Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

aiutatemi per favore nn ci riesco.....?

osserva questa cronaca schematica della giornata di un ragazzo,poi trasformala in u breve racconto in cui non venga risettata la successione cronolgica dei fatti.

ore 7.giorgio si alza.

ore 7,30.giorgio fa colazione con il padre.

ore 8. giorgio esce per andare a scuola.

ore 13.giorgio mangia con unamico.

ore 15. giorgio torna a casa.

ore 16,30.giorgio va a fae i compiti in camera sua.

ore 18.giorgio va a giocare a basket.

ore 19.giorgio cena

esempio: verso le 13 giorgio incominciò a sentire una gran fame.allora si ricordò che quella mattina a colazione.............. continua tu

grazie mille ragazzi

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    La sveglia suonò alle 7 del mattino e Giorgio, alzandosi dal letto pensò: "Cristo che palle devo andare a scuola!", si collegò al suo account Netlog dove tutti lo conoscevano come HoUsETTiNo__PoRnOhhh MNML e lesse le notifiche, poi si recò in bagno e guardandosì allo specchio mentre si ingellava i capelli pensò: "M4zz4 quantO sO fiquO YEAH tecktonic tunz tunz tunz!".

    Alle 7 e 30 scese per fare colazione col padre che non lo cagò di striscio perchè un figlio così non lo voleva manco mai vedere, e aveva più soddisfazione a insultare Berlusconi e il TG di Emilio Fede.

    Alle 8, quando Giorgo Porno Divo uscì di casa si limità a urlargli: "E tirati su quei pantaloni che ti si vedono anche i pensieri!"

    Dopo la lunga giornata scoltastica, Giorgio alle 13 si trovo con un altro truzzoamico per andare a mangiare al Mc donalds, insieme si lanciarono su discussioni di alto spessore culturale, come le bocce della prof di Inglese e i gli occhiali da sole Carrera che il cane gli aveva mangiato l'altro ieri. Verso le 15 fece ritorno a casa e la madre gli disse: "Disgraziato stai sempre appresso all'amico tuo, non ci pensi alla tua povera madre che lavora per comprarte i jeans de Dolce e Gabbiana?" Giorgio che aveve le balle tritate e ormai non gli stavano più su i capelli disse alla madre di non scassare che sarebbe andato a fare i compiti, in realtà alle 16 e 30 giorgio era su Emmessenne, Netlog, Myspace e stava postando link idioti su Facebook. Alle 18 si recò agli allenamenti di basket ma anche agli allenamenti venne lasciato in panchina perchè l'allenatore diceva che a furia di fumare non aveva più di fiato e quindi era meglio se giocava suo nonno di 95 anni (che in realtà era un mostro a basket e dopo le pastiglie per il cuore che gli davano all'ospizio saltava anche i canali per il lungo). Alle 19 Giorgio finalmente cenò e poi si rimise a letto, felice di non aver concluso un emerito ***** anche quel giorno.

    Tutto questo per dirti che se usi il cervello puoi scrivere quello che ti pare...:) anche la stronzata più galattica.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    che noia sforzati son cose da elementare

    Fonte/i: grazie per avermi fatto alzare dal letto
  • ključ
    Lv 4
    1 decennio fa

    mi è na cazz@ta... e sforza un po il cervello mih!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.