muro del pianto gerusalemme: perchè vanno a piangere tutti là?

Aggiornamento:

pensavo che si andava la e bisognava sforzarsi per piangere.

5 risposte

Classificazione
  • Migliore risposta

    Gli ebrei non lo chiamano il "Muro del Pianto". Questo nome lo hanno attribuito gli occidentali perchè vedendo gli uomini in preghiera dondolarsi o supplicare, hanno creduto per molto tempo che essi piangessero. In ebraico si chiama Kotel Ha ma'aravi" , ovvero Muro occidentale. Non è una parte vera e propria del Tempio, ma un muro esterno che cingeva il Monte del Tempio all'epoca del Secondo Tempio ricostruito da Erode e distrutto nel 70. d.C dai Romani.

    I rabbini dicono che la "Schekhinà" (la Presenza di Dio)non si era mai allontanata dal Muro e ad iniziare dal primo Medioevo,il Kòtel funse da punto focale dei pellegrinaggi ebraici a Gerusalemme,era considerato un luogo santo, adatto in particolare per piangere (il 9 di Av, commemorazione della distruzione) la perdita del Tempio e pregare per la sua restaurazione.

    Fonte/i: Atea di discendenza ebraica
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Secondo la leggenda, quando le legioni di Tito distrussero il Tempio, il muro di cinta occidentale del cortile esterno rimase in piedi, parzialmente visibile e protetto dalle macerie per la maggior parte della propria estensione verticale. La leggenda vuole che Tito lo abbia lasciato come triste ricordo per gli ebrei da parte di Roma che aveva sconfitto la Giudea. Gli ebrei, comunque, attribuirono la cosa ad una promessa fatta da Dio, che avrebbe lasciato in piedi alcune parti del sacro tempio, come segno del suo immutato legame con il popolo ebraico, nonostante la catastrofe che lo aveva colpito. Gli Ebrei pregano là da duemila anni, ritenendo che quel punto sia il più sacro disponibile sulla faccia della Terra (essendo molto vicino al sito del luogo sacro tra i sacri) e che Dio sia lì vicino a sentire le loro preghiere. Anche la tradizione di infilare piccoli fogli di carta recanti preghiere nelle fessure del muro è antica di centinaia di anni. Nelle preghiere ripetute per tre volte ogni giorno sono incluse le ferventi richieste a Dio per il ritorno di tutti gli ebrei esiliati nella terra di Israele e la ricostruzione del Tempio (il terzo) per arrivare all'era messianica con l'arrivo del messia (in ebraico Mashiach) degli ebrei.

    e cmq non e' che vanno li a piangere... vanno li a pregare.... che piangono e' una conseguenza :)

    Fonte/i: ANNA MI SPIACE,,, NON PENSO DI ESSERE D'AIUTO...HO CONOSCENZA, MA POCO RISPETTO PER QUESTA RELIGIONE... IO SONO LA BESTIA
  • Anonimo
    1 decennio fa

    La risposta di bigshoot è esatta.Ha una bella preparazione e può essere di aiuto a coloro che vogliono crescere nella conoscenza .Aggiungi alla fede la conoscenza! ciò è x tutti.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Concordo pienamente con Bigshot.

    PS. Bigshot sei grande ! La tua risposta é corretta

    e merita molti punti e molte stelle.

    Fonte/i: Lettura della Bibbia.
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    E' il luogo dove piansero la crocifissione di Gesù Cristo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.