Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaGatti · 1 decennio fa

che differenza c'è tra un siamese e un thai?

grazie

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Il siamese è un gatto di origine asiatica probabilmente del Siam (attuale Thailandia) dal corpo elegante e longilineo e la particolare testa triangolare. Il Balinese è la sua versione a pelo semi-lungo.

    * Taglia: il siamese è un gatto di taglia media, originariamente (agli inizi del '900 fino alla fine degli anni '50) era un gatto con tratti moderatamente orientali. (vediGatto Thai) Il siamese di oggi è un gatto lungo, spigoloso ed estremo.

    * Corpo: Il tronco è tubolare ed elegante;

    * Zampe: lunghe e sottili con piedi piccoli e ovali.

    * Collo: slanciato, muscoloso e arcuato, come pure la coda che deve essere molto lunga e sottile.

    * Testa: è molto tipica, di forma triangolare è caratterizzata dall’allineamento tra la punta del naso e le grandi orecchie larghe alla base e lunghe attaccate basse. Profilo a forma di cuneo.

    * Occhi: di forma ovale o a mandorla e posizionati in obliquo rispetto alla canna nasale. Il loro colore blu, più profondo e puro, è addirittura leggendario.

    * Mantello: corto, setoso, sottile e molto aderente al corpo.

    * Colori: il corpo del siamese è di colore uniforme bianco-crema con zone di colorazione più scure chiamate points che ricoprono orecchie, maschera, coda, zampe e parte degli arti. Vi sono diverse colarazioni di points (seal, blue, chocolate, lilac, tortie,tabby blue/crema, rosso, crema).

    Il siamese è un gatto particolarmente fedele al suo padrone da molti considerato il più addestrabile dei gatti, non è raro infatti potergli insegnare a passeggiare a guinzaglio. È un gatto estroverso e di indole vivace, molto comunicativo instaura col padrone un rapporto molto esclusivo. Pur essendo un gatto molto affettuoso non è adatto a tutti, la sua voce e i suoi vocalizzi infatti sono molto particolari.

    Grazie a questa caratteristica è però un micio che riesce quasi a dialogare con il padrone. Decisamente agile e longilineo fa acrobazie dentro casa e la sua energia deve trovare sfogo nel gioco, per poi appollaiarsi sulle spalle del padrone e passare con lui tutta la serata. Con un pelo molto morbido e setoso non necessita di particolari cure se non del passaggio di un panno di daino per lucidare il pelo e togliere i peli morti. L'alimentazione dev'essere proteica e di alta qualità, non affidarsi quindi al fai da te ricco unicamente di carboidrati.

    Il Gatto Thai o Siamese tradizionale è una delle razze più antiche e conosciute. Rappresenta la morfologia tradizionale del Gatto siamese, andata scomparendo a partire dagli anni '70 del Novecento.

    Il Thai o Siamese Tradizionale sono due nomi diversi per definire la stessa razza di gatto. Tutti gli attuali gatti con Pedigree Siamese, siano essi Siamesi Tradizionali o Orientali provengono da 11 gatti che furono importanti verso il 1870 in Gran Bretagna dall'antico Regno del Siam. Dopo la prima Guerra Mondiale il Gatto Siamese divenne uno dei gatti di razza più amati. Erano tondeggianti, il corpo più robusto e "grezzo" rispetto ai Siamesi attuali. Negli anni '60, la moda e gli allevatori spinsero a selezionare soggetti molto più longilinei ed eleganti fino ad arrivare ai Siamesi estremi di oggi. Il Siamese "Tradizionale" cominciò a scomparire. Ci furono sempre però delle persone che continuarono ad amare il Siamese Tradizionale anche se non gli era più concesso calcare le passerelle delle Esposizioni Feline. Solo verso la fine degli anni '80 un piccolo gruppo di persone fece pressione presso un'influente associazione felina, la World Cat Federation per il riconoscimento della razza. La razza fu inizialmente denominata Crème Caramel ma il nome fu ben presto abbandonato prediligendo la denominazione Thai. Il Siamese Tradizionale non potendo più chiamarsi Siamese fu chiamato Thai dall'attuale Thailandia. Il nuovo nome dell'antico Regno del Siam. Nel febbraio 2007 anche TICA (The International Cat Association) ha riconosciuto il THAI come "razza in prova". In Usa il Thai è conosciuto come Siamese "AppleHead" (anche se questa definizione non è citata in nessuno standard) con muso più tondo mentre la versione “elegante” è conosciuta come Classic. FIFe e CFA non riconoscono il THAI come razza a sé riconoscendo solo la razza selezionata ed estremizzata: il siamese moderno.

    * Standard corpo: Il corpo è di dimensioni medie e muscoloso, tuttavia snello ed elegante; né cobby né allungato. Le zampe sono di lunghezza media, arrotondate alle estremità. La coda è di lunghezza media, leggermente affusolata e termina appuntita.

    * Testa: La testa ha la forma di un cuneo, di forma moderata, con contorni delicatamente arrotondati. Il profilo è leggermente convesso, con un leggero stop a livello degli occhi. Il mento e la mandibola sono forti, il muso è arrotondato.

    * Orecchie: Le orecchie sono di medie dimensioni, ampie alla base, con le punte leggermente arrotondate e le basi ben distanziate

    * Occhi: a forma di limone, grandi ed espressivi. Possono essere solo di un colore: blu il più intenso pos

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    bee....il siamese è molto più magro di costituzione mentre il thai è più robusto e ha piu pelo !!!!!!!!!! ti metto una stellina

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.