mi potete scrivere una piccola trama del libro zanna bianca?

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    « Era stupendamente terribile, più pesante di un lupo di taglia corrispondente alla sua. Era tutto muscoli, ossa e tendini, cioè adatto, in tutto e per tutto, al combattimento. »

    La storia inizia prima della nascita del lupo con un quarto di sangue di cane, con due uomini, Henry e Bill, che stanno cercando di attraversare la foresta con una slitta trainata da una muta di sei cani; il gruppo è però da giorni tallonato da un branco di lupi affamati e, quando finalmente una squadra di soccorso raggiunge Henry, sia Bill che i cani sono stati divorati.

    La narrazione segue quindi il branco, attraverso la caccia degli alci e i combattimenti tra i maschi per il corteggiamento di Kiche, una lupa con metà sangue di cane; il Guercio, un lupo cieco da un occhio per gli innumerevoli combattimenti, la spunta su tutti gli altri contendenti e diventa il compagno di lei.

    Dalla loro unione nascono cinque cuccioli, ma una grave carestia li uccide tutti tranne uno e, nella ricerca del cibo, il Guercio viene ucciso da una grossa lince.

    Durante una delle sue esplorazioni, il piccolo lupo si imbatte in una comitiva di cinque indiani; quando la madre lo raggiunge per soccorrerlo uno di essi, Castoro Grigio, la riconosce come Kiche, posseduta da suo fratello e fuggita durante una carestia. Il fratello di Castoro Grigio è morto, quindi lui reclama la proprietà della madre e del cucciolo, dando a quest'ultimo il nome di Zanna Bianca.

    L'infanzia di Zanna Bianca al campo indiano è molto dura. Kiche viene ceduta e scompare dalla sua vita e i cani, vedendolo come un lupo, lo attaccano costantemente; gli uomini lo difendono, ma i cani non lo accettano come un loro compagno e soprattutto il capobranco Lip-Lip lo bersaglia in modo particolare. Zanna Bianca cresce quindi sempre più selvaggio, scontroso, solitario e sanguinario, "il nemico della sua specie".

    Dato che doveva stare continuamente all'erta contro ogni tipo di pericolo, le sue facoltà predatorie e difensive si svilupparono più del normale. Divenne più agile di qualsiasi altro cane, più veloce, più astuto, più implacabile, più snello, più esile ma con muscoli e tendini di acciaio, più resistente, più crudele, più feroce e più intelligente.

    Quando Zanna Bianca ha sei mesi di età, Castoro Grigio lo porta con sé a Fort Yukon, dove conta di concludere affari d'oro vendendo manufatti ai bianchi cercatori d'oro in arrivo da tutto il mondo.

    Qui la storia prende una piega molto più cupa e un sinistro uomo, Smith Bellezza (così soprannominato per via del suo aspetto raccapricciante), convince con l'inganno Castoro Grigio a vendergli Zanna Bianca. L'uomo bianco, notate le straordinarie doti del lupo, lo tortura a sangue per incattivirlo al massimo e utilizzarlo come cane da combattimento.

    Zanna Bianca sbaraglia tutti i cani che gli vengono posti contro, vincendo anche contro una lince, finché a Fort Yukon non arriva il primo bulldog. Il bulldog infatti resiste ai terribili attacchi del lupo e riesce a serrare la fortissima mandibola intorno al collo di Zanna Bianca, soffocandolo.

    Proprio in quel momento giunge Weedon Scott, un giovane e ricco commerciante californiano; nauseato dalla scena, irrompe nel ring e salva Zanna Bianca, malmenando Smith Bellezza e costringendolo a venderglielo.

    La parte oscura della storia ha termine; nonostante tutti lo credano impossibile, Scott riesce a recuperare Zanna Bianca non solo fisicamente, ma anche caratterialmente; con infinita pazienza, l'uomo riesce a convincere il lupo che al mondo non ci sono solo odio e violenza, ma anche amore e affetto, sentimento che il lupo scopre per la prima volta.

    eedon Scott si era assunto il compito di redimere Zanna Bianca, o piuttosto di redimere l'umanità dal male che aveva fatto a Zanna Bianca. Era per una questione di principio e per uno scrupolo di coscienza. Sentiva che il male fatto al lupo era un debito contratto dall'uomo e che doveva essere pagato.

    Per l'uomo arriva il momento di tornare a casa, in California; nonostante l'idea fosse quella di lasciare Zanna Bianca, il lupo rompe una finestra della casa in cui era stato chiuso e lo raggiunge sul battello, convincendo Scott a portalo con sé.

    In California Zanna Bianca impara la vita in città e le regole della tenuta del giudice Scott, padre di Weldon, dando prova ancora una volta della sua stupenda adattabilità, diventando un perfetto cane da guardia e riuscendo pazientemente a convivere con i cani di casa, la pastore Collie e il levriero Dick.

    La tenuta del giudice Scott, nella quale si svolge l'ultimo capitolo, è un chiaro rimando a "Il richiamo della foresta", in cui il cane Buck vive nella tenuta del giudice Miller, anch'essa nella Contea di Santa Clara.

    Nell'ultimo capitolo, Jim Hall, un pericoloso assassino condannato dal giudice Scott, evade dal carcere e fa irruzione nella tenuta per uccidere il giudice, ma Zanna Bianca interviene uccidendo il criminale ma restando a sua volta gravemente ferito da due colpi di rivoltella.

    Contro ogni pre

    Fonte/i: Wikipedia
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ciao, c'è un nuovo motore di ricerca per Riassunti di libri

    http://www.booksonlineworld.com/riassunti-di-libri...

    trova diversi riassunti dello stesso libro o argomento (cerca anche libri GRATUITI in pdf e da leggere online)

  • 1 decennio fa

    Protagonista indiscusso di questo libro è un cane, chiamato Zanna Bianca, proprio perché ha un piede anteriore di colore bianco. Il riassunto lo trovi cliccando sul link che ti invio. Ciao!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Zanna Bianca è la meravigliosa storia di un lupo. Ma è anche la storia dell’uomo che gli fu amico e la storia degli uomini che gli vissero attorno, semplici comparse nel bianco della carta e della neve, la storia soprattutto delle foreste interminabili, della neve e del ghiaccio d’inverno, del freddo ovunque, della natura selvaggia che non lascia scampo.

    Già nel romanzo precedente, Il richiamo della foresta, London ci aveva illustrato il rapporto fra uomo e cane. Ma se nel primo, del 1903, già il titolo ci suggerisce la trama delle vicende- il richiamo alla natura e alla vita selvaggia, il legame, mai spezzato ma forse solo sopito, che alberga in ogni essere animale, il ritorno a quella che è e deve essere la reale vita degli animali- in questo, del 1906, London crea la situazione contraria, l’amore fra l’uomo e il lupo, il distacco, quindi, dell’animale dal suo ambiente e l’avvicinamento a quello dell’uomo.

    Le avventure di Zanna Bianca si svolgono nel freddo e duro Klondike, ai tempi in cui erano sorti villaggi e città in seguito alla corsa all’oro. L’ambiente selvaggio riservato agli animali e alle foreste e ai boschi è ora divenuto anche il dominio dell’uomo. Soprattutto dell’uomo.

    Questo romanzo celebra così l’ambiente, fattore principale e insostituibile della storia, perché i suoi personaggi, siano essi uomini o cani o lupi, devono piegarsi ad esso, ad esso sono legati: il freddo, il gelo, la neve che circonda tutto, il lavoro quotidiano in un clima rigido come quello, li rendono duri e forti, talvolta spietati. Ma non è la violenza indiscriminata e gratuita che alberga nella gentaglia dedita al bere e alle vili lotte dei cani, ma quella necessaria alla sopravvivenza stessa.

    Zanna Bianca si trasforma inevitabilmente anche in una storia di vita, di vita reale, vissuta e sofferta. Siamo lontani, nel tempo e nella concezione, dalla raffigurazione disneyana degli animali, umanizzati e ripuliti dell’aspetto primitivo per accostarli all’innocenza dei bambini. Qui gli animali sono rappresentati realisticamente, protagonisti di dolori e sofferenze, di necessarie crudeltà, ma anche di amore e sensazioni di felicità e benessere. Ne accettiamo, perché è ineluttabile, i loro istinti e i loro modi di agire, perché sono quelli veri, dettati da leggi più grandi di noi che risalgono alla Creazione.

    Che la lettura di questo avvincente romanzo sia d’insegnamento e monito verso chi ha ancora bisogno d’esser sensibilizzato all’amore per gli animali e la natura: chi, almeno, abbia la facoltà di lasciar passare questa chiave di lettura nella sua mente e nel suo cuore. Gli altri, i codardi che maltrattano animali indifesi avvalendosi della propria forza, si astengano dal leggerlo.

    Non sarà loro di alcuna utilità.

    ecco qui....ciao kisskiss

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.