Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereCucina e ricette · 1 decennio fa

mi sapete dare la ricetta di un dolce tipico calabrese ?

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    PITTA 'MPIGLIATA o PITTA 'NCHIUSA

    dolce tipico della Sila, che si prepara soprattutto in autunno inoltrato.

    Richiede l'uso di un distillato tipico della zona, introvabile altrove (la paesanella) che può essere sostituito dalla grappa.

    Se dovesse risultare arduo trovare il miele di fichi (che non è prodotto dalle api!!! ma è il nettare dolcissimo della pianta da frutto) si può usare miele di acacia o di arancio.

    per la pasta:

    Farina (quanta se ne assorbe per ottenere un impasto liscio ed elastico, non come la pasta frolla, con cui non ha nulla in comune): mediamente per queste dosi calcola tra i 2 ed i 3 Kg, considerando quella da usare per infarinare attrezzi e spianatoia.

    3 uova

    ¼ olio d' oliva

    ½ lt vino moscato

    3 cucchiai rasi di zucchero,

    2 bustine di lievito

    Per il ripieno:

    Miele di fichi, mosto cotto o marmellata di uva, uva passa, paesanella, noci, mandorle e cannella.

    Mescolare lo zucchero, l’olio e il moscato e riscaldare fino a scioglimento dello zucchero (deve essere caldo ma non bollente).

    Preparare la farina a fontana e mettere al centro le uova.

    Aggiungere molto lentamente il liquido riscaldato, fino a ottenere un impasto compatto, ma molto molto elastico.

    Aggiungere due bustine di lievito e continuare a impastare per circa 20 min.

    Stendere l' impasto in strisce di circa 20 cm di lunghezza e 4-5 cm di larghezza, ungerle con un po' dolio e farcire con il ripieno*.

    Chiudere le strisce ripiegandole e raccoglierle a spirale formando delle roselline. Raccogliere più roselline tenute insieme da un'altra striscia di pasta.

    Infornare a 180° per circa mezz'ora. A cottura ultimata, spennellare il miele di fichi sulla pitta calda.

    * RIPIENO:

    Uva passa (lavata, lasciata ammollo in uno sciroppo di poca acqua calda e paesanella e quindi ben strizzata), noci e mandorle sgusciate e tagliate in piccoli pezzi, pezzi di cannella, e mosto cotto.

    Il dosaggio dei vari componenti varia a seconda dei gusti.

    Altri dolci tipicamente natalizi sono:

    SCALILLE

    Farina (quanto ne riceve)

    10 uova fresche

    10 cucchiai di zucchero

    5 cucchiai di strutto sciolto

    5 cucchiai di olio di semi

    7 cucchiai di anice

    2 cucchiai di liquore strega

    2 bustine di lievito

    Impasto:

    1.disporre la farina a fontana sulla spianatoia

    2.mettere nel centro le uova, lo zucchero, lo strutto, l'olio, l'anice, il liquore strega e le bustine di lievito

    3.mescolare il tutto per bene in modo da ottenere il perfetto stato d'impasto omogeneo

    Procedimento:

    1.prelevare dall'impasto un pezzetto da allungare con le mani in modo da ottenere un bastoncino rotondo lungo circa 50 cm e dal diametro di 1 cm circa

    2.arrotolare il bastoncino intorno ad un'astina di legno nella forma di una spirale

    3.ripetere le operazioni indicate ai punti 1 e 2 fino ad esaurimento dell'impasto

    4.friggere le scalille con olio bollente fino a doratura

    5.in una pentola mettere un bicchiere di acqua e tre cubetti di cioccolato fondente e mescolare a fuoco acceso fino a sciogliere il cioccolato stesso; in alternativa in un piatto sciogliere lo zucchero a velo con anice fino a renderlo abbastanza denso oppure far liquefare del miele millefiori a bagnomaria.

    6.versare le scalille nella cioccolata sciolta o nello zucchero o nel miele e girarle fino ad impregnarle e spolverizzare con diavoletti di zucchero colorati o codette di cioccolato.

    7.riporre le scalille impregnate in un vassoio per essere servite

    TURDILLI

    Farina (quanto ne riceve)

    4 uova fresche

    200 g. di zucchero

    250 g. di olio di oliva

    250 g. di moscato

    1 bicchierino di liquore strega

    1 bustina di lievito

    Impasto:

    1.disporre la farina a fontana sulla spianatoia

    2.mettere nel centro le uova, lo zucchero, l'olio, il moscato, il liquore strega e la bustina di lievito

    3.mescolare il tutto per bene in modo da ottenere il perfetto stato d'impasto omogeneo e piuttosto morbido

    Procedimento:

    1.prelevare dall'impasto un pezzo da allungare con le mani in modo da ottenere un bastone rotondo lungo circa 60 cm e dal diametro di 2 cm circa

    2.tagliare il bastone in pezzetti lunghi circa 3-5 cm

    3.pressare arrotolando i pezzetti sulla base di un cestino di paglia a formatre dei grandi gnocchi

    4.ripetere le operazioni indicate ai punti da 1 a 3 fino ad esaurimento dell'impasto

    5.friggere con abbondante olio caldo

    6.in una pentola a fuoco acceso sciogliere del miele

    7.buttare i turdilli nella pentola e girarli fino ad impregnarli

    8.riporre i turdilli impregnati in un vassoio per essere serviti

    CHJINULILLE

    Farina (quanto ne riceve)

    4 uova fresche

    300 g. di zucchero

    1 bicchiere di olio di oliva

    1,5 bicchieri di moscato

    1 bicchiere di anice

    1 bustina di lievito

    500 g. di mosto cotto o marmellata di uva

    500 g. di uva passa

    500 g. di noci sbucciate e fatte a pezzettini

    Impasto:

    1.disporre la farina a fontana sulla spianatoia

    2.mettere nel centro le uova, lo zucchero, l'olio, il moscato

    Fonte/i: 3. mescolare il tutto per bene in modo da ottenere il perfetto stato d'impasto omogeneo e piuttosto morbido Procedimento: 1. prelevare un pezzo di pasta dall'impasto da stendere con il mattarello in modo da ottenere una sottilissima sfoglia 2. tagliare la sfoglia in tanti cerchi utlizzando come forma una tazza dal diametro di circa 10-12 cm. 3. riporre al centro dei cerchi un po'di marmellata di uva, o in alternativa, di uva passa e noci spezzetate 4. piegare il cerchio così ripieno in modo da ottenere un semicerchio ben chiuso ai bordi 5. ripetere le operazioni indicate ai punti da 1 a 4 fino ad esaurimento dell'impasto 6. friggere con olio o, in alternativa, cuocere al forno 7. in una pentola a fuoco acceso sciogliere del miele 8. buttare le chjinulille nella pentola e girarle fino ad impregnarle 9. riporre le chjinulille impregnate in un vassoio per essere servite Questi dolci, invece, sono tipicamente pasquali CUCùLI o CUZZUPE 1 kg farina 5 uova 1 bicchiere scarso di latte 250 g zucchero 150 g sugna dura 2 bustine di lievito vaniglia buccia di limone Su una spianantoia in legno o su un tavolo di marmo, impastare farina, lievito e zucchero con il latte tiepido aromatizzato con la vaniglia e labuccia di limone. Unire uova intere e sugna, ottenendo un impasto morbido, ma lavorabile con le mani Formare dei cordoni di pasta da intrecciare, intercalandovi delle uova intere. Pennellare la superficie con tuorlo d'uovo sbattuto con un goccio di latte. Infornare a 180° per 30-35 min. Ottimi da inzuppare nel latte o nel vinsanto o da accompagnare con la cioccolata delle uova di Pasqua P.S. le uova usate per decorare i cucùli (ormai rassodate dopo la cottura in forno) sono ottime da mangiare insieme al pane e soppressata nelle gite di pasquetta... --- Newyorkese di madre irlandese ma con padre (e nonna e tante zie ottime cuoche) di Cosenza....
  • 1 decennio fa

    Nnacatuli

    Cosa serve per la ricetta

    un chilo di farina, 100 gr di zucchero, 100 gr di strutto, una bustina di vaniglina, dieci uova, la buccia di un limone, cannella, zucchero a velo, olio d'oliva per friggere

    Come preparare la ricetta nnacatuli

    disporre su una spianatoia la farina e "fontana" ed aggiungere le uova, bianco e tuorli, lo strutto diluito con un cucchiaio di acqua tiepida, lo zucchero, la bustina di vaniglina e la buccia di un limone grattugiata. impastare a lungo fino ad ottenere una palla omogenea e molto elastica e, quindi, con il mattarello ricavare delle sfoglie non molto sottili. tagliare le sfoglie in rettangolini della lunghezza di 6-8 centimetri e larghi 3-4 centimetri; metterli a friggere in abbondante olio d'oliva; far sgocciolare l'olio e cospargerli di zucchero a velo e cannella pestata in mortaio di rame. si serviranno immediatamente

  • 1 decennio fa

    cerca su questo sito!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Ciao, ti linko un sito con ricette di dolci calabresi

    http://www.calabriaonline.com/col/tradizione_folcl...

    Spero di esserti stata di aiuto. Ciao! :-))

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.