Cri
Lv 7
Cri ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

Sudan …..Paese che arresta le donne che portano i pantaloni?

Lubna, Ahmed Hussein, giornalista sudanese ed ex impiegata dell'Onu (si è licenziata dall'Onu per rinunciare all'immunità), è stata arrestata in patria il 3 luglio scorso perché indossava i pantaloni.

L'articolo 152 del codice penale sudanese giudica ''indecente'' che le donne portino i pantaloni.

''La condanna consiste in 40 frustate o nel pagamento di una multa o entrambe''.

''Dal 1991 a oggi - almeno 20 mila donne sono state arrestate in base a questa legge, ma nessuna di loro ne parla e nessuno lo sa'', ha ricordato Lubna ALLA REPUBBLICA.

Per questo non ha avuto paura di essere frustata ed è pronta a subire anche più di quaranta frustate, purché tutti sappiano cosa succede a Khartoum.

PERO’ OGGI, dopo la diffusione mondiale del caso, la “cultura islamica” ci è andata con la mano leggera, solo una pena pecuniaria per Lubna GIUDICATA COLPEVOLE dal tribunale di Khartoum di aver indossato abiti indecenti: ossia dei calzoni larghi, sotto una tunica lunga fino alle ginocchia, con tanto di testa velata.

Perché il Pd fa la grande battaglia per la difesa del costume islamico da mare Burqini, inscenando un bagnetto mascherato contro la lega, e non alza la voce per l’articolo 152 insieme a tutti i movimenti dei diritti umani per difendere la libertà delle donne musulmatne dalle discriminazioni vittime di certe “usanze religiose”?

Aggiornamento:

@ Guru…. È stata punita solo con una multa perché ha avuto il coraggio di ribellarsi e grazie al suo lavoro è riuscita a trasmetterlo al mondo, il Pd non può fare niente? ma a me pare che scimmiottare con il burkini facendo il bagnetto per FINTA PROPAGANDA DI LIBERTA’ l’ha fatta? Il Sudan non è un paese Europeo ma i diritti umani sono MONDIALI e quello che dici non ha senso. Voi appoggiando questa sinistra scellerata e superficiale condannate le donne alle mutilazioni genitali femminili, ai matrimoni forzati, alle bambine soldato, a tutte le forme di violenza a cui sono costrette milioni e milioni di donne nel mondo. Non è il burkini la libertà della donna!!! Il burkini è costretto dagli uomini islamici… sveglia….

Aggiornamento 2:

G8: Conferenza internazionale sulla violenza contro le donne

Parte oggi la campagna di comunicazione "Respect women Respect the world": una rosa bianca, simbolo del candore del mondo femminile, diventa gradualmente nera, avvelenata da quel male oscuro che è la violenza contro le donne. Un dolore che resta privato, taciuto - per paura o vergogna.

Il fenomeno va fermato: ecco perché il 9 e 10 settembre il Ministro per le Pari Opportunità invita gli italiani a manifestare solidarietà a tutte le donne vittime di abusi e violenze, indossando qualcosa di bianco, in occasione della Conferenza internazionale sulla violenza contro le donne, che si terrà negli stessi giorni a Roma.

La Conferenza è promossa dal Dipartimento per le Pari Opportunità, insieme al Ministero degli Affari Esteri, nell'ambito delle iniziative della Presidenza italiana del G8. ……………

Aggiornamento 4:

@ Lady Cassandra … io dovrei cercare di cambiare punto di vista così potrò essere meno ristretta nelle mie osservazioni? Non dovrei neanche risponderti, ma provo una grande pena per te e per il rispetto della tua persona di donna, approfondisci il tema sicuramente ne trarrai dei vantaggi………..

Aggiornamento 5:

@ Maverik Non sono d’accordo, quando un’ ideologia diffonde idee, si colloca nella politica mondiale, se non è chiara e non si schiera contro a queste oscenità è una politica distruttiva, la sinistra ha creato tanta confusione nelle coscienze liberali e non accetto assolutamente la frase che i “buoni rapporti con l'islam sono più importanti della difesa dei diritti umani nell'islam stesso”….. non sei cinico, sei spietato!!!

11 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    La strana concezione ideologica che la sinistra fa della politica , negli anni ha fatto le famose battaglie femminista : la fi-ca è mia e la gestisco io , l’utero ecc ecc

    Oggi nel nuovo millennio come se avesse avuto una redenzione , anche vedendo il caso Boffo , vuole riportare la donna ad essere succube dell’uomo maschilista , con la scusante religiosa le donne comuniste si mettono il burqa.

    Chi l’avrebbe detto stanno difendendo una delle poche pseudo religioni che annichiliscono l’essere umano in questo caso femminile.

    Vedo la donna musulmana repressa e prigioniera sia dell’uomo che la sposa e prima ancora della sua famiglia , quella che non esita ad ammazzarla per l’onore familiare , come tempo fa una ragazza stuprata fu uccisa dallo zio perché ormai era stata violata e per il buon nome della famiglia andava ammazzata .

    Questo caso che citi le donne comuniste non lo vedono neppure come un sopruso , perché la loro religione lo impone , pensa se un cardinale gli vietasse di mettersi la minigonna vedresti le manifestazioni di piazza .

    La politica una brutta bestia quando le cosa vanno male come in casa della sinistra per recuperare si fanno errori che costano cari a chi li subisce in questo caso alle donne musulmane che non trovano appoggio nemmeno nei paesi democratici e liberi come il nostro , sono proprio le donne che per una manciata di lenticchie si svendono e fanno orrori come infilarsi il burqa che molte donne musulmane sono costrette ad indossare per rendere visibile la loro condizione di inferiorità al cospetto dell’uomo

    Pubblicamente .

    È imbarazzante e quantomeno irresponsabile ,chissà quante donne speravano in un gesto solidale da parte delle donne occidentali che hanno tutte le libertà e invece le rendono ancor più prigioniere dando ragione all’uomo islamico e alla sua pazzia.

    In Cina le uccidevano se femmine fino a poco tempo fa e credo ancora oggi perché non valevano socialmente come un uomo chissà se appoggiano anche questa tradizione infondo proviene da un paese comunista.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Alla fine è stata punita solo con una multa e niente altro, comunque il PD non può fare niente apparte divulgare la notizia visto che il Sudan non è nemmeno un paese Europeo e visto anche che il pd non è al governo. Dimmi tu cosa potrebbe fare un partito che non è al governo e per di più in un paese con il quale non ha alcun rapporto.

  • 1 decennio fa

    Carissima Cri, vedi sono anche io consapevole di quello che dici

    ma non tutte le grandi battaglie hanno come scopo principale quello che dicono, c'è sempre un secondo scopo.

    per rispondere anche a te lady cassa non devi prendertela con una che esprime un pensiero a favore del' Islam o contrario.

    l' Islam e una grande religione molto numerosa, ma con leggi molto severe, ed il 90% delle donne Islamiche non possono scegliere altro.

    E vero che in italia molte vicende di cronaca avvengono tra le mura domestiche, ma la legge in Italia e uguale sia x le donne che x gli uomini. Auguri

  • 1 decennio fa

    perchè in un caso si tratta di politica nazionale, nel secondo si tratta di politica internazionale e sarebbe meglio agire in comunione di idee con le altre forze politiche e con i piedi di piombo per evitare incidenti diplomatici. Senza contare che al Sudan di quello che pensa il pd come singolo partito non gliene può fregar di meno.

    So che può sembrare cinico come ragionamento, ma in questo momento buoni rapporti con l'islam sono più importanti della difesa dei diritti umani nell'islam stesso. anche se si tratta di due cose di valore immenso che è difficile comparare.

    Infine, nella storia l'imposizione di una legge o di un regime democratico dall'estero ha sempre portato a cattivi risultati. Guarda la situazione in sudamerica o in africa. Questo dimostra che la democrazia e i diritti umani devono essere guadagnati dal popolo stesso, in modo da formare una cultura politica interna al paese e non imposta dall'esterno.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    cara Cri questo non succede solo in Sudan ma in tutti i paesi mussulmani dove vige la Shar'ia .Ricordo che con i talebani

    in Afghanistan le donne venivano fatte sgozzare dai loro stessi familiari per dei reati tipo adulterio,che le vedove perdono i diritti più basilari e che alle donne veniva precluso il diritto allo studio. Per non parlare della donna che concepiva fuori dal matrimonio.Ti ricordo il caso di Amina qualche anno fa condannata a morte in Nigeria per adulterio e poi graziata per l' intervento della comunità internazionale.Il caso di Lubna e quello di Amina sono famosi e venuti alla ribalta internazionale , mi chiedo quanti altri casi sono passati in sordina e le condanne siano state eseguite e se questo tipo di cultura possa darci dei benefici come ci vogliono far credere i signori del PD. PS per Cassandra abbiamo già dei grandi problemi in casa nostra come tu giustamente hai fatto notare, accollarcene degli altri però è come darci delle grandi martellate sui c......i . Un saluto a tutti typhoon

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non capisco proprio il nesso tra Sudan e PD....

    Condivido le tue critiche al governo/regime sudanese ma se poi te la prendi con una donna che vuole fare il bagno in libertà come le piace...

    scusa, ma proprio ti contraddici....

  • 1 decennio fa

    La cosa ridicola è che c'è gente che inneggia a libertà di stampa mai messe in pericolo e a ipotetiche dittature in Italia. Quando pero ci si trova davanti a vere dittature e a Paesi che si comportano in modo da violare i più elementari diritti si preferisce voltare lo sguardo altrove.

    Chavez oggi è festeggiato a Venezia, come fosse uno statista di livello e nessuno sembra volersi ricordare delle sue decisioni proprio contro la libertà di stampa, fatte non da querele ma da vere e proprio chiusure di emittenti e incarceramenti di giornalisti.

    In Sudan questa donna viene condannata per aver esercitato un suo semplice diritto. Ha scelto di passare un mese in galera affinchè non si smettesse di parlare del caso.

    Ma a livello politico nessuno ne parla.

    Non regge lìil ragionamento secondo cui si tratta di politica estera e quindi bisogna essere equilibrati, non bisogna invadere la giurisdizione di quel Paese.

    Mi pare che quando la sinistra vuole sa fare ferro e fuoco anche dei paesi esteri (caso Libia docet) anche quando questo rischia di compromettere relazioni diplomatiche ed economiche estremamente importanti per il Paese.

    Non vi son forse stati sit-in e proteste durante la visita di Gheddafi in Italia?

    Dove sono i sit-in e la proteste per quella di Chavez?

    Non ci sono state forse proteste e annunci di manifestazioni per i diritti fondamentali? Dove sono le proteste e le note di indignazione oggi, per questo ulteriore caso?

    La verità è che in questo 2009 stiamo vivendo l'ipocrisia massima ed insopportabile di un settore della politica italiana che appare totalmente sbandato. Finite le ideologie sono finite le idee ed è finita anche una identità sincera e ragionevole in grado di porsi e imporsi sulle grandi questioni.

    Oggi il ruolo di questa sinistra è solo quello di creare confusione. Di porre in imbarazzo l'intero paese con la sua incredibile forza mediatica pur di arrivare all'abbattimento del governo democraticamente eletto, nel miraggio di andare a creare una repubblica del "non si sa bene cosa" dove tutte le idee hanno asilo tranne quelle che abbiano un senso logico e che appartengano alla cultura del nostro paese.

    Povera Italia.

  • 1 decennio fa

    perchè la multa non l'ha fatta la Lega

    mentre se la Lega critica l'islam il Pd non difende l'islam ma lo usa per criticare la lega..

  • Io sono finito peggio del SUDAN

  • 1 decennio fa

    Il paese più femminista al mondo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.