Lor
Lv 5
Lor ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 1 decennio fa

Alimentazione...................................?

Che ne pensate di questo articolo?

Alimentazione e istinto animale

Dottor Giovanni Angilé – Tratto da “Biolcalenda”, nr. 8 settembre 2009

Osservando i nostri animali di compagnia, cani e gatti, notiamo che sono molto equilibrati a livello alimentare. Si avvicinano con sospetto al cibo che gli viene offerto, e lo mangiano solo se non lo ritengono tossico. Non ingeriscono alimenti più dell'indispensabile e se stanno male rimangono a digiuno per tutto il periodo della malattia. Sanno quali erbe utilizzare per depurarsi, e le mangiano solo quando serve. Anche noi abbiamo questo istinto animale, ma lo abbiamo perso per l'ingestione di cibi senza alcun valore nutritivo, ma anzi tossici per il nostro organismo.

Iniziamo la giornata con cappuccino e brioche. Il latte di mucca non è un alimento della nostra specie. E’ ricco di proteine animali che danno acidosi metabolica. Produce alterazione dei batteri saprofiti intestinali (disbiosi) per la lactenina e l'acido rumenico, due sostanze antibiotico simili. Il caffè è ritenuto uno stimolante, ma è un veleno che provoca la secrezione di adrenalina che è poi il vero neurotonico. La brioche, oltre al frumento raffinato, cui siamo intolleranti, contiene creme, marmellate, panna, cioccolato, tutti alimenti che ci portano all'iperglicemia, che è aumentata dall'adrenalina secreta per l'ingestione di alimenti cui siamo intolleranti, come il caffè, il latte e il grano. In iperglicemia stiamo apparentemente bene per qualche ora, fino alle 10 circa. Dalle 9 alle 11 abbiamo la massima energia dei pancreas che percepisce questa iperglicemia e stimola l'insulina producendo un'ipoglicemia veloce. L’ipoglicemia provoca stanchezza, difficoltà di concentrazione nello studio, asocialità, facendoci commettere errori sul lavoro per disattenzione.

E ci viene una gran fame. Così siamo costretti a bere un altro caffè con lo zucchero raffinato, o un altro cappuccino con brioche, perché abbiamo un "calo degli zuccheri". Andiamo così di nuovo in iperglicemia e riusciamo a rimanere attivi fino all'ora di pranzo. Chi è fortunato mangia a casa e si gusta un piatto di pasta o riso raffinati al sugo o al ragù, bistecca, verdure e frutta, pane e vino. Siamo intolleranti al frumento della pasta e dei pane e, se abbondiamo troppo, anche al pomodoro. Il riso raffinato aumenta la stitichezza. La carne aumenta l'acidosi metabolica dei latte mattutino, con l'aggiunta dei formaggio grana sulla pasta. Le verdure se non biologiche sono ricche di pesticidi o altri composti chimici tossici per il nostro organismo. Stendiamo un velo pietoso sui disgraziati costretti a mangiare fuori casa, tra tramezzini, panini, pizzette ecc! Alla sera bistecca o formaggio, uova o pesce, (acidosi metabolica), vino, verdure non biologiche, pane.

E peggio ancora la pizza (con birra o coca cola), poiché è l'insieme di tutti gli alimenti tossici, quali frumento, lievito chimico, (disbiosi intestinale), mozzarella, pomodoro. Altri ingredienti aggiunti, a seconda dei gusti individuali, come gli affettati di carne suina, le uova, le patatine fritte, preferite dai ragazzi, i peperoni o le melanzane, il gorgonzola, i funghi, la fanno diventare una bomba alimentare che rimanendo nel nostro apparato digerente per 5 giorni aumenta l'acidosi, le infiammazioni all'apparato respiratorio, le difficoltà digestive come i gonfiori, le eruttazioni e le flatulenze, la disbiosi intestinale, i dolori articolari, le allergie, la stipsi o la diarrea.

Non ho preso in considerazione tutti gli alimenti conservati, come il tonno o la carne in scatola, i preparati sott'olio o sott'aceto, gli yogurt, i surgelati, i gelati e i dolci industriali. In questo modo ci stiamo avvelenando giorno dopo giorno, anzi, più mangiamo alimenti nocivi, per la gratificazione dovuta all'adrenalina secreta, più li desideriamo.

Mangiando invece verdura e cereali (farro, kamut, segale, avena, miglio, mais, orzo e riso), frutta, frutta secca, proteine vegetali quali i legumi, il tofu, il seitan di farro o di kamut, il tutto biologico e integrale, riusciremo a nutrirci in modo corretto depurandoci e acquisiremo le capacità e l'istinto degli animali nello scegliere gli alimenti salutari o meno per il nostro organismo.

Aggiornamento:

@ benga: mica parla male dei carnivori...anzi,in un passaggio dice che chi è fortunato mangia a casa la pasta, la bistecca ecc... leggi leggi, non pensare che siccome l'ho postato io questo articolo sia un inno al veganesimo. Tu che sei di slow food (o che sei a favore di slow food, non ricordo bene) dovresti essere d'accordo con il dottore dell'articolo.

Aggiornamento 2:

@ dexter: credo che nomini quegli alimenti solo a titolo esemplificativo...da quel che ho capito, ilsuo intento dovrebbe essere quello di evitare i cibi industriali, raffinati, pieni di schifezze. Non saranno veleni veri e propri, ma di sicuro bene non fanno. Anche il mercurio, considerato un veleno per l'uomo, alla lunga ti uccide. Eppure piccole dosi quotidiane non fanno nulla (o quasi). Dipende da cosa si voglia chiamare veleno e cosa no...

Aggiornamento 3:

@ algiz: ah...ma non eravamo noi veg figli del benessere...?

Come dici tu, una volta si mangiava ben poca carne o nulla. Com'è che non ci siamo estinti (soprattutto nel triangolo che citi, visto che usavano dei "sostituti")?

Aggiornamento 4:

@ volpetta: ma come, non sono io l'ignorante e tu la so-tutto-io? Se tu li studiassi bene i testi seri, scopriresti che i polmoni sono uno degli organi emuntori,attraverso i quali cioè l'organismo elimina le impurità (ti sei mai chiesta perchè quando bevi alcolici o quando mangi aglio il tuo respiro ne abbia l'odore?).

Se uno mangia male, il suo sangue si depurerà anche a livello polmonare e ovviamente alla lunga i polmoni accumulano schifezze.

Addirittura qualcuno sostiene che i cibi animali, causando un accumulo di acidi urici a livello polmonare che permettono l'attecchire di nicotina, catrame ecc..., siano una concausa del cancro ai polmoni.

Organi emuntori, organi emuntori, organi emuntori...cerca sui tuoi libri, cerca...

Aggiornamento 5:

@ volpetta: il sangue scorre in tutto il corpo, dovresti saperlo, per cui farà male anche ad altri organi se è carico di sostanze nocive. Non cercare di impuntarti su dei particolari.

Per il resto, continua pure a riciclare le battute del tuo compagno di scorribande ukraino...si vede che di tuo non ne sai dire.

Aggiornamento 6:

Ma che brava.

Adesso che hai tirato fuori quattro paroloni scientifici ti senti più ****?

E' inutile che ti metta a sciorinare robe che avrai appena letto a caso su un libro e che manco saprai spiegare nemmeno tu, cara.

E sto zitto se e quando voglio io, non di certo se me lo dice una ragazzina ipertinente e maleducata (visto che ti permetti anche tu di dare nomignoli e prendere per il cùlo, senza essere provocata in alcun modo per giunta) che per aver tra le mani 2 libri si crede esperta di tutto ed in diritto di dare degli ignoranti agli altri.

Ti ho detto mai io "se non sai le cose stai zitta"? Anche se me ne hai dato l'occasione non l'ho mai fatto.

Và a studiare, và...

Soprattutto l'educazione.

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    "...sono i primi ad aprire diatribe inutili (vedasi tutte quelle sulla soia)..."

    Il discorso relativo alla soia è interessante... anche se gli onnivori hanno fatto di tutto per cancellarmi le domande dove c'erano scritte cose importanti da capire e hanno cercato di fare la massima confusione sull'argomento.

    *

    In merito alla domanda. In generale sono d'accordo sull'articolo.

    Un piccolo appunto che volevo segnalare è una generalizzazione che trovo scorretta:

    "...Le verdure se non biologiche sono ricche di pesticidi ..."

    Secondo me "propagandare" queste idee è estremamente dannoso.

    Già si mangiano poche verdure, se le persone iniziano a pensare al fatto che le verdure sono nocive credo che sia una cosa davvero sbagliata.

    Metto un link utile al riguardo:

    http://www.europass.parma.it/page.asp?IDCategoria=...

    BIO? SENZA DIFFERENZE Tra le verdure analizzate ce ne sono alcune biologiche. La quantità di nitrati è comparabile a quella presente nel prodotti convenzionali. Molti sostengono che le verdure biologiche siano qualitativamente migliori di quelle convenzionali. Effettivamente esistono alcuni studi che hanno evidenziato parametri migliori nelle verdure biologiche in particolare per il contenuto più elevato di antiossidanti (di vitamina C), per l'assenza di residui di antiparassitari e per il mlnor contenuto di nitrati. Dobbiamo però constatare che nei nostri test, in genere, non rileviamo grandi differenze tra verdure bio e non bio, anche per quel che riguarda la presenza di pesticidi.

    * * *

    Nelle verdure italiane che abbiamo sottoposto ad analisi in questi anni non abbiamo quasi mai trovato residui di pesticidi in quantità degne di nota.

    * * *

    ...

    I terreni inquinati spiegano l'eccesso di nitrati nelle verdure. Soprattutto In quelle a | foglia verde, che già di natura tendono a formarli durante la loro crescita. Le fonti principali di inquinamento da nitrati sono i fertilizzanti agricoli, gli allevamenti..."

    Un piccolo commento al link.

    Quello che bisogna far capire a tutti è questo:

    E' vero che gli allevamenti stanno inquinando, con i nitrati e gli altri contaminanti, l'acqua che beviamo e i cibi (vegetali) che mangiamo, ma è anche vero che i pesticidi si accumulano nella catena alimentare. La diossina si accumula nella catena alimentare, quindi per evitare pesticidi, diossine e contaminanti vari la cosa migliore da fare è proprio quella di evitare i cibi animali.

    Certo, in generale preferire cereali, legumi, frutta e verdure da preparare, e se possibili freschi e crudi, piuttosto che i "piatti pronti" i cibi "in scatola", ecc.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Certo che Volpetta è proprio una gran cafona maleducata.

    E la persona peggiore che mi sia mai capitato di conoscere virtualmente e non.

  • 1 decennio fa

    La cosa che mi lascia perplesso in questa sezione è che persone che hanno fatto università scientifiche o che le frequentano tuttora, sono i primi ad aprire diatribe inutili (vedasi tutte quelle sulla soia) per denigrare una categoria di persone che, a prescindere dall'indottrinamento e/o dalla non-condivisibilità, hanno semplicemente fatto una scelta diversa. Cioè saranno cavoli di X persone se vogliono morire di cancri causati dallla soia... Come se non bastasse gli stessi personaggi altamente critici sono poi i primi a leggere "pane" per "polenta". Infatti questo dottore non mi sembra denigri chi mangia la carne. Se qualcuno poi è ignorante, sarà giusto lasciarlo nella propria ignoranza, no? Cosa bisogna dimostrare?

    Riguardo agli animali che hanno l'istinto... avevo deciso di seguire un'alimentazione più naturale vicina ai miei avi anche per questo motivo. Sono molto scrupoloso sulle etichette, se vede che c'è scritto "destrosio" o porcheria varia, col cavolo che compro. Non intendo l'istinto del cibo (non solo almeno) ma principalmente gli altri. Per ottenerlo bisogna mangiare il più vicino possibile allo stato naturale. Tutto questo perché un'alimentazione corretta può addirittura migliorare i rapporti sociali.

  • Concordo pienamente con Algiz.

    Mia nonna mi ha insegnato la cucina di Bologna: tortellini a Natale, lasagne a Pasqua ed il resto dell'anno un po' di tutto senza esagerare, compresi i legumi.

    aveva smesso di patire la fame ma non aveva dimenticato le sue origini.

    E di conseguenza io mangio i tortellini 1 sola volta l'anno e se ne sono avanzati li tengo in freezer per il compleanno.

    Questa sera ad esempio mi faccio una zuppa coi legumi ed un po' di verdura.

    E molta gente che conosco mangia come mangio io.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Questo Dott. Angilè non conosce il mio Yatto. Una vera molazza a quattro zampe.

    Per il resto una noia mortale. Discorsi triti e ritriti di chi conduce una vita sregolata, di chi fa la spesa nei supermercati o di chi è single.

    Però non tutti fanno una vita sregolata, non tutti vanno a fare la spesa nei supermercati e non tutti sono single.

  • 1 decennio fa

    Vedi, in Emilia, anche nel Triangolo della Morte di Bologna, Ferrara e Modena, posso testimoniare che è rimasta una certa predilezione per i legumi, in specie per i Cannellini.

    Un tempo, i legumi erano la carne di chiunque non fosse facoltoso, e a Bologna, dove si mangiavano quotidianamente polenta, fagioli e cipolla, ci si era inventata questa sympatica terminologia:

    Parsótt con la sgarbŕza, Prosciutto con l’erba - era la polenta.

    Tajadèl à fatt, Tagliatella a fette - era la cipolla.

    Turtlén con la góffla, Tortellino con la buccia - erano i fagioli.

    Se, acquisito il facile status di possidente, il «nuovo ricco» italiano si abbuffa ingenuamente di tutto quanto gli era quasi precluso - tagliatelle, tortellini e prosciutto -, allora ha solo la malattia che si merita.

    .

    .

    I nostri antenati mangiavano poca carne, ma, di riflesso, non mangiavano schifezze emetiche, quali il latte di soia, che costa 3 euro al litro (Valsoia e Alpro), e certi salati abomini del neologismo, come il «muscolo di grano».

    .

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non ho letto tutta la tiritera del dottor Angilè ,ma se esiste un animale da compagnia come il cane che si mangia le propria e altrui feci compreso il vomito,vuol dire che tutte le sue teorie sono abbastanza opinabili se poi per depurarmi mi devo mangiare la mia cacca va bene ci proverò.

    Per adesso inizio la giornata con focaccia Ligure e un bicchiere di vino per il resto la Coca la lascio ai vegani unitamente al Kamut,Tofut,Seitanuf. salvo solo il Farrut perchè lo uso oer una cottura tipo risotto con le aragostelle che ti posso assicurare che se Angilè lo prova abbandona seduta stante tutte le sue balzane teorie.

    Fonte/i: @ Lor ho appena finito di leggere non c'ho capito un granche. Faccio parte di Slow Food e domani sarò a Bra per Cheese come volontario per questa grande kermesse legata ai formaggi. ciao
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non mangio cappuccio e brioscia, mi rimane sullo stomaco. Il caffè lo bevo amaro.

    Al mattino yogurt e germe di grano ed un caffè.

    A pranzo la pasta portata da casa perchè dopo anni costretta a mangiar fuori me ne frego di sembrare una baraccata.

    Alla sera mangio normale: ora una minestrina,pane, verdura, uova o formaggio, praticamente mai carne perchè non mi piace e pesce solo nel fine settimana, quando posso fare la spesa con calma e cucinare come Dio comanda.

    Però mi lascia perplessa la definizione di "tossico" riservato a farina, pomodoro e tutto il resto.

    In quanto ai cibi conservati: ci sono condizioni per cui questi sono indispensabili, si pensi ai succhi di frutta sulle navi contro lo scorbuto o anche le sarde in saor per i marinai venexiani.

    Schifezze comunuque non ne mangio, quindi mi ritengo fortunata

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ma non capisco se sia uno scherzo o meno.

    secondo questo signore TUTTI gli alimenti ad esclusione di

    «verdura e cereali (farro, kamut, segale, avena, miglio, mais, orzo e riso), frutta, frutta secca, proteine vegetali quali i legumi, il tofu, il seitan di farro o di kamut, il tutto biologico e integrale»

    sono VELENI (!) che provocano la secrezione di adrenalina, ritenuta nociva pure questa.

    puoi capire cosa ne penso...

    ************

    « l'insieme di tutti gli alimenti tossici, quali frumento, lievito chimico, (disbiosi intestinale), mozzarella, pomodoro»

    sola dosis facit venenum, principio della tossicologia, d'accordo, ma ritenere mozzarella e pomodoro alimenti TOSSICI non mi pare il caso.

    *********

    sì ovvio che non tutti i cibi processati fanno bene, ma non sono nemmeno così dannosi o tossici... non è tutto uguale.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ma figurati se mi metto a leggere tutta questa manfrina vegana sai cosa me ne frega!?

    Io mangio carnazza e sto bene mica sono emaciatop come voi e come il bimbo di liverpool.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.