Il Presidente della Repubblica può sciogliere le camere quando gli pare o solo in caso di crisi di governo?

Potrebbe, solo in teoria s'intende, svegliarsi una mattina e senza motivo particolare sciogliere le camere,a suo giudizio insindacabile. E se sì, potrebbe però subire una condanna a seguito di un impeachment per quest'atto?

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il Presidente della Repubblica può sciogliere le camere in due casi:

    1)Avviene un crisi di governo

    2)E' necessario preservare lo stato liberale. In questo caso in presenza di evidenti indizi che la democrazia, la giustizia, le libertà, la Costituzione o la separazione dei poteri siano a rischio, può decidere autonomamente di sciogliere il parlamento.

    Recita l'art 88 della Costituzione:

    "Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse. Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura."

    Recita l'art 90

    "Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell'esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione. In tali casi è messo in stato di accusa dal Parlamento in seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi membri."

    Sciogliere le camere per motivi che non siano derivati da una crisi di governo ma ad un pericolo per lo stato, non è tradimento nè attentato alla Costituzione...in quanto l'Alto tradimento è la condivisione di informazioni segrete dello Stato con altre potenze o entità nemiche...in quanto l'attentato alla Costituzione è il crimine di chi "commette un fatto diretto a mutare la costituzione dello Stato, o la forma del Governo, con mezzi non consentiti dall'ordinamento costituzionale dello Stato" espresso nell'art 283 del codice penale.

    Non so se esistano leggi che limitino il potere del pdr nello sciogliere i rami del parlamento ma so che dalla lettura della costituzione si evince chiaramente che la cosa si può fare solo per rischio conclamato, non per una mera voglia mattutina.

    Fonte/i: Costituzione, due anni di diritto alle superiori, wikipedia
  • 1 decennio fa

    chi dice che può scioglierle solo in caso di crisi, sbaglia! e sì che hanno pure incollato gli articoli della costituzione!

    la verità è che, in teoria, le può sciogliere quando vuole, tranne appunto che nel semestre cosiddetto "bianco".

    non sta scritto da nessuna parte, ripeto, NON STA SCRITTO DA NESSUNA PARTE che può scioglierle solo in caso di crisi

  • 1 decennio fa

    Soltanto in caso di crisi di governo.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    la costituzione vieta che il presidente possa sciogliere le camere di propria iniziativa. il perno del sistema è il parlamento, è quindi il parlamento ingovernabile che obbliga il presidente a scioglierlo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Solo in caso di crisi di Governo e solo se i tentativi di costituirne un altro vanno male. Non potrebbe mai fare quello da te ipotizzato.

    Se lo facesse , ed in teoria tutto è possibile, verrebbe defenestrato all'istante dal Parlamento.

    Nella nostra Democrazia il Parlamento è Sovrano perché ha il mandato elettorale dal Popolo Sovrano.

    ciao.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.