Contratto di Lavoro Intermittente..Dimissioni?

Segui
  • Segui pubblicamente
  • Segui privatamente
  • Smetti di seguire
Salve a tutti, lavoro in un bar e ho un contratto di lavoro intermittente a tempo determinato, ma lavoro 10000 volte tanto e pagata 10000 volte meno...In pratica mi hanno davvero ...visualizza altro
Aggiorna : Piccola Nota: Non ho stipulato il contratto tramite agenzia interinale o ...visualizza altro
Migliore rispostaScelta del richiedente
Il Contratto di Lavoro Intermittente si differenzia dai "normali" contratti solo per il fatto che vai a lavorare solo quando ti chiamano, e se dai la disponibilità a rispondere sempre "presente" alla chiamata hai diritto alla cosiddetta INDENNITA' DI DISPONIBILITA'.....

Per il resto sono in tutto e per tutto identici ai "normali" contratti di lavoro a tempo determinato i indeterminato; hai gli stessi diritti e doveri di un qualsiasi lavoratore dipendente!!!!!

Quindi devi essere pagato per il numero di ore che lavori in base alla retribuzione prevista per il tuo livello dal CCNL che ti viene applicato.....
Se fai più ore di un tempo pieno (40 ore settimanali normalmente) ti spetta lo straordinario....
Maturi 13ma, 14ma, ferie, permessi, ecc ecc in proporzione alle ore che lavori....
Paghi i contributi come tutti...... e l'azienda paga per te i contributi come per gli altri.....
Ecc ecc....

Anche per quanto riguarda le dimissioni non c'è niente di particolare......
Il problema è che essendo un tempo determinato, come per tutti i tempi determinati, non è previsto il PREAVVISO..... nel senso che il contratto a termine è "blindato" e non può essere interrotto prima della scadenza del termine da nessuna delle due parti se non per GIUSTA CAUSA e comunque l'altra parte può chiedere un RISARCIMENTO DANNI!!!!!
Apporre il termine su un contratto è una "eccezione" (la normativa dice che i contratti di norma sono a tempo indeterminato....) dettata da una necessità contingente, improvvisa e limitata nel tempo che non posso affrontare con il personale in forza, quindi chi firma un contratto a termine garantisce all'altro una prestazione per un certo periodo di tempo......recedere dal contratto prima della scadenza significa mettere in difficoltà la controparte che aveva fatto affidamento su questa prestazione per fronteggiare l'emergenza!!!!!
Diverso è il discorso per un tempo indeterminato..... quello è un contratto A VITA e quindi deve essere prevista una scappatoia, non posso restare prigioniero del contratto!!!!

Spiegata la teoria, c'è da aggiungere che non sempre è facile quantificare l'importo del RISARCIMENTO DANNI..... e laddove ciò non è possibile la giurisprudenza ha sentenziato che il rispetto dei termini di preavviso fissato dai CCNL sono da considerare un equo risarcimento danni.....

Spedire la lettera di dimissione per raccomandata con ricevuta di ritorno va bene...... però considera che il preavviso decorre dal giorno in cui il datore di lavoro viene a conoscenza delle dimissioni.....
Se le poste tardano, se la raccomandata si perde, se alla consegna nessuno la ritira e va in giacenza alla posta??? Finchè non ti torna indietro la cartolina della raccomandata con la data in cui il datore di lavoro ha avuto in mano la lettera tu non puoi conteggiare i tuoi giorni di preavviso!!!!!
E se spedisci le dimissioni in busta chiusa.... e il datore di lavoro straccia la lettera e ti dice che la busta che hai spedito era vuota??? In ogni caso spediscila senza busta......
Consiglio: fai la lettera in duplice copia, consegnane una copia A MANO al datore di lavoro con la tua firma e fatti firmare la seconda copia da lui PER RICEVUTA con indicata la data in cui gli hai consegnato la lettera!!!! Ti tieni la copia con la firma del datore di lavoro e non rischi nulla.....

Valutazione e commento del richiedente

5 su 5
grazie
  • Valuta
  • Commento

Altre risposte (3)

Valutata la migliore
  • Valutata la migliore
  • Meno recenti
  • Più recenti
  • claudio c ha risposto 3 settimane fa
    Bah, secondo me ti dimetti e finita lì...i contratti a chiamata sono una truffa colossale e chi li usa è vergognoso.

    Fonte/i:

    Maurizio
    • Valuta
    • Commento
  • NikoNiko ha risposto 5 anni fa
    Ciao, allora visto che hai già un offerta migliore (sicura) fai le cose in regola.
    Spedisci tramite raccomandata con ricevuta di ritorno le tue dimissioni indicando un tempo di circa trenta giorni.
    Se per contratto non è specificato un limite, dovrebbero essere circa 20/25 giorni di preavviso, con 30 vai sul sicuro.
    Io sono appena uscito da una situazione simile alla tua, quindi comprendo in pieno con chi hai a che fare.
    Anche i mie ex dattori avevano (impresa di pulizzia, servizzio di vigilanza armata e non, di investigazioni, di portierato, di facchinagio etc.).
    Fai cosi e non te li metti contro, ad in oltre cerca di far cadere l ultimo giorno lavorativo a l ultimo del mese, così nn avrai problemi con i conteggi finali, ferie nn godute etc.
    Tantissimi auguri per il nuovo lavoro, ciao
    • Valuta
    • Commento
  • ? ha risposto 5 anni fa
    stai alla larga dalle "agenzie per il lavoro", ti sfruttano e ti buttano via quando vogliono loro e non hai mai una paga adeguata. Le agenzie sono dei parassiti. Fai domande direttamente alle aziende, non alle agenzie. Le agenzie sono la rovina del lavoro in italia
    • Valuta
    • Commento
  • Sign In 

    per aggiungere la tua risposta

Chi sta seguendo questa domanda?

    %
    MIGLIORI RISPOSTE
    Iscritto dal:
    Punti: Punti: Livello
    Risposte totali:
    Punti questa settimana:
    Segui
     
    Smetti di seguire
     
    Blocca
     
    Sblocca