matilde ha chiesto in Relazioni e famigliaFamiglia · 1 decennio fa

LA NOSTRA NON E' PIU' UNA FAMIGLIA?

Buon giorno a tutti, questa non è una domanda ma solo uno sfogo...

sono passati 3 anni da quando è morto mio papa' e da allora in famiglia sono successe un mare di problemi ke sembra non finiscano piu'... non so' xke' mi sono svegliata stamattina mettendomi al computer, forse xke' ho bisogno di scaricare quel peso che ho dentro e che non va piu' via...

ecco la mia storia: una notte mio papa' stava male col diabete altissimo e cosi' decisi di portarlo in ospedale contro la sua volonta', si lui era contrario ai medici e alle medicine diceva sempre, quando arriva l ora uno muore, ed e' vero.

cmq andammo in ospedale promettendogli che appena gli si abbassava il diabete saremmo tornati a casa, te l ho giuro papa'...

NON HO MANTENUTO LA PROMESSA...

mio padre ebbe un ictus e se ne andò in coma x 4 giorni, tutti mi dicevano ke si sarebbe risvegliato che era solo coma diabetico,invece l si e addormentato x sempre, da allora non ho piu' pace dentro me,dopo un anno dalla sua scomparsa decisi di andarmene via da casa non c è la facevo piu' a stare a rivivere quei momenti, in ogni angolino della casa c era il suo ricordo, ricordi bellissimi, solo xo' ke io riuscivo a ricordare solo gli ultimi ricordi quando stava male e non ho potuto fare niente x salvarlo, avrei dato la mia vita x far battere il suo cuore ancora...

,a questo non e' stato possibile.me ne sono andata cambiando vita ma i ricordi sono sempre qui ke mi tormentano...

dopo un anno e 10 mesi arrestarono mio fratello x complicita' in rapina sta in galera mentre tutti sanno ke non centra nulla e non possiamo aiutarlo x mancanza di denaro, arrivarono un sacco di debiti dopo la morte di mio padre e mia mamma ebbe la piu' bassa pensione ke esista con un bimbo piccolo di 6 anni e mai possibile??? dopo ke mio papa' ha lavorato x 30 anni da quando aveva 15 anni.

e vabe'...

sono passati 3 anni dalla sua scomparsa e le cose vanno sampre peggio, mia mamma piena di debiti...

io lontana da qei luoghi x sempre e non ci tornerò mai +...

mio fratello ancora in cella...

mia sorella pronta x il divorzio dopo 10 anni di matrimonio e 2 figli..

mi chiedo cambieranno mai le cose...

non credo + manca la cosa + essenziale il punto di riferimento, tu papa' niente sarà + come prima....

scusate x lo sfogo di prima mattina....

buona giornata a tutti

11 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    hia fatto bene a sfogarti cara! e mi si rattrista il cuore leggere le tue parole. ma tu quanti anni hai che non l'hai scritto? e cosa fai nella vita?lavori?

    è vero che la tua vita sta passando un bruttissimo momento ora,ma nulla è per sempre neanche il dolore. è gia strano che tu non abbia superato questo enorme dolore dopo 3 anni. io credo che tuo papa ora ti stia guardando dall'alto e ti sta urlando contro di ricordarlo si, ma con un sorriso, non con una lacrima. la prima cosa che devi fare quindi è quella di fare questo grande passo. dimenticare quella notte e ricordare i bei momenti passati insieme, e quando parlerai di tuo papa, racconta di come ti faceva ridere e dimenticare ogni cosa brutta. cosi fai solo male a te stessa e tuo padre non lo vorrebbe.

    Poi anche il resto della tua famiglia non va bene. tua madre non arriva alla fine del mese, tua sorella divorzia, tuo fratello sta in carcere...tu ti deprimi...sei l'unica che puo fare qualcosa per questa famiglia. rimboccati le maniche invece che piangerti addosso e vedrai che piano piano tutto si sistemerà e tutti sarete felici. cerca di aiutare tua mamma prima di tutti, lei ha perso un punto di riferimento importante quanto il tuo e invece che andartene di casa dovevi starle ancora piu vicino, ma puoi rimediare ancora a questo errore. una cosa fatta da soli è difficile da fare, ma quando si è in due è gia molto piu facile. e magari a questo appello si aggiungeranno anche tua sorella, e tuo fratello!

    cara, su con la vita, come tuo padre diceva, se uno deve morire deve morire e quello che gli è successo non è colpa tua assolutamente! purtroppo è il ciclo della vita, si nasce si cresce si muore e non ci si puo fare niente. purtroppo ci sono buone persone che muoiono troppo presto. qualche giorno fa è morta una signora di 45 anni nel mio paese di infarto lasciando i suoi due figli di 12 e 15 anni...terribile perdita. e non vorrei trovarmi nei loro panni ma spero vivamente che torneranno a vivere sereni pensando alla mamma con un sorriso e senza lacrime.

    un mio amico ha perso la mamma 4 anni fa all'età di 17 anni. era malata, ma ha sofferto lo stesso, ma grazie alla sorella e al padre sta benissimo al giorno d'oggi e si porta sempre con se la foto di sua mamma nel portafoglio e la guarda con un sorriso ogni volta. un altro mio amico invece ha subito una cosa peggiore: sua mamma si suicidò quando andavamo alle elementari e rimase solo col padre e il fratello. il padre si risposa nasce una bimba e dopo qualche anno divorziano... in 2 media (ricordo ancora il giorno) arriva a scuola la notizia e il padre del mio amico era morto in un incidente di moto... immaginati la frustrazione, io stavo malissimo per lui. dall'età di 12 anni è rimasto orfano ed ha tirato avanti con il fratello piu grande e la nonna (molto vecchia). Oggi sta benissimo, questo ragazzo diventerà probabilmente un calciatore famoso e se riguarda indietro non lo fa con tristezza, ricorda i momenti felici..è ora che lo faccia anche tu carissima!

    un bacio e un abbraccio forte!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ciao, mi dispiace di quello che dici e per provare a confortarti ti racconto la mia.

    Avevo 21 anni e la situazione in casa era veramente disastrosa, un padre assente totalemnte, una mamma impazzita per colpa di suo marito, continui tradimenti e problemi vari.

    Dopo varie discussioni dissi a mia mamma di andarsene e lei mi rispose che stava li solo per me e mia sorella. Il giorno successivo trovai un appartamento per me e mia sorella. Insieme atutto questo iniziarono i problemi finanziari, la ditta che mio padre aveva andò in fallimento lasciando un buco di soldi spaventoso.

    Io e mia sorella ce ne andammo di casa e finimmo in una casa di campagna con un disadattato al piano superiore... Problemi su problemi....

    due anni fa le cose sembrava che si mettessero meglio, mia mamma aveva trovato lavoro e io e mia sorella facevamo il possibile dopo aver ormai cambiato 4 case in 3 anni.

    Arrivò la notizia più brutta, l amalattia di mia mamma, che nel giro di un anno dalla scoperta se la portò via, e non fece fatica perchè alla fine era ormai 30 kili.

    Questo avvenne circa 1 anno fa, ad oggi non sono in buoni rapporti con mio padre ma vivo la mia vita con mia sorella, sono riuscito ad acquistare casa e mi ritengo veramente fortunato.

    Da quando avevo 21 anni ormai sono gia passati 8 anni e adesso trovo un periodo di solievo. Ma la vita purtroppo è cosi e non ci possiamo fare niente, possiamo solo svegliarci alla mattina, guardarci allo specchio e sforzarci di sorridere, anche quando la vita ci prende a schiaffi, questo è l'unico modo di cercare di essere felici.

    ciao un abbraccio

  • 1 decennio fa

    Non ho parole per dirti quanto mi dispiace

  • Anonimo
    1 decennio fa

    è deceduto un mese fa il papà di mio marito, quindi comprendo. non ci sono parole che possono cambiare le cose. per questo ti auguro solo tanta fortuna x il tuo avvenire... un abbraccio ti sono vicino

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 4 anni fa

    Mi dispiace tanto piccola..tuo padre sta attraversando un momento difficile ma questo non giustifica i suoi atteggiamenti..anche io ho passato dei momento brutto..mia sorella era (lo è anche adesso) una ******* senza cervello e quando faceva le cavolate i miei si sfogavano con me io però ho 19 anni e non sono stata zitta. Gliel'ho detto che io non centravo nulla e che se continuavano così me ne sarei andata di casa. Sono sempre stata brava e non gli ho mai fatto venire mal di testa. Ho preso e me ne sono andata a lavorare all'estero abbandonando l'università. Tornata loro erano cambiati completamente perché l. a. mia assenza gli hanno fatto capire cosa potevano perdere. Purtroppo molte cose si danno consistent with scontate.. Parla con i tuoi genitori piccola. Non tenerti tutto dentro. Loro capiranno..lo spero..questi sono discorsi che sono meglio da spiegare di character..vorrei darti anti consigli ma non sono brava a esprimermi con i messaggi..trova uno hobby e sfoga l. a. tua robbia con esso..

  • 1 decennio fa

    non è colpa tua se tuo padre non c'è più, non potevi fare nulla per salvarlo perchè non sei un medico. NON è COLPA TUA! soffri talmente da voler sfuggire ai tuoi problemi, a quella casa che sembra così vuota. la morte di papà ha spezzato gli equilibri di quella casa e tutti sono rimasti feriti fortemente da questa tragedia. ora sta a TE cambiare le cose, solo tu puoi dare una svolta a tutto. devi avere coraggio di affrontare quel vuoto, quel dolore che non hai vissuto fino in fondo. tua madre, tuo fratello e tua sorella hanno bisogno di te, della tua forza per rialzarsi, ma sarà possibile solo quando anche tu ti rialzerai. devi solo volerlo, e tutto si risolverà. non sono parole a vanvera, la tua famiglia è andata in mille pezzi ma questo non vuol dire che non sia possibile raccogliere i cocci per ricostruire. dopo tanti anni di dolore perchè credimi, anche io nonostante sia giovane ne ho passate tante, ho capito che la vita è bella proprio perchè finchè sei viva puoi sempre ricostruire. e tu CE LA FARAI!!! ne sono sicura! un abbraccio forte forte

  • 1 decennio fa

    Mi hai fatto brillare gli occhi cara Matilde e vorrei dirti che anche se virtualmente ti sono vicina e ricordati che non può piovere per sempre. Un bacione

  • 1 decennio fa

    Matilde, cara, non devi avercela con te stessa, non devi darti colpe che non hai. Tu hai dato a tuo padre una chance di restare in vita portandolo all' ospedale e se non è più tornato a casa non è perché tu non hai mantenuto la promessa, non avresti potuto farlo. La sua morte ha distrutto la vostra famiglia, ora sta a voi cercare di ricongiungere i pezzi, credimi, poi sarete tutti più felici perché ora non avete perso un vostro caro, ognuno di voi ne ha persi quattro. Perdonati perché non hai fatto che cercare di salvare tuo padre.

  • 1 decennio fa

    Tu non hai colpa di nulla, e forse sei stata l'unica che ha avuto la prontezza di prendere decisioni giuste al momento giusto.

    Se puoi, cerca di aiutare tua madre che è in difficoltà economiche.

    Il divorzio di tua sorella non è nulla di grave, sono cose che capitano e migliaia e migliaia di altre coppie e non è la fine del mondo.

    Spazza via i sensi di colpa e i ricordi lugubri, e cerca di far riaffiorare la luce nei tuoi occhi, nonostante tutto.

    Costringiti a sorridere: se non è l'anima a far partire il sorriso, fa' che siano le labbra a sorridere. Vedrai che con un sorriso sulle labbra anche il mondo attorno si disporrà meglio verso di te. E, dopo un po', ti accorgerai che pian piano anche la tua anima accennerà un piccolo sorriso... che si farà sempre più luminoso. Un abbraccio da uno sconosciuto

  • 1 decennio fa

    so cosa vuol dire perdere la persona che ami piu' della tua vita...sentirti il mondo crollare addosso,ritrovarti a piangere pensando a lei..sapere che mai nulla sarà più come prima...si ci sente soli,disperatamente soli,in un mondo freddo e indifferente ai problemi degli altri....quando l'angoscia ti prende e sembra volerti soffocare, pensa che tuo padre non vorrebbe vederti cosi',ma vorrebbe che tu fossi più forte,così forte da aiutare tua mamma e tuo fratello,visto che lui non può più farlo...ripagalo così per l'amore che ti ha sempre dato. anch'io faccio cosi con i miei fratelli e so che il mio angelo,lassù nel cielo,è felice... in bocca al lupo!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.