DadeMinions ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 decennio fa

che ve ne pare di questa part del mio racconto?

x favore commenti seri e costruttivi... non insulti.... grazie mille

<< Marty dai alzati, dobbiamo andare! >>, urlò Giorgio.

<< Posso stare a casa io? >>, chiese speranzosa Martina.

<< Non ci sperare proprio signorina!! >> ripeté il suo fratello maggiore.

Era una calda mattinata di settembre. Ancora due settimane e la scuola sarebbe incominciata. Per questo tutti e cinque i fratelli iniziarono a prepararsi per andare a comprare zaini e astucci. Tutta la casa era in movimento. Ogni ragazzo si dedicava alle attività che doveva sbrigare. Edo, un bambinetto di sette anni, il più piccolo, dalla carnagione scura e i capelli mori tagliati corti a spazzola, stava rovistando nella sua cesta dei giocattoli al piano di sopra, alla ricerca di un qualche robot. Era un bambino molto frenetico e cocciuto. le sue sorelle Simona e Martina, lo detestavano e lo avevano soprannominato “ peste “. Finalmente trovò il suo robot preferito e iniziò a giocare, immaginando battaglie nello spazio e gloria eterna.

<< Edo vieni a vestirti! Sei ancora in pigiama! >> urlò Sandra dalla stanza accanto. La ragazza aveva diciotto anni, era bella e dai lineamenti molto marcati. A differenza dei due maschi e della sorella Martina lei era l’ unica bionda, insieme a Simona. Loro due sembravano fare parte di un’ altra famiglia tanto erano diverse. Gli occhi verdi erano sinceri e limpidi. Le guance rosate spiccavano con la carnagione chiarissima. Sandra finendo di pettinarsi i suoi ricci e cercando di convincere Edo ad andare a vestirsi, ripensava al suo ragazzo, Claudio, che la sera avrebbe rivisto dopo una pausa di riflessione di una settimana. I rapporti tra di loro stavano prendendo una brutta piega e per questo, prima di commettere l’ irreparabile avevano deciso di prendersi questo “ break “ come lo definiva Claudio. Secondo lei era una gran perdita di tempo rivedersi quella sera, tanto sapeva che oramai era tutto finito. O almeno cosi sperava. Negli ultimi tempi Claudio era diventato il tipico ragazzo noioso sempre in pantofole davanti a una monotona partita di calcio.

Al piano di sotto Simona, la fotocopia di Sandra solo molto più bassa stava rifacendo il suo letto. Erano proprio identiche, se non fosse stato per l’ altezza. Anche lei pensava a Claudio in effetti. Era infatti, segretamente innamorata di lui, ma sapeva che non aveva chance. Lui aveva ventisette anni, quattordici in più di lei. Sapeva che quella sera Sandra e lui si sarebbero incontrati per chiarirsi e sperava che la sorella lasciasse il suo ragazzo. Sapeva però che Claudio non aveva nessuna intenzione di essere mollato. Simona mentre rimuginava sullo svolgere della relazione tra sua sorella e il suo amore, fece cadere un cuscino dalla finestra. Dopo essersi accorta del guaio corse di fuori. Ma oramai era troppo tardi. Infatti Maya, il loro cane era già li a sgranocchiare il suo cuscino facendo volare pezzi di interno.

Diede una pacca in testa al cane e, senza nulla in mano, tornò su, alla ricerca di un’ altro cuscino.

Dopo averlo trovato andò in camera di Martina a prendersi una nuova fodera e rifece il letto con le nuove lenzuola. Nel frattempo Martina era ancora nel letto, cercando di convincere Giorgio a lasciarla a letto. Ma Giorgio, il fratello appena maggiorenne, era irremovibile. Già il suo atteggiamento faceva intendere che non aveva voglia di storie. Le gambe, leggermente divaricate, erano tese. Le braccia sui fianchi , mostravano muscoli invidiabili. La testa, dolcemente inclinata mostrava dei capelli castani e cortissimi. Gli occhi scuri erano irritati e le sopracciglia disegnavano una netta riga sopra di essi.

<< guarda Martina non mi fare arrabbiare che poi a scuola ci vai con le penne in bocca e i libri in mano chiaro?? >>, ripeteva ostinato lui.

Martina intanto si copriva la testa con il cuscino. Alla fine, esasperata, si alzò. Una volta in piedi il fratello rimase per un secondo a bocca aperta. Non riusciva ancora a capire come fosse possibile tanto splendore. Era snella e slanciata, i fianchi morbidi e le mani affusolate. I capelli castani con riflessi dorati , lunghi fino alle spalle, incorniciavano un volto perfetto. La carnagione abbronzata, due guance morbide, non c’era l’ ombra di un brufolo e le labbra vellutate erano rosse e sottili. E infine c’erano gli occhi. Gli occhi erano qualche cosa di mozzafiato. Erano color cioccolata, intensi, coraggiosi. Era la più temeraria e audace di tutti i suoi fratelli. Quando camminava lo faceva sempre a testa alta e forse era proprio questo suo portamento, cosi sicuro, cosi deciso, a intimorire chi gli stava intorno.

Aggiornamento:

ok... allora x giu*.*: ok crcherò di accorciare il opezzo di claudio... cmq si è una famiglia orfana di entrambi i genitori.. ma questo si spiegherà fra pochissimo...

x viziatella: anche io prendo sempre 9/10 nei temi... cmq ho 13 anni...

Aggiornamento 2:

ho cerato di rifare il pezzo di claudio: eccolo

<< Edo vieni a vestirti! Sei ancora in pigiama! >> urlò Sandra dalla stanza accanto. La ragazza aveva diciotto anni, era bella e dai lineamenti molto marcati. A differenza dei due maschi e della sorella Martina lei era l’ unica bionda, insieme a Simona. Loro due sembravano fare parte di un’ altra famiglia tanto erano diverse.

Aggiornamento 3:

Gli occhi verdi erano sinceri e limpidi. Le guance rosate spiccavano con la carnagione chiarissima. Sandra finendo di pettinarsi i suoi ricci e cercando di convincere Edo ad andare a vestirsi, ripensava al suo ragazzo, Claudio, che la sera avrebbe rivisto dopo una pausa di riflessione. I rapporti tra di loro stavano prendendo una brutta piega. Secondo lei era una gran perdita di tempo rivedersi quella sera, tanto sapeva che oramai era tutto finito. O almeno cosi sperava. Negli ultimi tempi Claudio era diventato il tipico ragazzo noioso sempre in pantofole davanti a una monotona partita di calcio.

Al piano di sotto Simona, la fotocopia di Sandra solo molto più bassa stava rifacendo il suo letto. Erano proprio identiche, se non fosse stato per l’ altezza. Anche lei pensava a Claudio in effetti. Era innamorata di lui, e sperava si lasciasse con Sandra. Simona mentre rimuginava sullo svolgere della relazione tra sua sorella e il suo amore, fece cadere un cuscino dalla finestra. Dopo esse

Aggiornamento 4:

vabbe non centrano niente... ma è solo cosi... di solito chi è bravo a scrivere è anche bravo in italiano... e poi scusa lei mi ha detto il voto che prende e poi io ho risposto... , per fare conversazione....

8 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    molto ben fatto :))

    ma è strana l'idea che il fratello rimanga a bocca aperta a guardare la bellezza della sorella sinceramente...

    comunque scrivi molto bene :D continua così! belle descrizioni, brevi periodi, netti, chiari... complimenti.

  • 1 decennio fa

    Sono tutti così orribilmente belli, perfetti e noiosi

  • ciao...beh l ho letto tutto e devo ammettere k tela cavi molto....ank a me piace scrivere...infatti nei temi prendo quasi sempre 9 / 10...il massimo dei voti....

    brava...complimenti..ma quanti anni hai??

    semplice curiosita xdxd

  • Anonimo
    1 decennio fa

    a me sembra che parli di una famiglia ...giusto??è la descrizione di una famiglia..percio claudio che centra???va bene che ''fa parte'' della vita di queste 2 dorelle..pero ti dei concentrata un po troppo su di lui....accorcia un po quel pezzo altrimenti è troppo un impiccio..

    ok,va meglio....cmq sei brava..complimenti..

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    x me è bellissimo faresti un gran figura cn qst tst sei molto brava. grande ciau spero di esserti stata di aiuto

  • 1 decennio fa

    bello

  • Andrea
    Lv 4
    1 decennio fa

    Ma che c'entrano adesso i voti nei temi?

    Ho sempre preso sei per miracolo, nei temi, ma non vuol dire nulla. Scrivo da quando avevo dieci anni e, senza vantarmi, sono piuttosto bravino. I voti non dipendono dall'acutezza della prosa, ma dall'essere d'accordo o meno con i gusti politici del professore di turno.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    bella complimenti ci sai fare...

    mi dai una mano

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ai...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.