Fratelli tedeschi, dichiarateci guerra!?

Dichiarateci guerra. Ci arrenderemo volentieri. Non dovrete sparare neppure un colpo di fucile. Lanceremo violacciocche e mimose ai vostri Franz e Gunther in sfilata. Siete la nostra ultima speranza. Intanto, mentre riflettete e preparate i vostri carri armati, vorremmo che vi prendeste cura dei nostri dipendenti pubblici. Ogni giorno vi inviamo i nostri rifiuti dalla Campania in treno. I nostri politici sono rifiuti tossici, basta aggiungere qualche vagone in più, ben chiuso per farli arrivare a Berlino o a Colonia. Prendete anche loro per favore. All’arrivo termovalorizzateli subito, sono contagiosi più dell’Ebola e della febbre del Nilo. Vi pagheremo bene. Vi do la mia parola che non avrete in cambio bond della Parmalat, il più grande fallimento della Storia, o della Cirio e neppure azioni dell’Alitalia, che perde un milione di euro al giorno. Posso rassicurarvi anche sui titoli di Stato: non faranno parte del compenso. L’Italia ha il debito pubblico più grande di Europa, circa 1.626 miliardi di euro. Se dovesse rimborsare tutti i BOT e i CCT lo Stato italiano dichiarerebbe bancarotta e la gente sparerebbe per le strade.

Vorrei suggerirvi qualche nome per i passeggeri dei vagoni piombati. Molti li conoscete, sono famosi anche all’estero come Berlusconi che ha offeso un vostro rappresentante alla Comunità Europea dandogli del kapò. Un uomo che si è fatto da solo con un piccolo aiuto da parte degli amici. In Italia l’amicizia è sacra e se gli amici si chiamano Bettino Craxi, morto latitante in Tunisia, o Marcello Dell’Utri, condannato per frode fiscale e false fatturazioni e creatore di Forza Italia, o Licio Gelli, condannato per aver infiltrato la sua organizzazione, la P2, in tutti i settori dello Stato italiano, si può chiudere un occhio. Gli amici non si tradiscono mai, soprattutto se ricambiano. Craxi, ad esempio, gli ha permesso con un decreto legge ad hoc di disporre di tre canali televisivi nazionali con cui fa propaganda politica per il suo partito e Gelli lo ha iscritto alla sua organizzazione di delinquenti. Berlusconi possiede anche la Mondadori, il più importante gruppo editoriale italiano. Se lo è aggiudicato grazie alla corruzione di giudici del suo avvocato di fiducia, Cesare Previti, poi finito in galera. Se la Merkel possedesse tre televisioni e 40 tra giornali e settimanali non avrebbe bisogno di fare la Grosse Koalition. Alle elezioni avrebbe l’80% dei voti. Perché non glielo proponete?

Il conflitto di interessi da noi è una barzelletta che ci racconta da anni il centro sinistra. I suoi esponenti passano in realtà il loro tempo a parlare di banche e di assicurazioni al telefono, qualcuno va in barca, qualcuno ad Arcore a rassicurare Berlusconi. Si chiamano Violante, Fassino, D’Alema. Gli ultimi due sono sotto indagine da parte della Procura di Milano. Il giudice si chiama Clementina Forleo, i suoi genitori sono morti in uno strano incidente dopo essere stati minacciati e lei è stata fatta passare per matta dai media, messa sotto processo e trasferita. Vorrei che vi prendeste anche Veltroni, il nuovo che ci avanza, un politico formatosi negli anni 70 e riverniciato con i colori del Partito Democratico (PD). Un nuovo brand che sostituisce quello dei Democratici di Sinistra (DS) che aveva rimpiazzato il nome Partito Democratico della Sinistra (PDS) che veniva dopo il Partito Comunista Italiano (PCI). I nostri politici sono come i camaleonti, cambiano nome e colore rimanendo sempre gli stessi. Sperano che gli elettori si dimentichino che la politica italiana è stata la peggiore di Europa negli ultimi vent’anni.

Non vorrei che vi dimenticaste Mastella che vive a Ceppaloni. Un signore che ha fatto divertire il mondo. Lui credeva di fare il ministro della Giustizia, ma era una comparsa. Lo hanno fatto ministro con un lecca lecca gigante e con un incarico preciso: fare l’indulto. Il primo atto del governo Prodi è stato la messa in libertà di 24.000 detenuti e la non messa in carcere di centinaia di funzionari pubblici, legati ai partiti. Mastella ha passato così tanto tempo a farsi fotografare in carcere con i galeotti che loro lo hanno adottato. Si è dovuto dimettere perché sua moglie è finita agli arresti domiciliari per concussione insieme a un numero imprecisato di esponenti del suo partito a conduzione familiare. Dini, un ex presidente del Consiglio, è un rifiuto extra tossico. Ha 77 anni e i suoi organi interni, in particolare il cervello, sono decomposti. La sua bella moglie è stata condannata per bancarotta a due anni e qualche mese. In Italia è un merito e lui ne è giustamente orgoglioso.

Vi chiedo di fare una retata in Parlamento per riempire i vagoni. Troverete 24 condannati in via definitiva per reati che vanno da associazione in banda armata, alla truffa, alla falsa testimonianza, all’associazione mafiosa. Ai magnifici 24 vanno aggiunti i condannati in primo e in secondo grado e i prescritti, in tutto un centinaio di gaglioffi. Prescritto da noi significa che la condanna è arri

8 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Cosa vuoi che facciano i tedeschi, hanno fatto anche troppo per noi. Siamo noi i responsabili numero uno di tutto questo sfacelo, direttamente o indirettamente, siamo noi che abbiamo sostenuto questi gaglioffi. Ti sei dimenticato nel lungo elenco di nomi che hai fatto anche gente cme Forlani, Pomicino, De Mita, Di Lorenzo, quest' ultimo ministro della mala sanità ( non sanità). La colpa è solo nostra. In un altra nazione ci sarebbe stata la guerra civile, altroché. ormai l' Italia è ammalata seriamente, peggio di un malato terminale, è l' unica cosa da fare sarebbe espellere tutta questa gentaglia dal nostro paese e giudicarla da qualche corte straniera seria, dato che in Italia non facciamo un ben emerito tubo per bloccarli. Uno come Craxi ha fatto tutto quello che ha voluto. E' riuscito persino ad espatriare in Tunisia ad Hammamet, facendola in barba a giudici magistrati e alla giustizia, prendendo tutti per il sedere,alla faccia di tutti noi lasciandoci praticamente in mutande, e per colpa sua abbiamo dovuto pagare come al solito i debiti statali grazie a questo delinquente. Ci dobbiamo svegliare porca miseria!!!!!!!!!!!!!!!!

  • ste 82
    Lv 6
    1 decennio fa

    bravo non aggiungo nulla bravo... via tutti !!!!!!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ho già pronto il tricolore rosso-giallo-nero nel cassetto da un pezzo. Temo che i tedeschi abbiano già ben altri problemi con la Ostdeutschland e non ci tengano a prendersi carico pure dei nostri. E poi sono secoli che si deliziano a venire in vacanza da noi perchè si respira ancora quell'aria selvatica da Grand Tour, tra sole, limoni, opere d'arte abbandonate, scugnizzi, scippi e sparatorie sempre in agguato. Si rovinerebbero il gusto del "pittoresco" a germanizzare pure l'Italia. E non sono affatto migliori di noi. Anzi, forse i migliori tedeschi di oggi sono quelli che sono andati lassù dall'Italia 30-40 anni fa e ci sono rimasti. Gli italiani d'Italia li distrugge una classe dirigente corrotta e a dir poco avvilente che abbiamo ereditato dalla decadenza dell'impero spagnolo e che la Chiesa e la finta piemontesizzazione hanno contribuito a perpetuare. Guardare a quello che era l'Italia nell'ultimo scorcio del XV secolo, un attimo prima del baratro, e confrontarla con l'Italia degli ultimi due secoli basta a farti desiderare di essere altrove. Ma non c'è una cura possibile purtroppo...

  • 1 decennio fa

    Dovresti scriverglielo in tedesco e pubblicarla nella sezione di politica di yahoo tedesco.

    Al limite noi del sud possiamo chiederlo agli spagnoli?Se 150 anni bastano a definirci italiani , più di 200 anni (o come vice reame o come regno indipendente)possono bastare a definirci Spagnoli.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Capisco i tuoi motivi e li condivido, però noi italiani dobbiamo sbrigarcela da soli e non cercare sempre sostegni e aiuti altrove.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    E' vero: ma questa Ue del cavolo, in cosa si manifesta? Sulla libera informazione, il commissario UE si nasconde e dice come un impiegato italiano "non è di mia competenza" (credevo fosse, davvero, un frase solo italiana: io che credevo di sapere tutto!.....), xò su cazzate come Rete4 o lanti trast (k cazz. è?) sono campioni.

    Sì, come Montanelli speravo che almeno la UE portass a che in Italia non comandassero più gli italiani, ma mi sono illuso.

    Ci vorrebbe. Levare agli italiani per 150 anni ogni diritto politico: elettori ed eletti. Commissariare l'ex Paese. Rifare alla radice - SOLO in QUESTO caso - Costituzione e leggi sostituendole con leggi e Carta europee: tutte, nessuna ma proprio NESSUNA escluse. Scuola, sanità, amministrazione pubblica, in mano ad Ariani e non a questi sckerzi della natura mori, piccoli, panzuti, imbecilli e corrotti. Hussmanizzazione delle città: ki conosce Parigi sa cosa significa, come il Grande Ceausescu fece alla vekkia ascburgica e triste Bucuresti, ruspe ruspe ruspe e rifacimento totale (viene da Haussmann, barone francese ke rifece Parigi sotto il 2°Impero). Repulisti del territorio da troppo cemento. Amministratori pubblici tedeski, nominati da Berlino.

    Una retata di politici e papponi con internamento a Dachau, riaperto per l'occasione: non ammazzerebbero alcun innocente.

  • 1 decennio fa

    perchè non fai un piacere tu a tutti e ti trasferisci in germania, con un bel mazzo di violacciocche nel qulo, e la pianti di piangere il morto?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ti do' una dritta, prendi la tua famiglia e trasferisciti in Germania, in Italia non sappiamo cosa farne di individui come te!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.