Accendereste una stella per l'amore?

Eccola qui.La storia che ti fa capire che l'amore non ha barriere ne confini..che le distanze non contano,ne la religione,ne la razza,ne il sesso;direte "lo sapevamo gia!"

ma quanti veramente lo pensano?

Due persone totalemnte diverse e contrapposte ma unite da un unico sentimento , che non chiede nulla se non di essere vissuto : l'amore.

La storia che volevo farvi conoscere è quella di Elisabeth Wust e Felice Rahel Schragenheim;La prima tedesca,sposata e madre di 4 figli,la seconda ventunenne single : ebrea.

si conoscono nel novembre del 1942 a berlino.Si puo ben imaginare l'aria che si respirava in quegli anni.La loro storia d'amore nasce e si sviluppa andando contro tutto e tutti: il sistema,l'opinione publica, le leggi razziali..

Elisabeth arrivera a nascondere addirittura in casa la sua amata pur di farla sfuggire ai tedeschi.Nonostante Felice avesse la reale possibilita' di fuggire dalla Germania,e quindi di"salvarsi" decide di restare accanto alla sua Lily.Purtroppo nell agosto del 1944 degli agenti della gestapo catturano Felice,che viene deportata nel campo di concentramento di Theresienstadt,successivamente trasferita ad Auschwitz dove trovo' la morte.Elisabeth attese invano il suo ritorno a casa,attese per anni che il suo unico vero amore della vita,facesse ritorno e riuscisse a scampare agli orrori della guerra.Felice:colpevole solo di essere ebrea,rea di non rispecchiare quelle caratteristiche che un dittatore tossicomane e fuori di testa riteneva essenziali per poter essere degno di vivere.

A distanza di cinquant anni (nel 1998) Elisabeth Wust ha deciso di raccontare la sua storia,di ricordare la memoria di Felice.Da qui è stato tratto un romanzo,e successivamente un film,magnifico : Aimeè & Jaguar.

Io ho voluto riportare qui la loro toccante,triste ma affascinante storia d'amore,affinche piu persone si convincano di quanto ho detto sopra,cioe che l'amore non conosce ostacoli,siamo noi che gliene diamo,e che esso è l'unico sentimento che ci accomuna,che ci deve unire;Per far si che ci sia un mondo migliore domani dobbiamo cambiarlo oggi,affinche non ci sia piu odio verso chi è diverso da noi,perche la diversita non esiste quando cè l'amore.Spero che arrivi il messaggio reale che volevo dare,e non quello sbagliato,e che lo leggano piu persone possibili,voi avete i mezzi per far che cio accada..

"Amatevi adesso,indistintamente.

L'odio porta solo distruzione,a se stessi e agli altri."

Chi vuole puo guardare il film tratto da questa storia su youtube(il link lo postero dopo).

Per lasciarvi con una domanda vi chiedo: Avete mai amato qualcuno disinteressatamente,anche se non c'era neppure un granello di sabbia che vi legava?

Aggiornamento:

108 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    So che non posso in nessun modo convicerti che questo non è uno dei loro trucchi, ma non m'interessa. IO...sono IO...

    Mi chiamo Valerie, non credo che vivrò ancora a lungo e volevo raccontare a qualcuno la mia vita; questa è l'unica autobiografia che scriverò e, Dio...mi tocca scriverla sulla carta igienica.

    Sono nata a Nottingham nel 1985. Non ricordo molto dei miei primi anni, ma ricordo la pioggia.

    Mia nonna aveva una fattoria a Totalbrook e mi diceva sempre che "Dio è nella pioggia".

    Superai l'esame di terza media ed entrai al liceo femminile. Fu a scuola che incontrai la mia prima ragazza: si chiamava Sarah. Furono i suoi polsi erano bellissimi. Pensavo che ci saremmo amate per sempre. Ricordo che il nostro insegnante ci disse che era una fase adolescenziale, che sarebbe passata crescendo. Per Sarah fu così, per me no.

    Nel 2002 mi innamorai di Christina. Quell'anno confessai la verità ai miei genitori. Non avrei potuto farlo senza Chris che mi teneva la mano. Mio padre ascoltava ma non mi guardava. Mi disse di andarmene e di non tornare mai più. Mia madre non disse niente, ma io avevo detto solo la verità, ero stata così egoista? Noi svendiamo la nostra onestà molto facilmente, ma in realtà è l'unica cosa che abbiamo, è il nostro ultimo piccolo spazio all'interno di quel centimetro siamo liberi.

    Avevo sempre saputo cosa fare nella vita, e nel 2015 recitai nel mio primo film: "Le pianure di sale". Fu il ruolo più importante della mia vita, non per la mia carriera ma perché fu lì che incontrai Ruth. La prima volta che ci baciammo, capii che non avrei mai più voluto baciare altre labbra al di fuori delle sue.

    Andammo a vivere insieme in un appartamentino a Londra. Lei coltivava le Scarlett Carson per me nel vaso sulla finestra e la nostra casa profumava sempre di rose. Furono gli anni più belli della mia vita.

    Ma la guerra in America divorò quasi tutto e alla fine arrivò a Londra.

    A quel punto non ci furono più rose per nessuno.

    Ricordo come cominciò a cambiare il significato delle parole. Parole poco comuni come fiancheggiatore e risanamento divennero spaventose mentre cose come Fuoco Norreno e gli articoli della fedeltà divennero potenti. Ricordo come diverso diventò pericoloso. Ancora non capisco perché ci odiano così tanto.

    Presero Ruth mentre faceva la spesa. Non ho mai pianto tanto in vita mia. Non passò molto tempo prima che venissero a prendere anche me.

    Sembra strano che la mia vita debba finire in un posto così orribile, ma per tre anni ho avuto le rose e non ho chiesto scusa a nessuno.

    Morirò qui, tutto di me finirà, tutto, tranne quell'ultimo centimetro; un centimetro è piccolo, ed è fragile, ma è l'unica cosa al mondo che valga la pena di avere.

    Non dobbiamo mai perderlo, o svenderlo, non dobbiamo permettere che ce lo rubino. Spero che chiunque tu sia, almeno tu, possa fuggire da questo posto; spero che il mondo cambi e le cose vadano meglio, ma quello che spero più di ogni altra cosa è che tu capisca cosa intendo quando dico che, anche se non ti conosco, anche se non ti conoscerò mai, anche se non riderò e non piangerò con te e non ti bacerò, mai; io ti amo, dal più profondo del cuore. Io ti amo.

    Valerie.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Semplicemente toccante. Mi sono commossa. Sono completamente e assolutamente d'accordo con te. Se la pensassero tutti come noi penso che al mondo non ci sarebbero discriminazioni né guerre. Peccato che spesso i potenti siano anche degli spostati di testa... mai abbastanza saggi per la carica che ricoprono...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Spero che un giorno riuscirò ad amare una persona a tal punto di fare sacrifici grandi come li hanno fattile protagoniste di questa storia.. io all'amore vero ci credo in fondo.. devo solo provarlo sulla mia pelle.

    grazie intanto.. stellina.

  • ri
    Lv 6
    1 decennio fa

    è troppo bella questa storia!

    e per rispondere alla domanda: si, amo, o penso di amare, alla mia età ancora non ne sono sicura, e l' unica cosa per quanto ne sappia che ci lega, sono i ricordi... che forse sono pure il legame più forte però!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Storia stupenda la conoscevo e ogni volta che ne sento parlare i miei occhi si riempiono di lacrime...

    xWilliam

    ..."Amore mio anche se tutto era contro di noi..continuiamo ad amarci da ormai 6 anni...grazie grazie solo questo posso dirti..mi hai insegnato che anche essendo cresciuti in due realta diverse esiste sempre qualcosa che le rende vicine!..TI AMORO E NON MI STANCHERò MAI DI GRIDARLO AL MONDO!

    eternamente tua

    eternamente mio

    eternamente nostri!"

  • Anonimo
    1 decennio fa

    bellissima storia!!ti accendo una stellina=)è davvero emozionante!!

  • 1 decennio fa

    Bellissima...davvero!

  • 1 decennio fa

    Bellissima storia

  • 1 decennio fa

    che bella storia

  • 1 decennio fa

    io l'amore vero lo sto ancora cercando e spero di trovarlo presto

    kiss

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.