Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

BILLY BUDD ha chiesto in Politica e governoGoverno · 1 decennio fa

Perchè berlusconi e Scajola hanno detto NO alle FONTI RINNOVABILI?

questa è una domanda per i loro sostenitori, non vuole essere provocatoria,ma un CONFRONTO DI IDEE chiedo per favore di non offendere nessuno. Domanda numero due "Perchè proprio in Sardegna????????????" con tutti i problemi che ha quell'isola perchè proprio li, nonostante (che io sappia) altre regioni hanno dato l'ok per essere costruite lì. io so che se il governo decide Un £misero" governatore non può dire no (a maggior ragione se si tratta di un governatore di destra!)

Aggiornamento:

io (come penso molte altre persone) direi di no, però non lo fanno un referendum (come del resto sarebbe giusto nei confronti degli italiani) non danno la possibilità di decidere... eh ehe eh questa a casa mia si chiama dittatura, e gli italiani? Dormono (non tutti per fortuna, ma sempre troppo pochi) :(

Aggiornamento 2:

Ma siamo matti? Forse vi siete dimenticati del surriscaldamento globale! Nel 2020 pensate che Berlusconi e tutti gli altri politici saranno ancora vivi? Per non parlare di tutti gli anni che ci vogliono per far smettere di funzionare una centrale! (si parla di centinaia d'anni) E le SCORIE dove le lasciamo? Andranno a finire dove? In Sardegna anche quelle! Magari nelle miniere! Mi hanno spaventato molto i dati di ♣Pournio Ciurlisko ♣ (di cui cercherò conferma)

23 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il confronto tra fonti rinnovabili e nucleare non può esssere fatto qui, in questo poco spazio. Per cui mi limito a dirti due cose. Primo, l'unico EPR, centrale di nuova generazione, che si sta costruendo al mondo, è in Finlandia. Costerà il doppio di quanto ci dice Scajola, e si impiegherà il doppio del tempo (le bugie di Scajola). Soprattutto la Finlandia ha già annunciato che farà causa alla Francia (Veolia) per i difetti che rendono tale centrale del tutto insicura, molto peggio delle centrali di generazione precedente.

    Non esiste alcun EPR al mondo. Il resto sono bugie.

    Secodo. Nel mondo sono usciti tutti dal nuclare. In Germania nel 2006 è stata promulgata una legge in base alla quale le centrali nucleari da dismettere non saranno sostituite da nuove centrali nucleari, bensì da centrali fotovoltaiche o eoliche. Questo perchè è uscito uno studio (mai pubblicizzato) sulle conseguenze delle scorie nucleari sull'essere umano. I risultati sono stati tali da comportare l'abbandono della tecnologia nucleare. In germania, infatti, l'eolico ha superato il nucleare da tempo, e si spinge molto sul solare. Negli USA accade lo stesso, niente più nucleare, dopo i recenti disastri avvenuti. Ancora non sanno dove mettere le scorie.

    In Inghilterra il nucleare è morto da anni. La Thatcher penso di liberarsi delle centrali nucleari vendendole ai privati, ma nessuno le ha volute comprare. Ha provato a regalarle, ma nessuno le ha volute. Qquesto ti dice quanto sono economicamente insostenibili.

    Ed infine, si parla tanto della Francia, l'unico paese al mondo che si basa soprattutto sul nucleare, ma si dimentica di dire che il nucleare francese è per le bombe atomiche, quindi è sovenzionato tutto dallo Stato. E che, soprattutto, la Francia non costruisce più centrali da tempo. Attualmente sono in costruzione solo 2: quella finlandese, e un altra in Francia. La Veolia è sull'orlo del fallimento, e per questo Sarkpzy cerca l'accordo con l'Italia per salvarla.

    Risultato della presunta autonomia energetica francese è che hanno dovuto riattivare vecchie centrali a petrolio, e adesso importanto energia dalla vicina Germania, energia dall'eolico e dal solare.

    Non capisco perchè dobbiamo prendere ad esempio un paese che non è autonomo dal punto di vista energetico, come la Francia, mentre la vicina Germania, con le rinnovabili, non solo è diventata autonoma, ma è anche diventata fornitore di energia.

  • 1 decennio fa

    come dice Grillo " SONO MALATI MENTALI"

  • ?
    Lv 6
    1 decennio fa

    INTERESSI,GROSSI E SUCCULENTI INTERESSI.......

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ogni decisione presa dal signor Berlusconi deriva da interessi privati. Purtroppo in molti ancora non l'hanno capito. Il resto del mondo smantella centrali nucleari e investe nelle rinnovabili, noi acquistiamo vecchie centrali dalla Francia. Che gran bel paese di....

  • Perche' uno ha piu' di 70 anni, l'altro ne ha piu' di 60. I nostri politici sono vecchi. Le fonti rinnovabili sono un argomento del futuro. Questi qua stanno invece fermi agli anni'60 e al boom economico. Devono fare le "grandi opere" che nella loro testa sono le opere megalomani, quelle per intenderci che in Italia non si riescono mai a completare.

  • 1 decennio fa

    e piu importante il lodo alfano... è la prima cosa che ha fatto per il pololo non appena ha messo piede in parlamento,,,,

  • 1 decennio fa

    E Rubbia (italiano) le centrali le fa in Spagna....

    macheandasseroacagare....

    Il referendum era già stato fatto.. un bel NO al nucleare, e sicuramente chi aveva detto no lo aveva detto pensando a un NO per sempre, non con la data di scadenza ad ogni legislatura. gli spazi per i pannelli si possono trovare.. abbiamo km e km quadrati di tetti......

  • 1 decennio fa

    Perche ormai hanno fatto l'accordo con la Francia per la costruzione di 4 centrali nucleari nelle quali verrà impiegata tecnologia francese.

    Per Berlusconi queste centrali producono "energia pulita" mentre le fonti rinnovabili rinnovabili (eolica, solare, idrica,ecc) sono dannose er l'ambiente.

    Come non dargli torto, meglio costruire inceneritori che ci riempiono l'aria di polveri tossiche e centrali nucleari che riempiono il sottosuolo di fusti radioattivi!!

    Fonte/i: Per il denaro che cosa non si fa !!!!!
  • 1 decennio fa

    Ti rispondo facendo un copia incolla dal mio blog. E' troppo lungo da riscrivere. Puoi controllare che non baro guardando il nome del blogger che è anche il mio nick qui.

    Come tutti sapete il governo Berlusconi ha incominciato a seguire gli iter che condurranno alla riattivazione delle centrali nucleari in un futuro, almeno sulla carta, prossimo. Ne ha dette tante, questo esecutivo, sul nucleare: riporterà l'Italia al pari degli altri paesi; ci considentirà di ridurre la dipendenza energetica dall'estero; ci farà spendere meno; è la tecnologia meno inquinante. Tutto questo è vero? Ovviamente, no. E allora, analizziamola questa situazione. Il 9 luglio 2009, l'Italia ha sancito un nuovo patto con se stessa, patto, che la renderà peggiore di quello che già è. Ormai è tutto pronto: basta solo avviare le procedure e posare le prime pietre. Sì, entro il 2013, come ha detto Scajola. Quattro centrali, in grado di coprire (in base a quale fantascientifico dato, non si sa) il 25% della produzione energetica, saranno attive entro il 2020 o prima.

    1)Se c'è qualcuno che davvero crede che, incominciando nel 2013, nel 2020 le centrali saranno attive, alzi la mano e poi esca dalla porta sul retro. Non c'è bisogno di dati ma basta solo una frase: siamo in Italia. Cerchiamo di non scordarlo mai. Nel frattempo, la maggioranza di quei paesi a cui il governo si appella, non implementano la proliferazione nucleare e puntano sulle energie rinnovabili. Qualcuno addirittura inizia a dismettere le centrali. Passeranno, ottimisticamente, almeno ancora 12-15 anni prima che un watt di energia nuclearesia disponibile. Ma noi detrattori siamo bravi e dunque, concediamo per assurdo che per il 2020 sia tutto pronto. Mancano 11 anni. Visto che nel frattempo del rinnovabile paiono disinteressarsene tutti, chi eliminerà la famigerata dipendenza in questo decennio?

    2)Risparmieremo? Ma anche no. Ne è un esempio la centrale finlandese di Olkiluoto, che, pronta con un ritardo di 3 anni, verrà a costare la modica cifra di 3,2 miliardi di euro (stima più ottimistica). Interessante è scoprire come quella centrale sia dello stesso tipo rispetto a quelle che verranno costruite qui: tecnologia EPR. Il problema grave è che noi ne costruiremo quattro. Basta una semplice moltiplicazione: 12,8 miliardi di euro, questo il costo stimato da chi vede il bicchiere mezzo pieno. 18 miliardi di euro, per i gufi. Intanto, il nostro debito pubblico continua a librarsi alto alto.

    3)Risparimieremo (2)?E' uno studio dell'Oko-Instituts a rispondere: con l'energia nucleare, i cittadini non risparmiano. Nei paesi dove è attivo, la sospensione dell'attività degli impianti nucleari non ha effetti sul costo dell'energia. E' anzi probabile che sarà la stessa "borsa dell'energia" a livellare spontaneamente i costi, rendendo i megawatt nucleari, costosi quanto gli altri.

    4)Siamo al sicuro? Beh, non lo siamo mai stati. Circondati come siamo, avremmo sempre dovuto avere paura di un disastro. Non che questo sia un motivo per darsi più probabilità di morire istantaneamente a causa di una nuova Chernobyl o perire in sofferenza grazie ai devastanti effetti della presenza nucleare sul territorio. Eh sì, perchè, guarda caso, nei territori "assediati" l'incidenza di tumori e malattie è stranamente maggiore. Queste centrali, dicono, sono ultrasicure: e noi, che siamo così ingenui e fiduciosi, vogliamo crederci. Qualcuno però, si è dimenticato di sottolineare come queste EPR possano produrre molte più scorie e molto più radioattive.

    5)Risparmieremo(3)? Tutte queste scorie, dove le metteremo visto che di luoghi adatti, in Italia, quasi non ce ne sono? Forse le esporteremo, pagando profumatamente questa gentile concessione. Dio non voglia che qualcuno pensi di scaricarla abusivamente in qualche campagna disabitata. Ma insomma, su questo siamo tranquilli: quando mai qualcuno in Italia ha scaricato abusivamente?

    6)Elimineremo la dipendenza energetica? No. Per chi non lo sapesse, l'attuale dipendenza energetica in Italia fluttua intorno all' 85% perchè vanno considerate anche le importazioni di idrocarburi. Le quattro centrali, coprirebbero una parte estremamente minoritaria del dispendio italiano. Il dato fornito dal governo del 25% di copertura sembra uscito da un film di fantascienza di Spielberg. I dati seri, parlando di una copertura tra il 5% e il 10%. Beh, direte, è già qualcosa! Sì, lo sarebbe se non fosse per il fatto che l'uranio che serve per far ruggire quelle bestioline tossiche, noi, non ce lo abbiamo. Ah, ma si può importare anche quello. D'altronde, non sarà mica una tragedia spendere qualche centinaia di milioni di euro in più. Considerando questo, possiamo dire che il beneficio sulla dipendenza è dello 0%.

    7)I siti. Dove le costruiranno queste centrali? Beh, a Trino Vercellese, a 30 km da casa, non ce la voglio. E voi? Scommetto che se avete votato Berlusconi e se siete favorevoli, sarete anche ben disposti a tenervele in casa. Forse però, non potrete nemmeno. Infatti, è difficile trovare in questo paese un luogo che NON sia a rischio sismico e che disponga di grandi quantità di risorsa acquifera. Tutte nella pianura padana o tutte in Sardegna? Scommetto che lo accetteranno tutti supinamente, statene certi.

    Considerando tutto quello che ho detto sopra, penso proprio che non sia stato un buon affare, questo acclamato ritorno al nucleare. Ma c'è di peggio. Il nucleare lo avremo e ci servirà a poco: quando tra 40-50 anni l'Uranio inizierà a scarseggiare e noi saremo rimasti l'unico paese al mondo a non avere energie rinnovabili sufficienti, quanto saremo costretti a sottostare alla speculazione dei venditori? Dico che non abbiamo sufficiente rinnovabile perchè è così. Tutti i dati confermano che l'Italia potrebbe ottenerne una quantità di energia estremamente superiore a quella prodotta dai quattro eco-mostri. E dirò di più: si spenderebbe di meno, non ci sarebbero scorie e la dipendenza sarebbe verrebbe veramente diminuita. Intanto, giunge notizia che questo governo tramite tre esponenti, ha presentato una proposta per eliminare la tecnologia solare termodinamica in questo paese. Loro, la definiscono inefficiente. Carlo Rubbia, premio nobel per la fisica, esperto del campo, la definisce la fonte del futuro.

    Voi italiani che sostenete questo governo, avete deciso di credere a Gasparri, a Dell'Utri e a Nania piuttosto che a uno dei maggiori fisici del mondo. Certo, che siete proprio dei geni...e poi vi lamentate che l'Italia va male...poveri noi.

  • 1 decennio fa

    non guadagnavano abbastanza.

  • Tato
    Lv 4
    1 decennio fa

    Perché pensano solo ai loro interessi.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.