Tecniche (meditazione, digitopressione ecc) per raggiungere lo stato alfa?

Vorrei che mi elencaste le tecniche di cui siete a conoscenza per raggiungere lo stato in cui il cervello (i due emisferi) raggiunge lo stato di onde alfa............per intenderci quello stato in cui siamo nel dormiveglia, in cui eravamo da bambini ed in cui a volte vi trovate quando ad esempio .avete l'impressione che il tempo passi più velocemente ma non ve ne rendete conto (es quando vi divertite)

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Piccolo breve excursus, le onde cerebrali si dividono in:

    onde beta (rapide, circa 20 cicli al secondo), caratteristiche dello stato di veglia;

    Hanno una frequenza che varia da 14 a 30 Hz e sono associate alle normali attivita' di veglia, quando siamo concentrati sugli stimoli esterni. Le onde beta sono infatti alla base delle nostre fondamentali attivita' di sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli che provengono dal mondo che ci circonda. Per esempio, leggendo queste righe il vostro cervello sta producendo onde beta. Esse, poi, ci permettono la reazione più veloce e l'esecuzione rapida di azioni. Nei momenti di stress o di ansia le beta ci danno la possibilita' di tenere sotto controllo la situazione e dare veloce soluzione ai problemi.

    onde alfa (circa 10 cicli/sec), caratteristiche degli stati di rilassamento e meditazione;

    Hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz e sono associate a uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero. Le onde alfa dominano nei momenti introspettivi, o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso. Sono tipiche, per esempio, dell'attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di meditazione, yoga, taiji.

    onde theta (lente, circa 5 cicli/sec), caratteristiche dello stato di sogno;

    La loro frequenza e' tra i 4 ed i 8 Hz e sono proprie della mente impegnata in attivita' di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda. Il sogno ad occhi aperti, la fase REM del sonno (cioe', quando si sogna). Nelle attivita' di veglia le onde theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una capacita' immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla creativita' e alle attitudini artistiche

    onde delta (lentissime, circa 2 cicli/sec), caratteristiche dello stato di sonno.

    Hanno una frequenza tra 0,5 e 4 Hz e sono associate al piu' profondo rilassamento psicofisico. Le onde cerebrali a minore frequenza sono quelle proprie della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell'abbandono totale. In questo senso vengono prodotte durante i processi inconsci di autogenerazione e di autoguarigione.

    Alla luce di questo fatto, andare in quello stato di coscienza in cui il cervello produce onde alfa è assolutamente naturale, nessuno resta in "beta" tutto il giorno, si fonderebbe il cervello. Lo stato di coscienza vigile ma rilassata è quello in cui la maggior parte delle persone passano tutto il loro tempo libero. Secondo me basta piazzarsi davanti alla tv a vedere un programma poco impegnativo, ma comunque con la meditazione si arriva allo stato di coscienza "alfa" in un amen. Uno dei metodi più facili è ripetere un mantra (tecnicamente, una parola qualsiasi) senza pensare al significato, ripeterla nella mente finché non è solo un suono, senza senso. Di per sé non serve a molto, ma è un esercizio per poter raggiungere quello stato di coscienza più in fretta.

    Io penso di aver raggiunto anche uno stato di coscienza in cui i cervello produceva onde theta, durante il classico viaggio sciamanico con tamburo e visualizzazione guidata. Non posso esserne certa perchè non c'era alcuno strumento a misurare.

  • 6 anni fa

    Dai un occhio a questo video.... dovresti trovare delle risposte alle tue domande....

    https://www.youtube.com/watch?v=MLSlGnVNMsM

    Youtube thumbnail

  • Anonimo
    1 decennio fa

    per equilibrare le energie dei due emisferi provare anche con questi mantra:

    HAM KHSAM , HAM KHSAM , HAM KHSAM (traduz.: io, sono io perdono) ripetuto un numero di volte a piacere.

    AIM HRIM KLIM CHAMUNDAYA VICCHE ( traduz. : vittoria all'energia interiore che distrugge i pensieri negativi ) ( numero di volte a piacere)

    .

  • 1 decennio fa

    E' una tecnica che si esplicita in due fasi o movimenti.

    Si raggiunge più facilmente utilizzando come prima tecnica lo stare in piedi con gli occhi chiusi(evitare di stare di fronte a finestre o balconi:niente luce!meglio sarebbe uno spigolo di muro)

    La distanza dal muro dovrebbe essere non superiore a 20 cm,in quanto dovrete sentire il vostro respiro ritornare da voi carico di energia.

    Lentamente flettere il collo all'indietro fino a poggierlo sulle spalle.

    Respirare in questa posizione profondamente per tre volte.

    Adesso velocemente e con molta forza portare testa e busto in avanti!

    La capocciata che prenderete alla parete fara vedere al vostro cervello le stelle così da permettere ai due emisferi di raggiungere le onde Alfa,ma anche quelle Beta e Gamma.Infine arriverete alla velocità Curvatura.

    Fonte/i: Dottor Spook,astronave Enterprise
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Vuoi provare un biocircuito?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.