..... ha chiesto in Animali da compagniaGatti · 1 decennio fa

uff cm faccio a prendere sto gattino ke mi scappa?

allora io do da mangiare ai gatti ke ci sn qui in parte al mio palazzetto ormai da anni tanto ke adesso vengono tutti qui... solo ke voglio prenderne uno in casa, forse il piu grande... ma nn mi lascia nemmeno accarezzarlo se mi avvicino troppo scappa...cm faccio a prenderlo??? ( ps. da sola!)

11 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Sono una veterinaria..

    Beh, se proprio lo vuoi prendere, se contro la sua volontà, non farlo. Potresti solo ricavarne graffi o morsi.

    Oppure ha solo paura. Fallo inizialmente avvicinare a te imboccandogli un pò di pappa. Io utilizzo la sottiletta o della carne ( manzo o cavallo sono i più.. prelibati ).

    Poi fai capire che non gli farai del male, accarezzandolo un poco sulla testolina. Quando si avvicinerà a te , riservagli ancora del cibo e delle carezze dolci. Poi, giorno dopo giorno fai cosi. Solo con il gatto che vuoi prendere naturalmente. Dopo una settimana dovrebbe essersi affezionato a te e alle tue cure. Magari in questi giorni porta del latte o dell'acqua fresca e linda. Per prenderlo in braccio e portarlo a casa, assicurati prima che si faccia prendere, accarezzandolo un poco. Poi metti una mano sotto le "ascelle" ( sarebbe il torace, attenzione perchè è sensibile e potresti fargli male ) e l'altra mano sotto le zampe posteriori, per sostenerlo meglio. E' preferibile non prendere i gatti per la collottola, perché si rischia di far loro del male, a causa del peso corporeo che andrebbe a tirare la pelle della collottola.

    A te :-) spero vada tutto bene

    P.s. se può interessarti quando a me un giorno hanno portato in ambulatorio un gatto che faceva dei soffi mostruosi e che tremava e che si dimostrava aggressivo, una volta tolto dal trasportino , il suo pelo si sollevava tutto e mostrava i denti; sembrava un cane ringhiante. Con cautela, per poterlo tranquillizzare e curarlo, ci siamo dovuti mettere in cerchio attorno a lui, e dallo spavento e rabbia, povero piccino, dai soffi che dava balzava all'indietro! Mi sono improvvisamente poi balzata su di lui ed esso si è rannicchiato con la testolina sotto le zampe, creando una specie di barriera difensiva. Mi ha fatto pena, povero piccolo. Era un gatto bello grosso, ma aggressivo, perciò l'ho dovuto prendere per la collottola, che è un sistema che paia lo riporti a uno stato di blocco dei muscoli, secondo un ricordo della propria madre che trasporta i cuccioli da un posto all'altro, per la collottola. Poi questo gatto è stato inizialmente da me, calmato con una punturina, e fatto mangiare e bere. Poi, sono riuscita a curarlo grazie ai calmanti somministrati. Pareva avere avuto un attacco di panico, in base a qualcosa che aveva visto. Ora è diventato un coccolone e quando viene in ambulatorio pe le sue cure settimanali mi salta in grembo e mi fa le fusa, strisciando la testolina sul mio avambraccio. I suoi padroncini mi ringraziano ancora oggi. E' stato il caso più strano che abbia mai incontrato durante la mia carriera. Ma è stata un'esperienza molto utile e istruttiva. Soprattutto per me, veterinaria ancora in erba.

    Bolladisapone :-)

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Devo fargli capire che sei buona e che si può fidare di te! Non basta solo dargli da mangiare!!

  • 1 decennio fa

    fidati,è cucciolo e i cuccioli non si fidano di nessuno..potresti fare tipo pollicino mettendo del cibo per terra fino ad una gabbietta e poi lo prendi.

    Io ho provato una volta a prendere un cucciolo abbandonato per strada ma era impossibile perché aveva troppa paura e mi sono dovuta arrendere...il fatto è che i cuccioli randagi non sono come i cuccioli di casa e non sono abituati agli umani...è come se tu vedessi il mostro di lockness che ti da da mangiare..vabbè hai capito spero.

    ti consiglio di catturarlo con uno strataggema, portarlo a casa tua e vedere se si ambienta :)

  • 1 decennio fa

    non dargli più da mangiare, vedrai che verrà ad elemosinartiil cibo

    Fonte/i: i gatti sono ruffiani
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Mari
    Lv 5
    1 decennio fa

    Io credo che spesso dipenda proprio dal gatto...tu continua ad avere pazienza, portagli da mangiare e cerca di avvicinarti senza spaventarlo, ma spesso è proprio il gatto che nonostante tutto resta semiaddomesticato. Il mio gatto è proprio così, nonostante viene se lo chiamo, non ama proprio farsi accarezzare, diventa rigido non fa le fusa, eppure mi riconosce come quella che lo cerca e gli da da mangiare, ma lui niente, è sempre diffidente!Per questo non è detto che lui voglia vivere in una casa...magari è felice così!

  • 1 decennio fa

    devi stare seduta in un angolo del cortile(o dove ci sn i gatti) con un bocconcino e aspettare ke kuel gatto venga da te lo lasci mangiare poi al momento giusto lo prendi xo se nn vuol venire lascia perdere sennò rischi ke ti graffi

  • 1 decennio fa

    Ci vuole taaaaanta pazienza :D

    Quando gli dai da mangiare mettiti lontano da lui, magari parlandogli in modo che impari anche a collegare te al cibo. Ogni giorno ti avvicini un po' di più, stando sempre immobile mentre su nutre, in modo da non spaventarlo. Ecc. ecc. fino a quando deciderà di farsi toccare/avvicinare da te. Con un gatto adulto è più difficile, non è detto che si abitui a stare in casa purtroppo :(

  • 1 decennio fa

    Devi continuare a mettergli da mangiare non provare a accarezzarlo e nn lo guardare fai come se non ci fosse e vedrai che dopo qualche tempo verrà lui a cercare te....assicurato e funziona!!!!!!

  • 1 decennio fa

    devi fargli capire che non gli vuoi fare del male. Dagli da mangiare e qualche volta cerca di avvicinarti per accarezzarlo

  • 1 decennio fa

    i gatti sono sempre molto diffidenti all'inizio. se gli fai vedere che sei tu che gli metti il cibo nella ciotola in cui lui mangia dopo un pò prenderà confidenza e si farà accarezzare

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.