quella che c’è, ad esempio, in Germania dove ai bambini dell’asilo insegnano come si mette un preservativo ( usando falli di plastica) o alle bambine insegnano canzoncine sul come è bello toccarsi in certi posti.

Aggiornamento 11:

@EITHLEEN

Anche sul preservativo sei fuori strada. Nei paesi dove la Chiesa “si mette di mezzo” come dici tu. L’AIDS è in calo. Nei paesi dove il mettersi in mezzo della Chiesa non è preso in considerazione, l’AIDS è in crescita. Il motivo è proprio in questa frase che tu stessa hai scritto: "se dai a un uomo un pesce, lo sfamerai x un giorno, g gli insegni a pescare, mangerà x tutta la vita”

Se tu dai una buona educazione sessuale basata sul rispetto della persona,a quelle popolazioni otterrai dei risultati. Se tu invece distribuisci preservativi a manciate garantendo che sono la soluzione, gli salverai la vita per un giorno, due o tre ma alla fine quelli che li usano resteranno contagiati.

E’ come giocare alla roulette russa, le percentuali sono più o meno le stesse. Tu non lo faresti ma vuoi che lo facciano gli africani.

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Personalmente penso che al giorno d'oggi si prendano cose come la vita e la morte un po' troppo alla leggera ma con la frenesia dei tempi odierni non v'è da stupirsi, non c'è più il tempo di meditare a fondo sulle questioni importanti dell'esistenza e non ci sono punti di riferimento a cui guardare. Sono momenti nella storia in cui la realtà appare confusa e distorta e ognuno fa un po' come gli pare ascoltando quello che dice questo o quello.

    a) Aborto: l'aspetto economico che lo caratterizza è quello che viene pagato ai medici ed alle strutture che effettuano questo servizio e che quindi rimarrebbero "a secco" se questa pratica divenisse illegale. Indubbiamente costoro muovono tutto quello che possono per difendere la loro fonte di guadagno come fanno i lavoratori in altri settori.

    Poi ci sono politici che utilizzano l'aborto in modo strumentale per convogliare voti dalla loro parte ed è una cosa che succede per qualsiasi tematica.

    Il vero problema è che l'aborto è una soluzione medica posta in atto per risolvere un problema culturale. E' una scorciatoia presa per non affrontare le magagne della nostra società.

    Se quando una ragazzina resta incinta il padre e la madre di lei non avessero motivo di vergognarsi dell'accaduto, allora probabilmente non la costringerebbero ad abortire.

    Se fosse considerata una cosa normale dare in adozione i figli non voluti anziché spegnerli prematuramente allora quasi tutti lo farebbero anziché abortire. E' una cosa che vale per le ragazzine come per le donne, se fosse diffusa una cultura della vita di certo l'aborto non avrebbe la stessa "presa".

    Lo stato di certo non dovrbbe stare a guardare ma dovrebbe invece sostenere attivamente le madri, sia quelle che a fine gravidanza il figlio vogliono tenerlo sia quelle che invece lo daranno via.

    b) Preservativo: indubbiamente quello dei preservativi è un business e l'Africa come il resto del mondo non fà eccezione, la differenza è che invece di pagare i nativi del luogo siamo noi a pagare per loro quando finanziamo le associazioni umanitarie che li distribuiscono. Le industrie che li fabbricano non regalano niente, nessuna industria di nessun tipo lo fà. Quando sembra che sia così la chiave di lettura giustà è "pubblicità umanitaria" che rende parecchio all'immagine dell'industria stessa.

    Lo scopo di ogni industria è conseguire il più alto utile possibile sbaragliando la concorrenza, questa è la base del capitalismo. Il capitalismo non è "umano" perché è basato sul denaro ed il denaro è semplice cartaccia non ha un cuore.

    c) Eutanasia: per la politica il tema dell'eutanasia è più un focolaio di voti piuttosto che la speranza di un ritorno economico.

    Il tema della cosiddetta "buona morte" andrebbe diviso in due parti, quando il soggetto sottoposto al trattamento è consenziente e quando invece non lo è.

    Perché a differenza dell'aborto in cui è impossibile sentire tutte le parti in causa visto che il bambino non può in alcun modo esprimere la sua opinione, nell'eutanasia c'è la possibilità che sia la persona stessa a voler morire.

    Se l'eutanasia è intesa come la possibilità per lo stato di togliere la vita ai membri giudicati inutili e/o "difettosi" della società (come predicava il buon vecchio Hitler) allora trovo che sia una cosa "pittosto spiacevole".

    Se invece è una scelta dell'individuo di terminare la propria vita allora la questione cambia aspetto, ognuno è libero.

    Nella morte comunque non vi è nulla di "onorevole" o "disonorevole", "dignitoso" o "non dignitoso" la morte è la cessazione della vita per come noi la conosciamo punto e basta, quando cerchiamo di attribuirle un significato lo facciamo nel tentativo di rassicurarci, di ricondurla a qualcosa di razionale.

    Ma la morte non ha valore intrinseco, non ha senso di per sé. E' solo una porta che forse conduce ad un altro stato dell'esistenza o forse conduce all'oblio. Che dopo vi sia qualcosa o non vi sia nulla in questo caso non fà differenza, dopo non sarà certo il modo in cui si è morti ad avere importanza.

    L'eutanasia volontaria nasce per darci l'illusione di un controllo sulla morte, ma una volta che ci gettiamo nelle braccia della mietitrice chi è che ha il controllo?

  • a) baggianata. spessissimo più la gente è povera, più fa figli. in quanto diventano forza lavoro.

    b) altra baggianata: la distribuzione di preservativi è spesso gratuita

    c) altra baggianata. spesso questi degenti sono tenuti in cliniche private.lo stato non paga una cippalippa per queste.

    se invece lo stato italiano tassasse gli immobili posseduti dalla chiesa cattolica in italiana, specialmente a Roma, otterrebbe un conquibus notevole, e forse non avrebbe un debito pubblico cosi vergognoso.

    senza contare poi la valanga di soldi che la Chiesa fa abusando della credulità altrui, con i vari oggetti sacri, immaggini sacre ecc.al massimo puoi dirmi che i soldi muovono anche la chiesa...

  • .
    Lv 6
    1 decennio fa

    diciamo che ti stai arrampicando sugli specchi, con risultati assai ridicoli.

    a) figliare gonfia le tasche di moltissime multinazionali (pappa dei bebè, accessori a loro dedicati, giochi). I bambini sono un costo, un costo enorme, più delle uscite al ristorante o per locali.

    b) il preservativo viene distribuito gratuitamente a quelle popolazioni. Mai visto un distributore di profilattici in mezzo alla savana.

    c) hospice, ricoveri per malati terminali, etc. sono, nella stragrande maggioranza, strutture private.

    Tanti cari saluti.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    E' una pura e semplice follia quella che ci stai delucidando...

    A)le donne non abortiscono perchè varie e presunte industrie le hanno fatto pressioni di qualche vago genere.

    Una donna abortisce perchè non se la sente o non può mantenere un figlio.Indipendentemente dalla campagna pro aborto,o indipenentemente dal fatto che sia legale o meno.

    E poi il tuo ragionamento folle dovrebbe valere anche al contrario.Molte altre industrie dovrebbero essere contente della nascita di bambini,come quelle di pannolini od omogeneizzati.

    Ma,ripeto,è un discorso proprio senza senso.

    B)Anche questa considerazione sull'Uganda te la potevi risparmiare.Ed evito di controbattere,perchè spero tu te ne sia reso conto.

    In Africa il problema non è tanto il numero di condom;i veri problemi sono la distribuzione e la prevenzione.

    Vai tu in un villaggio del Mali o del Ciad a spiegare a delle persone,per quanto buone e oneste,che se non useranno questo "affaretto trasparente",si prenderanno una malattia mortale.

    Poi se in questa vicenda,volutamente,le industrie farmaceutiche raggirano i governi e le persone(non credo,ma comunque...),questo non lo posso sapere,e nemmeno tu.

    In ogni caso le dichiarazioni fatte dal papa nazista sono fuori dal mondo,e tutta l'Europa ne ha preso le distanze.

    P.S.:in tutta Europa ci sono al governo solo due democrazie di sinistra,vedi tu.

    C)E anche questa sciocchezza te la potevi risparmiare.Con la legge sull'eutanasia non è che i medici "ammazzrebbero"(e non è omicidio!)tutti i pazienti in stato di coma."Ammazzerebbero" solo quelli che lo vogliono.Il "ricavo",a livello teorico,potrebbe anche essere nullo.

    Ma visto che in questo strano mondo c'è gente che non vuole e non vorrebbe vivere attaccato ad una macchina(perchè Dio è tanto buono eh...),me in primis,una legge che tuteli anche le nostre esigenze mi sembra ben giustificata.

    Ognuno deciderà per sè.Forse al tuo Dio la democrazia non è un concetto chiaro.

    Amen,ne farà l'abitudine.

    Saluti da un agnostico.

    --------------------------------

    @WILD WOLF (1)

    "Gli aborti sono in media da 20 a 50 al giorno per gli ospedali cittadini. La cifra varia a seconda della popolazione della città stessa. Non sono tutte donne nelle condizioni che tu descrivi, anzi la motivazione principale è che si tratta semplicemente di gravidanze non desiderate. Punto e basta."

    E quindi,dov'è il punto?Se una donna rimane incinta senza volerlo,non può abortire?Ripeto:ha molti più diritti lei come donna adulta,che quel feto di due mesi.Se adesso ci dobbiamo pure mettere in testa che la vita è un dono di Dio e scemenze del genere,non ne veniamo più fuori.Ognuno agirà secondo propria coscienza.

    Sei Credente,non abortisci.Non credi,fai quello che ti senti.

    Non mi sento,poi,di condannare una ragazzina di 17 anni che rimane "per sbaglio" incinta e decide di abortire.Secondo me tu non capisci che avere un figlio è una responsabilità fuori ogni misura.E chi non è pronto non è giusto che li cresca,facendo più danni che altro.

    Per quanto riguarda le percentuali(molto contestabili fra l'altro),anche le donne stuprate vanno tutelate.Pure se ci fosse un solo caso l'anno(ma vai a vedere nella Cattolicissima Nigeria che succede!),quella donna andrebbe aiutata.E me ne frego di Dio.

    "Nel mali o nel Ciad si esportano preservativi e non si esporta la cultura. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Quando il Papa dice che il preservativo non è la soluzione dice quello che anche altre organizzazioni sostengono appoggiate dalle statistiche. Il problema è che per noi occidentali fa molto più comodo mantenere questa gente nello stato in cui si trova piuttosto che cercare di portarli ad un livello di vita più alto. Come mai, altrimenti, non si esportano ( e si regalano) più kilometri di tubature per l’acqua?"

    Che gli Occidentali ci guadagnino dalle disgrazie degli Africani l'ho sempre sostenuto.Mi sono sempre chiesto come mai in Africa attualmente ci siano 20 guerre e nessuna fabbrica di armi.Da chi le prendono sti neri?

    Comunque...Dire che il preservativo è una cosa che non combatte l'AIDS è come dire che l'aspirina non aiuta col raffredore.E non ti fornisco nemmeno dati,perchè è un'idiozia di una tale portata che non merita risposta.Ripeto solo questo:tutta Europa ha preso le distanze da queste dichiarazioni,definite,in alcuni casi,"pericolose" del Papa.Tutti miscredenti,o forse gente che pensa scientificamente un attimino?

    WILD WOLF

    "Innanzitutto non giochiamo con i termini: esiste l’ omicidio, il suicidio e al morte naturale. Se un uomo non muore di morte naturale e non si è tolto la vita da solo è omicidio.

    Chiarito questo, diciamo che la vita di una persona non è disponibile. Leggiti il libro “Contro l’eutanasia” del medico non credente Israel Lucine ed.Lindau e così potrai parlare con un minimo di cognizione di causa.

    Del resto la tua tesi è la stessa proprugnata dal nazismo."

    Se la persona che viene uccisa è consenziente non è omicidio.Anzi,il medico le fa un favore.Se io volessi morire,e qualcuno esaudisse il mio deiderio,mi aiuta,non mi fa un torto.Ma anche qua la vita è un dono di Dio e scemenze varie.Ma il concetto per il quale ognuno decide per sè non vi è chiaro?Si chiama democrazia,e la libertà ne è una prerogativa.Fino al momento in cui non faccio del male ad altri,posso decidere di fare tutto quello che voglio.E se decido di ammazzarmi,devo essere aiutato,Dio o non Dio.Ma sai che c'è?L'impossibilità di scegliere per sè,e quindi la privazione della libertà,erano caratteristiche dei regimi totalitari,come il Nazismo.

    Complimenti al Papa nazista,sicario di Cristo in Terra,allora.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    può anke darsi ma secondo me è + una qestione di carattere e di esperienze e di scelta di vita. penso k ognuno di noi abbia il diritto di decidere se abortire o meno. x qnt rguarda il preservativo k nn vorrebbe exere sicuro! eutanasia= immaginati cm si dv sentire i parenti + stretti di qst xsone?!. quindi si se vuoi metterla sl piano economico è vero c'e k ci guadagna un bordello!! ma è vero anke k ti danno una soluzione efficace. nn sn d'accordo x qnt riguarda l'aids in africa poik qst malattia nn la si puo contrerre sl sexualmente e poi anke in europa e in altri paesi sviluppati c'è l'aids eppure vengono utilizzati molti preservativi o forswe meglio dire k vengono comprati ma in qnti realmente li usano??l'unico motivo xcui in qst paesi nn si sente tanto è k exdendo paesi sviluppati lo stato riesce ad offrire cure adeguate cs k in africa nn può coesistere poikè i medicinali costano trpp!!!!!!:)

  • 1 decennio fa

    e non ti sei chiesto invece perchè tanti sono contrari al controllo delle nascite?

    in una famiglia poniamo 4 figli, il marito ci penserà bene prima di far valere i propri diritti sul luogo di lavoro, per paura,. quindi il datore di lavoro lo avrà in pugno e farà i comodi suoi. se lui perde il lavoro pensi una donna madre lo troverà?

    spesso ai colloqui di lavoro ti chiedono se sei fidanzata e da quanto tempo, prevedendo che tu possa volere figli, come se ormai fosse una bestemmia volersi fare una famiglia.

    è lì il vero problema. è normale che se una donna fosse tutelata sarebbe diverso.

    inoltre se le cose sono così in Italia, è perchè la Chiesa ha sempre osteggiato l'insegnamento dell'educazione sessuale.

    le ragazze sono lasciate sole a se stesse, visto che nelle nostre cattoliche famiglie non si prende in considerazione che un adolescente possa fare sesso , quindi quando lo fanno non sanno bene a cosa vanno incontro. anche i ragazzi sono lasciati soli a se stessi senza riferimenti o spiegazioni, e sviluppano dei comportamenti in base agli amici, a ciò che vedono etc..... e spesso non si pensa che abbiano dei sentimenti da tradurre in sesso, ma solo desideri fisici.

    inoltre la chiesa predilige le famiglie numerose perchè così continua la dipendenza psicologica di questa famiglie, che vivendo in situazioni di grande fatica e stress e con pochi soldi da tenere stretti, cercano nella Chiesa la consolazione della propria vita e la speranza che le cose andranno bene se continuano a pregare. invece di alzarsi e chiedere i loro diritti......

    in Africa non cala il problema perchè si mette la Chiesa di mezzo. lì la chiesa fa tutto il contrario di ciò che dovrebbe fare... ricordate questo passo: "se dai a un uomo un pesce, lo sfamerai x un giorno, gle gli insegni a pescare, mangerà x tutta la vita" invec la Chiesa fa proprio il contario ....incentiva la dipendenza di quelle popolazioni .... che accadrebbe se levassero le tende tutti i preti, suore, aiuti umanitari? con questo ricatto psicologico è normale che in africa restano tutti cristiani!!!

    inoltre tutto a questo mondo è basato da motivazioni economiche. che credi???

  • 1 decennio fa

    non ci avevo mai pensato..

    - Bhè, per quanto riguarda l'aborto potrebbe essere per certi enti, però ci sono quelli che veramente sono contro l'uccisione di una vita.

    Però una famiglia che sta per aver un bambino cerca di risparmiare per sè, ma compra tante cose per il bambino. (Ho una amica sposata che è incinta e ti assicuro che ha tante cose da comprare)

    - Per il preservatico sono daccordo, soprattutto per quel che riguarda l'Africa..ma anche se sono pochi, o meglio rari, ci sono delle associazioni che vogliono aiutare questa gente.

    - per l'eutanasia è la cosa più ragionevole..visto che in realtà non c'è un vero motivo ben preciso e logico per non approvare la legge.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ti rispondo con un'altra domanda

    non ti è mai venuto il sospetto che tutto sia fondato su motivazioni economiche?

    la chiesa ha una banca... dov'è la spiritualità nelle montagne d'oro e ricchezze che possiede? e per il resto... guardati attorno, tutto è diventato economia... ovunque ci sono soldi e raggiri di potere...

    e questo ovviamente non fa eccezione...

    http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=200...

  • 1 decennio fa

    Ti risponderei seriamente se sta sera a cena non ti avessi avvelenato il bicchiere... buona notte e buon risveglio.

    ebete.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Anche.

    In genere comunque alla sua base c'è l'egoismo. L'egoismo di questa 'civiltà' individualista, che abborre il sacrificio e la costruzione di qualcosa di positivo, e si vuole rifugiare nel solo soddisfacimento della propria pancia e dei propri desideri immediati.

    E chi soffia sul fuoco di questi desideri individualistici sappiamo chi è: l'Ingannatore. E' lui che suggerisce tutte le scuse con cui ammantare questi egoismi individualistici con una parvenza di rispettabilità. Scava scava, è lui che scrive i discorsi a Pannella e alla sua genìa.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.