? ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

raga aiutatemi vi prego sto sclerando mi aiutate???????

ho un compito da fare a scuola sui mutamenti delle prime fasi del corteggiamento a vostro parere (senza distinzione di uomini o donne) che cosa ne pensate

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    che??

    da quello che io ho capito vuoi un parere sull' argomento==???

    o vuoi che te lo si spiega?

    cmq..:

    -secondo me be...è un argomento che potrebbe servire in psicologia umana..o in educazione .....

    - e che ne so???

    cmq ho trovato questo...auguri a leggerlo....

    link:...bo?:

    Mi guarda ? Gli interesso ? Chissà cosa pensa di me ?

    Quante Volte ci saremmo tormentati con domande come queste ?

    Magari siamo in grado di dare consigli e giudizi azzeccati all’amico o all’amica che ci chiede se piace ad una data persona.

    Ma quando la cosa riguarda noi, veniamo assaliti da mille dubbi, insicurezze, paure.

    Se poi prendiamo coraggio e ci facciamo avanti comunque, finiamo magari con il fare gaffe, dire le cose sbagliate, incorrere in “ figuracce “.

    Quanti problemi ! E pensare che basterebbe affidarsi al proprio istinto per far filare le cose lisce . Facile a dirsi ! L’istinto, quello stesso che nelle “ altre “ specie fa si che il pavone sfoggi la coda o che il cervo si esibisca in articolate “ danze “ di corteggiamento, nell’essere umano viene soffocato e represso da cultura, morale ed educazione.

    Ora, però la scienza della comunicazione ha studiato a fondo il comportamento che porta al formarsi di una coppia nel regno animale e ha rilevato che strategie analoghe possono essere riscontrate anche nell’uomo.

    Con un’unica differenza:

    in quest’ultimo sono per lo più inconsce e proprio per questo scarsamente disponibili alla volontà e all’intenzionalità.

    L’antropologo David Givens ha individuato cinque fasi nel corteggiamento: ma sono le prime tre che poi danno luogo alle due seguenti fasi in cui l’attrazione è evidente e porta all’approccio sessuale.

    I tre passi che precedono questo momento sono:

    - L’approccio

    – la fase della Valutazione

    – l’epilogo dell’Intesa

    L’approccio : in un primo frangente, l’uomo o la donna che provano attrazione per qualcuno, esordiscono fornendo tre tipi di messaggi:

    1) sono qui

    2) sono una femmina o un maschio

    3) non ho intenzioni minacciose ( vale soprattutto per l’uomo )

    L’approccio:

    non avendo la possibilità di variare il colore del manto o di emettere stimolazioni olfattive, l’essere umano fa uso di artifici materiali.

    Cosi la donna, analogamente a quanto fa il pesce, quando sfoggia una livrea dai colori sgargianti, dipinge le sue labbra, esalta le ciglia con il mascara, adorna le orecchie con orecchini e pendenti.

    L’uomo, dal canto suo, veste abiti eleganti, rade il suo volto ( uno stratagemma che serve a rassicurare sulle sue intenzioni, evocando una condizione di imberbe, cioè di adolescente ) , prende possesso di un territorio, stazionandovi o delimitandone il perimetro ( ad esempio ad una festa ) con oggetti personali o con il proprio bicchiere o piatto.

    La donna, al contrario si muove molto di più: passa da un tavolo ad un altro, si sposta dalla cucina al salotto e cosi via,

    In questo suo andirivieni, sembra ignorare i maschi presenti, ma ogni tanto, lancia occhiate oblique, rapide e ripetute.

    L’attestazione del genere sessuale: per farci notare dal potenziale partner e per fargli comprendere la nostra disponibilità, esaltiamo la nostra identità sessuale.

    La donna, può sedere accavallando le gambe e incrociando i piedi sulle caviglie ( postura impossibile per conformazione anatomica, per un uomo e quindi simbolo di femminilità ) , toccandosi con il polso piegato verso di sé, tenendo la mano poggiata sul fianco, in modo da accompagnarne la curva ( l’ampiezza del bacino è indice della capacità di procreazione: un forte stimolo per l’uomo ).

    L’uomo, assume pose da “ maschio dominante “ : tiene le gambe esageratamente scostante, tira il petto in fuori, solleva il mento, ride e parla in modo più forte e sonoro.

    Il segnale “ sono innocuo “ : la sua funzione è di impedire un travisamento dei segnali di dominanza ( intesi per la verità si a “ mostrarsi belli “ di fronte ad una donna, ma anche ad intimidire i possibili rivali ).

    L’uomo, sorride più del solito, distende i tratti del volto, parla tenendo i palmi delle mani rivolti verso l’esterno ( un segno di arrendevolezza e di pacificazione ).

    La donna, per evitare che l’uomo si senta inibito o frenato, può mostrare posture infantili, come il piegare la testa verso la spalla, l’abbracciarsi o l’accarezzarsi la guancia.

    Un’altra tattica è il simulare la condizione di affascinazione: realizzata abbassando le palpebre superiori e schiudendo la bocca.

    La valutazione:

    questa fase ha il fine di scoprire se l’altro, già giudicato attraente, ha i requisiti per essere anche interessante.

    Una ricerca condotta su individui di entrambi i sessi, di cultura europea o asiatica, ha messo in luce una scoperta notevole.

    L’ambiente di provenienza fornisce forme e modi del comportamento:

    tuttavia, la donna di qualsiasi nazionalità ha un modo fine e universale di segnalare attrazione e, nel contempo, spingere l’altro a scoprirsi.

    In altre

    Fonte/i: e.
  • 1 decennio fa

    ?? -_-"

  • 1 decennio fa

    xD

    scusa ma questa cosa fa ridere spiegati meglio...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.