Anonimo
Anonimo ha chiesto in Musica e intrattenimentoTelevisioneSerie (drammatici) · 1 decennio fa

salve qualcuno saprebbe dirmi il titolo della puntata di x files dove c'è un nano che gira su un carrello?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Credo sia 8^ Stagione, Episodio 10 - "Bladaa".

    In breve:

    Un mistico esce clandestinamente dall'india e tormenta due famiglie nell'interland di Washinton D.C.

    Riassunto:

    L'americano Hugh Potocki entra nell'aeroporto di Mumbai, India per tornare a casa. Un mendicante locale senza gambe lo segue fino in bagno su un carrello a ruote. Potocki viene tirato fuori da sotto la porta del bagno da una forza non vista. Più tardi, Potocki arriva al suo albergo a Washington, DC. Un fattorino porta il suo bagaglio col il carrello del mendicante legato sopra. Potocki si siede sul letto ed i suoi occhi si riempiono di sangue. Un'altra pozza di sangue fuoriesce dal suo corpo, macchiando il copriletto. Scully e Doggett indagano sulla scena del crimine presso l'albergo dove è stato ritrovato il corpo di Potocki. Gli agenti notano una piccola ed insanguinata impronta, della taglia di un bambino, sul letto. Un'autopsia rivela che Potocki presenta massicci danni al tessuto addominale. Scully è incerto se qualcosa sia entrata o sia uscita dal suo retto. Non ci sono tracce che l'uomo avesse contrabbandato droga, ma un'analisi del decadimento attesta che era già morto prima che lasciasse l'India.

    La Sig.ra Holt, il preside della scuola elementare di Fairmont nel Maryland, interrroga un uomo dall'aspetto normale per un potenziale lavoro come custode. Non vede che in raltà la persona seduta davantia lei è il mendicante senza gambe. Scoppia una lite di fronte alla scuola tra Trevor ed il più giovane Quinton. Il padre di Quinton arriva in tempo per interrompere la lite. Il misterioso nuovo custode osserva da vicino. Nel frattempo, Doggett rintraccia una morte simile avvenuta in India molti giorni prima e che riguardava un altro uomo d'affari americano di robusta costituzione. Scully propone l'idea che un essere vivente usi queste vittime come un clandestino entrando nei corpi. Doggett non accetta immediatamente questa asserzione.

    Più tardi quella notte, Quinton vede il riflesso del mendicante nello specchio della sua camera da letto, ma suo padre congeda le paure del ragazzo come un semplice incubo. Quando il padre ritorna giù dalle scale, il mendicante è là. Udito un grido, Quinton corre giù dai gradini e trova suo padre morto. Gli occhi dell'uomo sono riempiti di sangue. Scully e Doggett investigano e Quinton dice loro di aver visto un uomo senza gambe. Trovando le stesse piccole impronte rinvenute nella camera d'albergo di Potocki, gli agenti sospettano dello stesso assassino. Sebbene il padre di Quinton ha mostrr nessun segno di danno addominale. L'autopsia mostra che lo stomaco dell'uomo è dilatato. Scully incide l'organo, ed una piccola mano esce attraverso l'incisione. Scully scatta all'indietro, e afferra l'arma. Qualunque cosa fosse nel corpo è scomparsa, lascia una scia di sangue coagulato attraverso il pavimento. Scully lo segue in un armadio, ma non vede nulla all'interno. Tuttavia, il mendicante è nell'armadio. In qualche modo lui nasconde la sua presenza a Scully. Quando Scully e Doggett consultano Chuck Burks, questi spiega che quello è un mistico siddhi che ha il potere di manipolare la realtà. Questi mistici indiani, comunque, sono religiosi e commette un assassinio mette a rischio le loro anime. Scully gli mostra un rapporto di un impianto chimico americano che ha ucciso molte persone in India, una delle quali era il figlio di un santone. Poichè i mistici siddhi trasmettono le loro abilità di padre in figlio, e la morte del suo unico figlio pone fine definitivamente al lascito, Scully gli chiede se questo uomo possa essere in cerca di vendetta.

    Trevor dice a Quinton che può sapere chi ha ucciso suo padre. Mentre cammina lungo la strada, Trevor sente il cigolio del carrello a ruote del mendicante, ma li vicino non c'è nessuno. Sua madre, nel frattempo, vede il corpo di suo figlio galleggiare nella piscina sul retro e si tuffa vicino a lui. Mentre si avvicina, comprende che non è Trevor ma il mendicante. Scully e Doggett più tardi esaminano gli occhi pieni di sangue della donna e si interrogano su come la sua morte rientri nel caso. Trevor ritorna a casa e dice agli agenti che il "piccolo uomo" lo ha seguito. Chiamano il custode per interrogarlo, ma non parla. Chuck installa una videocamera e la punta sul custode. La videocamera mostra che non c'è nessuno seduto nella stanza degli interrogatori. Comprendono che il loro sospetto può essere dovunque.

    La Sig.ra Holt vede il custode alla scuola più tardi quella notte, ma non le risponde quando lo chiama. Il preside chiama immediatamente Scully. Trevor e Quinton giacciono in aspetta nell'edificio della scuola. Quando il mendicante entra nella stanza del custode, Trevor lancia delle bottiglie di compopsti chimici su di lui. Tuttavia i vetri sembra non aver colpito nulla ed il mendicante scompare. Il mendicante invece insegue Quinton in una classe con delle finestre che non si aprono. Trevor è fuori dalla finestra, chiama il suo amico che aiuterà. Improvvisamente, Scully e la Sig.ra Holt entrano nella classe ma non vedono il mendicante. Si è trasformato in Trevor. Quinton supplica Scully di sparare a quello che lui pensa sia Trevor, ma è incapace di sparare ad un bambino. Doggett arriva all'esterno e sente gli spari. Corre nella classe, con Trevor che lo segue. Il piccolo mendicante giace morto sul pavimento.

    Più tardi, Scully è ancora scossa dall'esperienza. Dice a Doggett che era incapace di avere fiducia nei suoi occhi, ma che ha sparato con la sua pistola perché i ragazzi vedevano la verità. Comprende che è ciò che la mente aperta di Mulder avrebbe visto. "Forse se potessi vedere attraverso gli occhi di Mulder potrei capire," dice.

    Il mendicante, ancora vivo, spinge il suo carrello in un aeroporto inseguendo un altro passeggero.

    Scritto da : John Shiban

    Regia di: Tony Wharmby

    Protagonisti:

    Dana Scully (Gillian Anderson)

    John Doggett (Robert Patrick)

    Ospiti speciali:

    Trevor (Michael Welch)

    Quinton (Jordan Blake Warkol)

    Mendicante (Deep Roy)

    Chuck Burks (Bill Dow)

    Padre di Quinton (Andy Hubbell)

    Sig.ra Holt (Jane Daly)

    Madre di Trevor (Maura Soden)

    Mr. Burrard (Christopher Hutson)

    Hugh Potocki (Calvin Remsberg)

    Bambino dai capelli rossi (Jacob Franchek)

    Insegnante (Mimi Savage)

    Fattorino (Winston Story)

    Padre di Trevor (Tony Adelman)

    Agente alla dogana (Kiran Rao)

  • Anonimo
    4 anni fa

    Quando sono andato a Washington ho trovato l’hotel tramite questo sito https://tr.im/1WF19 ha prezzi bassi e guardando in giro ho visto che è il migliore . Oltre alla visita alle più importanti sedi istituzionali, Washington DC offre anche numerosi musei, mostre ed escursioni interessanti. Come in ogni città di prestigio, a Washington DC potrai trovare collezioni di grande valore; un esempio è lo Smithsonian Institute, la più grande fondazione culturale al mondo. Ci sono inoltre altri luoghi di culturadi rilievo , tra cui il National Museum of Natural History, la National Gallery of Art e il National Museum of American History.Quando sono andato posso dire di aver toccato con mano la storia e le tradizioni americane ed è stata un ‘esperienza che consiglierei a chiunque

  • Anonimo
    4 anni fa

    Se hai bisogno di un hotel per Mumbai lo puoi trovare tranquillamente su questo sito che ha prezzi bassissimi https://tr.im/1eqaq

    Mumbai è una città fantastica perché ha i grattacieli come New York,ha le passeggiate lungo mare come una città della Costa Azzurra e cimsono palazzi di mattoni rossi tipici inglesi , come Oxford, hotel ome Taj Mahal che è come un palazzo del Rajasthan in riva al mare e tanto altro . Potrete infatti trovare ristoranti con cucina di ogni parte dell’Asia e del mondo, e potrete comprare qualunque cosa desideriate: dalle borse di Vuitton alla seta di Kanchipuran. E’ una delle città più pulite che io abbia mai visto, e poi è bellissima perché è viva, caotica e colorata come solo l’India sa esserlo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.