promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

I dieci segreti per vivere male?

Si può arrivare a venti anni dopo non aver neanche avuto una vita particolarmente rosa e fiori e mettersi a fare un mucchio di cavolate per puro autolesionismo?

Ah, che bella l'autodistruzione!

Si, si può...

1)Quando ci si sveglia la mattina, fare in modo di essere già stufi di quello che si sta per affrontare durante la giornata, dando particolare attenzione al posto in cui viviamo, al lavoro, le condizioni economiche e gli affetti.

2)Evitare di coltivare qualsiasi tipo di interesse, in special modo culturale, perchè i libri, la musica e qualsiasi altro tipo di espressione artistica possono darci sollievo e riempire il nostro spirito di bontà e saggezza. Nel caso non ci riusciate, cercate almeno di fruire esclusivamnete delle blande forme espressive "che vendono", le quali non costituiscono generalmente alcun pericolo (con pochissime eccezioni).

3)Tentare, nonostante tutto di accumulare più soldi possibile ed ambire ad uno status molto al di sopra delle nostre aspettative. Non fatevi scrupoli morali di alcun genere che solitamente risultano molto pericolosi.

4)Cercare in tutti i modi di apparire per quello che non si è. Questo è uno dei segreti più importanti, e anche se riuscirete ad avere successo negli altri, il mancato raggiungimento di questo obiettivo potrebbe completamente vanificare i vostri sforzi, dandovi sollievo e benessere.

5)Cercate di non ascoltare in nessun modo le opinioni degli altri e soprattutto valutate come idiozie assolute quelle più intime che vi vengono confidate.

6)Un grande sforzo è richiesto anche nella soppressione più energica della vostra reale personalità e sensibilità. Evitate in tutti i modi di commuovervi in pubblico e mostrate sempre di essere i migliori, anche nelle situazioni ed eventuali discussioni dove non avete idea di che cosa si stia parlando. Dovete comunque avere ragione.

7)Lamentatevi aspramente se è il caso, sia con gli amici sia con gli estranei. Ricordate il vostro dolore e le vostre preoccupazioni sono di gran lunga più importanti di quelle degli altri.L'ipocondria va inoltre praticata giorno per giorno, fino ad insinuarsi perfettamente nella vostra psiche e come abitudine consolidata.

8)Confidate senza alcun dubbio nelle informazioni e notizie che vi vengono fornite dalla televisione e dai giornali, perchè scoprire la verità delle cose potrebbe far germogliare in voi una presa di coscienza che può portare al rafforzamento della vostra personalità.

9)Abbiate la costanza di farvi venire sensi di colpa ogni qualvolta ce ne sia l'occasione. Consideratevi inetti nell'intimità ma forti nella vita sociale.

10)Non confidate mai a nessuno i vostri reali stati d'animo, che siano di gioia o di dolore; un prezioso consiglio che potrebbe giungere da un punto di vista esterno e magari più saggio del vostro è autentico veleno.

Mi raccomando, io ce l'ho fatta! Confido in voi!

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Secondo me per vivere male è sufficiente chiedere consigli d'importanza vitale su Answers. Della serie: il mio ragazzo mi tradisce? ho questi sintomi, che malattia ho? come chiamo mio figlio? perchè non ho amici?

    Effetti nefasti assicurati

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • dovic
    Lv 6
    1 decennio fa

    Devi avere una grande esperienza per aver sezionato tutto questo in un modo così accurato '_' O almeno hai passato ore e ore a farti pippe mentali... L'allieva supera il maestro, ovvero il sottoscritto u_u

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Fiore
    Lv 6
    1 decennio fa

    Perchè non metti la stessa energia e convinzione nell'opposto? faresti faville :P

    Dovic, in fatto a pippe mentali penso di superarti pure io!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Concentro la risposta soffermandomi solo sui punti che considero di più, ovvero:

    4)Se si segue quella via equivale ad annullare la propria persona.

    Del sollievo, della felicità e del benessere superficiale non me sono fatto mai nulla.

    Cos'è una persona se vive nella falsità? Un'ombra di se stesso, anzi l'ombra della sua ombra;

    7)Far sapere a tutto il mondo i propri problemi e i propri dolori non serve a nulla, poichè rimangono. Significa non essere in grado di affrontare i problemi e di cercare in altri la soluzione ad essi.

    Tutto deve partire da noi. Non vi sono deroghe in quel campo.

    ------

    Mi riconosco maggiormente nella n.10.

    Non vedo veleni, ma semplicemente finte panacee.

    Ciao.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Ves =)
    Lv 4
    1 decennio fa

    Sfogo amaro.

    Ma si legge un barlume di speranza... quando dici cosa potrebbe accadere se non si segue uno dei punti.

    Saluti! =)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Interessante.

    Ci potresti scrivere un libro analizzando tutti questi punti e il titolo incuriosirebbe la gente.

    Cmq sono d' accordo con tutto cio' che hai scritto.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Il vero significato della vita: ricordare a tutti l'importanza di sognare, di avere delle speranze, di credere negli ideali o in qualcosa.

    Una massa di persone che non sognano, che non sperano e che non credono in nulla finisce preda del nulla, ossia, finisce per perdere ogni motivazione, ogni stimolo, ogni coraggio...

    Resta solo una massa omogenea di robot, tutti sincronizzati nei tempi della loro misera quotidianità.

    Una massa stupida, ottusa, debole...figlia del Dio denaro.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    A partire da circa 13 giorni fa fino ad un paio d' ore orsono (sembra insensato a dirsi ma, si, li ho contati ) ho potuto sperimentare (e con fin troppa lucidità a dire il vero) i punti 1, 2,9,10 e parte del 7, da un lato è in quietante il fatto che potrei ricollegare ad un preciso momento l' emergere di ciascuna di queste caratteristiche nonostante la totale mancanza di eventi a cui ricollegarle (a dimostrazione del fatto di come quasi mi compiacessi o forse mi compiaccia tuttora della gratuità dell' autoflagellazione), dall' altro è un sollievo constatare come ora mi resti attaccata solo una, seppur fastidiosa, parte del punto 10.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.