Anonimo
Anonimo ha chiesto in Casa e giardinoCasa e giardino - Altro · 1 decennio fa

legna da ardere che ne pensate?

Signori ho comprato 10 quintali di quercia. e freschissima perche il signore dove l'ho comprata l'ha tagliata da 15 giorni. mi ha proposto di tagliarla a pezzi piccoli in modo k in un mese si dovrebbe asciugare. k dite andrà bene per ardere in stufa?

10 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    concordo con Paolo.

    e’ bene non acquistare legna da ardere “verde “ (non stagionata) proprio per i motivi che dice lui:

    rischi di pagare acqua al prezzo del legname.

    Piu’ il legno e’ umido e piu’ perde in resa calorica. per far stagionare il legno occorre tempo, lasciarlo fuori sotto una tettoia.

    Se ormai il danno e’ fatto puoi risolvere in questo modo

    Taglialo a piccoli pezzi

    trova un luogo interno riscaldato e ventilato oppure puoi accatastare il legno e ricoprirlo con del nylon bucato sopra e sotto in modo che ci sia il ricircolo dell’aria e metterlo al sole (costruisci tipo una serra)

    Quando vedi che il legno inizia a creparsi e la corteccia si stacca dal tronco allora e’ secco, quindi ideale per essere bruciato.

    La quercia e’ un legno duro quindi ottimo da ardere, mantiene a lungo la fiamma.

  • 1 decennio fa

    asciuga, ma non secca!!!

    Per bruciarla deve essere secca! devi lasciarla almeno un anno a seccare, piu è secca e piu brucia meglio e rende meglio...

  • 1 decennio fa

    Spiacente deluderti, ma per poter utilizzare della legna da ardere questa deve stagionare almeno 7-9 mesi.

    No non potrai utilizzarla in modo corretto (poi tutto si può fare ) se ti rivolgi a qualsiasi rivenditore confermerà le mie ipotesi.....

    Mio nonno tagliava (osservando le fasi lunari) la legna da ardere e la poneva in legnaia a stagionare per 12 mesi!

    Il problema è molto semplice una ottima legna da ardere deve contenere max 45% di umidità (ideale sarebbe il 35%) quindi la tua legna ne possiede il 100% a grandi linee dovrà perdere molto peso, in 15 giorni non si asciugherà neppure la corteccia.! Scusa la sincerità e non me ne devi volere.....

    Ardere legna verde oltre alla difficoltà di accensione avrai sicuramente dei problemi alla canna fumaria minor potere calorifero (immediato) un ceppo potrebbe impiegare qualche giorno per bruciare.

    I costi di legna da camino stagionato si aggirano sui 14. Euro al quintale.

    Quanto ti ha chiesto? (calcola la diminuzione di peso per la stagionatura. )

  • 1 decennio fa

    concordo pienamente con paolo, e preciso che le specie di quercia che vegetano in italia forniscono quasi esclusivamente legna da ardere.

    tra l'altro, una delle migliori come potere calorifico.

    un consiglio per i prossimi acquisti: compera legna in estate, viene dal taglio effettuato la stagione precedente, e quindi ha già perso una parte di umidità. questo se la acquisti a peso.

    se la comperi appena tagliata, ti conviene acquistarla a metro stero (unità di misura simile al metro cubo, ma tiene conto del fatto che una catasta di legna di 1x1m è composta da vuoti e pieni).

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    concordo con paolo, la quercia sarebbe un ottimo legno da ardere,forse anche troppo pregiato per finire in cenere, ma deve prima essere tagliato alla misura giusta per l'utilizzo a cui è destinato e poi stagionare almeno un anno dal taglio per poter essere utilizzabile al meglio nelle stufe o nei caminetti, altrimenti aspettati fumo, fuligine e cattivo tiraggio

  • 1 decennio fa

    il fatto che tu la tagli a pezzi piccoli accelera l' asciugatura del legno , ma non riesci a farlo seccare in un mese . tutta la legna umida provoca condensa e quindi fuligine per cui tieni controllato il tiraggio per non avere problemi .

  • 1 decennio fa

    La conservazione deve avvenire in luoghi riparati e ben aerati, già tagliata opporunamente in pezzi adeguati al focolare che la deve ricevere. Occorre tener presente che anche le dimensioni del taglio hanno la loro importanza a seconda della fase di combustione in cui ci troviamo, del tipo di focolare (stufa, caminetto, caldaia) e della convenienza economica (i pezzi piccoli costano di più di quelli grandi per via del maggior spreco che si genera durante il taglio e del maggior tempo che occorre impiegare).

    La legna si suddivide in legna dolce e legna dura in base al peso in kg di un metro cubo di materiale. La legna dolce che pesa circa 300 - 350 kg/m3 è quella di abete, pino, pioppo, ontano, castagno, salice, mentre la legna forte che pesa circa 350 - 400 kg/m3 è quella di olmo, quercia, leccio, faggio e frassino.

    La legna dolce si accende facilmente, si consuma in fretta e sviluppa una fiamma lunga e la si usa nei forni che richiedono un lungo giro di fiamma. La legna forte invece è più compatta, la combustione è più lenta con fiamme corte, dura di più ed è più adatta al riscaldamento domestico.

  • Lovely
    Lv 6
    1 decennio fa

    si va bene però visto che devi usarla pre una stufa potevi anche comprare legna meno "pregiata", cmq se la fai a tocchetti sì,si asciuga prima.

  • 1 decennio fa

    io credo ke sia uno spreco utilizzare una quercia per fare della legna da ardere... va be cmq si se proprio non sai come utilizzarla tagliala a a piccoli cippi così si asciuga e la puoi ardere

  • 1 decennio fa

    Una volta che la stufa si è infuocata diventa un altoforno e brucia bene anche legna fresca.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.