Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Mi serve la parafrasi e le figure retoriche fatte bene di a zacinto?

al migliore 10 punti!!!grazie mille in anticipo

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Parafrasi: Non toccherò mai più le sacre rive dove il mio corpo di fanciullo riposò, o mia Zacinto, che ti specchi nelle onde del mare della Grecia, dal quale Venere nacque vergine., e rese feconde quelle isole col suo primo sorriso , per cui scrisse delle tue limpide nubi e della tua vegetazione, il famoso verso del poeta Omero, colui che, nell'Odissea, cantò i viaggi per mare voluti dal Fato e l'esilio in mille luoghi diversi, attraverso cui Ulisse, reso bello dalla gloria e dalla sventura, infine baciò la pietrosa isola di Itaca, sua terra natia. O Zacinto, mia terra materna, tu invece non avrai altro che questo canto scritto da tuo figlio, perché il destino ha stabilito per me una sepoltura senza il compianto delle persone care.

    Componimento composto tra l’Agosto del 1802 e l’Aprile del 1803, il Tema della poesia è rappresentato dal doloroso esilio, dalla lontananza della terra d’origine: Ugo Foscolo è nato a Zante, un’isola del mar Ionio. L’Incipit è molto forte, in fatti ci sono tre monosillabici accentati( il ne = negazione forte, in contrapposizione al non = negazione più leggera) che servono a ribadire che l’esilio è destinato a durare. La Struttura del sonetto si articola in due parti: la Prima è rappresentata dalle due quartine iniziali e dalla prima terzina (vv. 1-11), nelle quali viene espressa la nostalgia per il distacco dalla terra d’origine; la seconda parte è costituita dall’ultima terzina (vv. 12-14) in cui sono riportate le amare riflessioni del poeta sul suo infausto destino. A Differenza di Ulisse, l’eroe dell’Odissea che dopo mille peripezie riuscì a ritornare in patria, foscolo deve arrendersi al suo destino: non rivedrà più la terra natia e sarà costretto a morire lontano da casa, senza il conforto dei suoi cari, che almeno avrebbe significato il mantenimento del legame affettivo

    ANALISI DELLA POESIA A ZACINTO ANALISI DELLA POESIA A ZACINTO A livello metrico - ritmico il sonetto si presenta contraddistinto da forti cesure sintattiche (ribadite dalla punteggiatura) e da numerosi enjambements (spezzature): tali elementi sembrano conferire il senso del lento snodarsi e approfondirsi di una meditazione più complessa, attraverso la quale il poeta giunge a definire il significato della propria vita. A livello fonico si evidenzia la serie delle rime in -ONDE e -ACQUE, che, comunicando la sensazione del cullarsi nell'acqua e nel vento, contribuisce all'effetto di rifrazione dovuto allo specchiarsi di Zacinto nelle onde del Mare e al suo svanire in un gioco di riflessi e suggestioni (Venere che nasce dal mare, Omero, Ulisse). Degna di nota è l'allitteranzione delle lettere C, I e L dei versi 8-9: L'InCLIto verso dI CoLuI Che L'aCque Cantò fataLI; l'effetto creato è quello di una pura e dolce melodia che, riferita alla poesia di Omero, ne esalta la fluida freschezza. A livello morfosintattico (strutturazione dei periodi, combinazione delle parole, uso di elementi di diversi registri linguistici) si può osservare che la congiunzione né (e non) posta all'inizio sembra segnare il momento conclusivo di un'intima meditazione, che si snoda secondo uno stringente e complesso ordine sequenziale (ove… che… da cui… che… per cui…).

    Tra le figure retoriche di significato si distingue la grande metafora della terra - madre, che diventa mito (ossia un fatto esemplare idealizzato): è il mito della Grecia classica, incarnazione di un ideale di bellezza, di piena e totale armonia. E nel mito classico c'è il grande mito di Omero, della poesia cioè che rende perenni l'eroismo e i valori più alti. L'evidenziazione delle parole - chiave consente alcune considerazioni. Per evidenziare tali parole ci si può attenere al criterio della frequenza e a quello delle relazioni già istituite dal poeta, attraverso il gioco delle rime ad esempio. Applicando tale criterio, si distinguono le seguenti parole: Zacinto mia/ materna mia terra cantò/ canto del figlio l'acque fatali/ a noi prescrisse il fato degne di nota le parole esIGLIO/fIGLIO e svenTURA/sepolTURA (illacrimata), legate dalla rima evidenziata. L'appartenenza del figlio alla terra madre, la grande poesia che immortala l'eroismo, l'esilio “fatale”, voluto cioè dal destino (avverso), unitamente alla “sventura” di una sepoltura in terra straniera (illacrimata): sembrano questi i temi fondamentali della poesia. L'esilio appare una condanna irrevocabile: è il decadere da una originaria pienezza di vita, sintetizzabile nella formula Natura - Amore - Bellezza (il mito di Venere fecondatrice). Questa triade si collega attraverso Omero e Ulissa a un'altra, che si potrebbe definire Amore - Poesia - Eroismo: Omero celebra Zacinto per la sua bellezza e, insieme, celebra Ulisse, il cui eroismo è espressione anch'esso di una vita protesa verso un ideale

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.