Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

(questa più che una domanda è uno sfogo) Come posso vendicarmi di un vecchio torto subìto?

Vi spiego subito il fatto: sono un ragazzo di 21 anni, quasi 22, diplomato nel 2007 con il massimo dei voti e da allora mi sono isolato dal mondo. Sono molto timido e riservato per cui non ho mai avuto amici veri né un lavora. Andavo molto bene a scuola e per questo venivo spesso sfottuto dai miei compagni, anche se con alcuni andavo molto d’accordo. Nell’ultimo anno e più precisamente nel dicembre 2006 sono stato vittima di un atto di bullismo un po’ particolare: quel giorno ero a lezione di economia aziendale e stavo poco bene per via di una colica, di quelle che possono capitare a tutti. Fatto sta che andai in bagno come è giusto che sia e ad un certo punto si avvicina un mio compagno di classe ad aprirmi la porta dove mi ero chiuso per farla e questo ragazzo iniziava a riprendermi col cellulare. Io per la colica stavo talmente male che non potevo reagire e quindi lui poteva continuare indisturbato a riprendere la pietosa scena col telefono in compagnia di altri compagni che invece di difendermi si mettevano a ridere sulla mie spalle ç_ç e io che stavo malissimo mi sono messo a piangere per tutto il giorno non tanto per il mal di pancia ma perché non pensavo che la cattiveria dei ragazzi potesse arrivare fino a quel punto ç_ç. Qualche giorno dopo, il ragazzo cerca di scusarsi con me facendo vedere di aver cancellato il filmato dal cellulare ma io ancora non riesco a crederci tanto che non solo non accetto le scuse, ma addirittura inizio a scrivere su banchi e bagni cose brutte sul suo conto (d’altronde è giustificabile per quello che mi ha fatto…o sbaglio?). Gli amici di quel ragazzo, proprio quelli che ridevano di me, mi hanno quasi “minacciato” di aver diffuso il video su YouTube, e qui viene il bello, perché allora Internet non ce l’avevo nemmeno e quindi non potevo mai provare se quanto raccontato da loro fosse vero… Considerando questo, ero totalmente incapace di reagire nonostante avessi parlato con tutti di quanto è successo.

Quel ragazzo è venuto in classe con me solo durante l’ultimo anno e tra l’altro si assentava spesso e si ritirò molto prima della fine quindi diciamo…era come se fosse “di passaggio” nella nostra scuola… Non l’ho mai conosciuto bene ma so che non è un tipo molto raccomandabile… Qualche settimana dopo casualmente sono venuto a conoscenza del contatto msn di questo ragazzo ma non potevo usarlo perché anche allora non avevo ancora Internet (l’ho avuto solo lo scorso inverno). Mesi fa ho formulato una mia ipotesi di contattare questa persona su msn ma finora non ho mai avuto il coraggio di farlo, nemmeno aggiungendolo sotto falso nome. La mia intenzione sarebbe quella di vendicare questo torto subito 3 anni fa, ma c’è un problema: non sono mai stato una persona cattiva tanto che non so nemmeno cosa sia la vendetta…e poi lui si sarà dimenticato di quel fatto che io purtroppo ricordo ancora bene ç_ç … Cosa mi consigliate di fare in questi casi?

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Eri un ragazzino: ma adesso sei un uomo.

    La vergogna dovrebbe essere tutta dalla sua parte: tu non sei colpevole di nulla.

    E' lui che ha sbagliato.

    Perche' continuare a pensarci ?

    Cosa pensi di ottenere vendicandoti ?

    Ti prego, non fraintendermi: non vorrei che la prendessi sul piano religioso, o morale, o etico, o ... Per favore, credimi: te lo dico perche' TU stia meglio, di lui (loro) non me ne frega niente.

    Hai dedicato 514 parole al racconto di questa storia: quante volte ci hai pensato ?

    Stai meglio dopo averlo fatto ?

    Anche se sei molto timido e riservato non sei giustificato. molla immediatamente questa stupida tastiera ed esci a farti un giro.

    Ed ogni volta che ricominci a pensare a questa storia, cambia pensiero.

    Distraiti.

    Concentrati sul sedere di una bella ragazza. Ti aiutera'.

    (e con questo, mi sono guadagnato l'ira di tutte le lettrici del tuo post)

    Un abbraccio

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Una persona così piccola non va considerata.... sei troppo bravo...

  • Sono passati 3 anni....lascia perdere tutto quello che hai in mente!

    Mostra la tua maturità...dimentica e cerca di capire che di queste cose ne succedono ogni giorno bizzeffe e purtroppo nessuno fa niente per evitarle.

    Cosa credi di concludere vendicando quanto successo 3 anni fa?

    Pi non hai nemmeno la certezza che la minaccia a te fatta sia vera, che abbiano davvero pubblicato il video.

    Poi scusa, tu la tua vendetta l'hai ricevuta: pensa che tipo di ragazzo sia oggi, e qual'era ieri, pensa che non ha pres nemmeno la maturità...

    Non dovresti vergognarti di ciò che sei nè di ciò che eri..pensa a te stesso come persona più su, più matura, più INTELLIGENTE di chi ancora oggi compie questi atti vandalici.

    Piuttosto, essendo la parte lesa, con maturità cerca davvero di socializzare e portare la tua storia a esempio per chi soffre davvero di bullismo quotidianamente e nessuno può aiutarli!

    Baci..

  • 1 decennio fa

    ricorda di essere superiore a luiiiii

    lui non merita niente, neanche il pensiero della vendetta

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    fingiti una donna,dagli un appuntamento e invece di andare te manda qualcuno che li spezzi le gambe.

  • 1 decennio fa

    è bè ke brutta situazione... certo ke quello è stato proprio uno stron... ma se uno ha una mentalità ristretta cm la sua ci si può aspettare di tutto da uno csì... cmq bo secondo me se ti vendiki bo dimostri di avere una mentalità ristretta anke tu... cioè se avevi 16 anni magari lo potevi anke fare ma a 22... l'odierai a morte questo tizio xò... x me devi dimenticare tt.. anke xkè è successo molto tempo fà...

  • 1 decennio fa

    nemmeno io cerco di vendicarmi,perdita di tempo...quando cerco di farlo...mi vanno in fumo....! =) non ci pensare più.. =D

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.