Edith
Lv 4

Catto-comunisti: mi spiegate cosa sono?

14 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il termine cattocomunismo definisce, nel panorama filosofico e politico italiano, l'insieme di quei pensatori, religiosi e politici che, pur essendo di dichiarata fede cattolica, optarono per una scelta politica e programmatica vicina alle posizioni comuniste, accettando - senza tuttavia aderirvi completamente - gran parte del pensiero marxista. I cattocomunisti si differenziano dai "catto-socialisti", con radici ed esperienze politiche riconducibili all'alveo del Partito Cristiano Sociale e del Socialismo non marxista (ad esempio Riformismo e Solidarietà, fondato da Pierre Carniti).

    Largamente diffuso nella pubblicistica politica a partire dagli anni settanta (e con un significato prevalentemente spregiativo per i detrattori) è servito a indicare il processo di avvicinamento tra Partito Comunista (PCI) e Democrazia Cristiana (DC) nell'ambito della strategia berlingueriana e morotea del compromesso storico. Oggi il termine cattocomunista è ancora utilizzato per definire gli esponenti della sinistra DC (alcuni dei quali vicino al pensiero dossettiano e delle esperienze di Don Milani), confluiti prevalentemente prima in Democrazia è Libertà - La Margherita e poi nel Partito Democratico. L'accezione del termine è spesso utilizzata ancora oggi forma negativa.

    In un'accezione più ampia con cattocomunismo ci si riferisce ad un movimento dei cattolici del partito della Sinistra Cristiana, una componente delle formazioni cattoliche che operarono nella resistenza antifascista e che ebbero tra i loro esponenti Franco Rodano, Felice Balbo, Adriano Ossicini. In questo senso l'espressione cattocomunismo si trova, per esempio, negli scritti di Augusto Del Noce (cfr. Il cattolico comunista) e di Gianni Baget Bozzo.

    Da Wikipedia.

    Di solito non mi piace fare lavoro di copia e incolla, ma questa spiegazione rende bene l' idea di chi sia un catto-comunista, ovvero un esponente dell' attuale PD dove, come dice bene wikipedia, si sono ritrovati finalmente gli ex comunisti e gli ex esponenti della sinistra democristiana, andando finalmente a comporre quel famoso compromesso storico che non riusci negli anni '70, con la sola differenza che allora erano i due più grandi partiti d' Italia (circa 33% a testa), oggi questa cifra se lo scordano anche insieme!

    Ecco perché a me piace definire il PD frutto di un compromesso storico "BONSAI"!

    Saluti!!!

  • 1 decennio fa

    Sono una loggia massonica eversiva radicale estremista, che detiene le redini dei più importanti giornali del mondo, delle banche, del sistema radio televisivo, della scuola, dei servizi pubblici, degli asili, della COOP, della magistratura, di Mardoc (se si scrive così), ma che non riesce a vincere le elezioni in Italia....

  • Proliferano a Bologna e sono quelli che pretendono vi possa essere una coincidenza d’intenti sociali e filosofici tra Cristo e Marx.

    Piú che altro, se guardiano all’episodio testamentario dei trecento denari, il cattocomunismo è piú un'unione tra Giuda e Marx.

    .

    @ Sonda

    I trenta denari si riferiscono sì a Giuda, ma c'è anche l'episodio dei trecento denari, sempre riferito a Giuda...

    .

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Un'idiozia.

    Come gli atei devoti e i cattolici adulti.

    Definizioni non solo vuote, ma fuorvianti.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Algiz è un grande.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    subito dopo gli anni 60 la Democrazia Cristiana si è avvicinata molto al PCI di Berlinguer. Ecco, i loro seguaci...PCI+DC= cattocomunisti (comunisti cattolici). Proprio perché secondo le teorie marxista la religione è l' oppio dei popoli e quindi si presuppone che un comunista seguace convinto dell'ideologia marxista, sia ateo.

  • 1 decennio fa

    Sono un gruppo ideologico-politico, che si rifà alle idee di don Dossetti e don Milani; Un po' di Lenin e Marx, un po' di Madre Teresa. La maggior parte del partito della Margherita (nel 2007 confluita nel PD assieme ai DS) era composta per la grande maggioranza da cattocomunisti, i quali si rifacevano (e si rifanno tuttora) agli ideali della "croce e martello"; I più significativi esponenti cattocomunisti sono:

    Romano Prodi

    Rosi Bindi

    Enrico Letta

    Pierluigi Castagnetti

    Renzo Lusetti

    Giuseppe Fioroni

    Altri cattocomunisti esterni al mondo politico sono:

    Don Mazzi

    Pippo Baudo.

  • 1 decennio fa

    Sono l' opposto dei catto/pùttanieri.

    Fonte/i: personale
  • 1 decennio fa

    Penso che siano i parenti stretti dei "veterocomunisti", dei "giustizialisti" e dei "buonisti".....in poche parole aria fritta per gli australopitechi italici col morbo di Alzheimer.....

    Saluti

  • 1 decennio fa

    i catto comunisti sono franceschini e i suoi seguacci

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.