Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

John
Lv 7
John ha chiesto in Relazioni e famigliaFamiglia · 1 decennio fa

Ma nonno, non ce la faccio più a…sopportarla?

Così mi ha apostrofato ieri in un Centro commerciale, una signora che conosco, alludendo alla suocera. “Attira in casa le sue comari e le porta di sopra a vedere la mia stanza da letto; l’altro ieri mi ha chiuso dentro il gatto, che ha fatto i suoi comodi in camera mia”; a parte che il gatto poteva averlo chiuso dentro ella stessa…mi viene in mente cosa consigliava il mio maestro gesuita, quando qualche ragazza si lamentava della suocera:

“Non hai altra scelta che prendere e considerare la situazione come se assistessi tutti i giorni ad una commedia e per di più gratis; la suocera, mai perdonerà colei che le ha rubato il cuore del figlio”. Chi è del mio parere?

Con simpatia, nonno Eugenio.

Aggiornamento:

Non bisogna però arrendersi, ma consapevoli della situazione, rinunciare ad altri generi di consumi voluttuari a favore di una casa di abitazione staccata dal nucleo d’origine, possibilmente nei pressi di genitori o suoceri, in caso di necessità, per motivi vari.

Cara Elettra, da quanto si sente in giro, dobbiamo convenire con te che sei stato proprio fortunata, vuoi con la suocera che anche col figlio della suocera; evidentemente era stato “allevato” e cresciuto con tutto l’amore e la premura di cui la mamma era capace.

Spiace per “nicky e Ferdinando”; la sorte non li ha proprio favoriti.

Aggiornamento 2:

Cara Mimì, situazioni come quelle che descrivi ne ho sentite una sporta, con i 21 nipoti sposati; io ho avuto la forza e il coraggio di lasciare la famiglia (nonostante ci fossero tanti locali liberi in casa mia) e accasarmi da un’altra parte. Oggi però, tanti giovani non hanno le possibilità di farlo e convivono con i suoceri, fino a che la situazione economica non si fa più rosea; convivenza la quale, come hai ben descritto, in alcuni casi diventa un vero e proprio inferno.

Aggiornamento 3:

@ Papà; beato te, lo puoi gridare dalla gioia.

Aggiornamento 4:

@ paoletta; cara P. concludi con la filosofia “Primum vivere, deinde philosophari”; sono d’accordo anch’io nel fare il possibile di allontanarsi, nei casi in cui la vita assieme alla suocera diventa impossibile; perché a lungo andare, può logorare fino alla rottura, il rapporto della coppia…grazie.

7 risposte

Classificazione
  • Mimì
    Lv 7
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Carissimo Nonno Eugenio,

    ti scrive una persona che ne ha viste e udite delle belle e credi,parola d' onore,tutte purtroppo vere.Premetto per onor del vero,che ho conosciute molte suocere brave e disponibili, a volte più della propria madre.

    Una di queste è stata mia nonna materna,che è vissuta con mio nonno per 45 anni,nella sua stessa casa,con il figlio padre di 5 figli,la nuora e una figlia non sposata.E' stata un' unione riuscitissima,nonna e zia si sono prodigate nella crescita dei nipoti e nelle varie necessità materiali e morali di tutta la famiglia.Tutti per uno e uno per tutti.

    Bisogna precisare però che,essendo una famiglia religiosa, avevano la meta unica di volersi bene.Conoscevano le parole:Perdono,Accoglienza,Venirsi incontro per il Bene di tutti,specialmente dei bambini.Ricordo con commozione la Nonna che imboccava a turno i piccolini,mentre la Zia narrava meravigliose storie inventate o lette dal Corrierino dei piccoli.I nipotini erano felici e svelti a mangiare.Mimì sempre presente durante l' estate,ascoltava e poneva in cuore suo le basi di come trattare con i bambini...Che ricordi meravigliosi !

    Detto questo caro Nonno,ti garantisco che ho visto saltare intere famiglie per colpa della suocera troppo invadente e dal cuore cattivo.E sì,perchè quando pretende di invadere il campo educativo,con la scusa che il suo metodo fatto di mestoli tirati addosso al bambino monello e di morsi al proprio dito per non picchiare il bambino,è migliore. Quando dice ai bambini e i bambini ingenui riportano fedelmente,le mezze frasette che scoraggiano e portano al pianto... Quando di fronte al figlio che forse contesta questo modo di agire e di fronte ai bambini,getta per rabbia una caffettiera per terra,perchè è la prima cosa che ha alla portata di mano e i bambini,che non hanno mai visto scene simili,arrivano a casa stralunati e ti chiedono perchè è successo...allora sei veramente con le spalle al muro.

    La nuora è rimasta incinta dopo pochi mesi dalla nascita della prima bambina.Bene,la suocera ha avuto l' ardire e la faccia tosta di insegnare come si fa per non avere più figli, perchè lei furba,a momento opportuno,dava uno spintone ed era fatta.Credi Santippe che era Santippe,sarebbe arrossita per la vergogna.

    Tutte le domeniche in casa dei suoceri,privati anche di una semplice intimità tra di loro.Ogni vacanza sempre presa a fatica, perchè ha sempre,sempre,avuto di conseguenza un broncio infinito che si dissolveva solo:"Quando lo diceva lei" perchè lei era padrona in casa sua di fare ciò che voleva, anche di sbattere la porta dietro al figlio.Anzi glielo diceva pure:-Vattene,non voglio più vederti,io ho le mie sorelle e i miei fratelli.-E poi? E poi quando sono morti i fratelli e le sorelle lei,non è mai andata al loro funerale,con la scusa che la sua sensibilità avrebbe sofferto troppo.

    Quando il marito è stato male,tanto che gli hanno dovuto tagliare una gamba,lei,la suocera,non è mai e dico mai, andata a visitarlo in ospedale,sempre per la sua solita eccessiva sensibilità.E quando,dopo tanta assistenza del figlio e della nuora è morto poveretto,non voleva andare neppure al funerale,perchè se lo voleva ricordare vivo...e adesso era morto,ma:-L' aveva lasciata bene...-"

    Non c'è da credere,vero Nonno? Nell' ultimo caso però, proprio per la pietà verso un martire morto,la nuora ha alzato la voce e le ha intimato di vestirsi e di andare a vederlo morto,se non aveva vergogna di comportarsi così.Essendo poi la nuora una persona credente,ne ha parlato in confessione e il sacerdote,conoscendo bene i fatti disse:

    -Sono donnacce...rovina famiglie.-" Non ho parole...

    So di suocere che hanno avuto pretese assurde. Addirittura una è andata con loro,perchè desiderava conoscere la città,in viaggio di nozze,in un'altra camera però, almeno quello.Un' altra pretendeva dal figlio quando andava fuori casa per lavoro,lo stesso regalo che portava alla moglie, perchè lei lo aveva fatto e ne aveva più diritto.

    Ero bambina e conoscevamo degli amici che avevano la mamma di lui tutta pepe.Erano tre figli e non la sopportavano nessuno tanta era l' invadenza prepotente.Quando è morta, noi abbiamo fatto le nostre condoglianze,ma la nuora disse seria:-Grazie per la vostra gentilezza,ma per la verità non è dispiaciuto a nessuno,neppure ai figli.-

    Certo per una persona con sani principi è difficile credere, ma è la pura sacra e santa Verità,spesso queste persone egoiste sono in grado di sfasciare la famiglia se trovano persone deboli che non sanno che pesci prendere.E invece no:-"I figli lasceranno la madre e il padre e formeranno la loro famiglia e saranno una carne sola.-"Alla nuova famiglia collaborazione reciproca sì,sempre con tanto piacere,ma grande,grande rispetto,sempre,sempre: -Nessuno divida ciò che Dio ha unito....-

    C' è da riflettere Nonno c'è troppa sofferenza gratuita e poi ad un figlio...Grazie per la domanda.Buon pomeriggio a tutti. Mimì

    Cara Elettra,sono felice per te.La Provvidenza aiuta sempre. Anche queste persone protagoniste di tanta sofferenza subita,sono poi andate a finire bene e sono riusciti con le loro spose e con i loro sposi ad educare ottimi figlioli

    Purtroppo sono drammi interni che ti segnano e solo il conforto della fede riesce a lenire.Voglio però precisare che non erano e non sono state fuori di testa,si badi,ma lucide egoiste e cattive nel cuore.

    Molti figlioli,già quando studiavano,per il clima instaurato in famiglia e allora la nuora non c'era,non vedevano l' ora di finire gli studi per defilarsi.I mariti erano bravi ma succubi e non sapevano imporsi.Queste avevano fratelli e sorelle nella stessa città e non si parlavano tra di loro... Pensa tu.

    Tutta verità purtroppo,credi,bisogna solo pregare affinchè non capitino tra i piedi,ma esistono e fanno molto soffrire. Come,ripeto,esistono suocere meravigliose,affettuose che si sacrificano per i figli e per i nipotini s' intende e ci mancherebbe altro. Un caro abbraccio Mimì

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La suocera si deve fare i cazzettini suoi e deve trattare bene la nuora / il genero.

    Lo stesso ovviamente vale per il suocero.

  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa

    sono del tuo parere!

    sono del tuo parere

    e ancora sono del tuo parere!

    mai toccare la suocera

    e se poi il prediletto figlio lo rapisci e lo porti lontano dalle sue alucce

    devi ringraziare Dio se ancora non ti ha sbranata

    Ps.: io non ho niente contro mia suocera. andiamo anche d'accordo, ci rispettiamo

    ma mi muovo come fossi in un campo minato... per prudenza... non si sa mai

  • 1 decennio fa

    Caro nonno Eugenio,io ti stupirò con una suocera che non ha niente a che fare,con il solito modello di cui si sente tanto parlare.....

    Lei ha sostituito per tanti versi mia mamma,e tu sai benissimo il perché...non voglio rimettere a luce una storia veramente triste.

    Quando stavo molto male,lei mi ha accolta nella sua casa (ero fidanzata a quei tempi)..tornavo nella casa dei miei genitori solo per dormire.

    Non ti dico che mi ha trattato come una figlia,ma forse anche di più.

    Con lei ho potuto sfogare il mio dolore,quello di non poter godere dell' amore di mamma,e lei ha pianto tante volte insieme a me,facendomi capire che potevo contare su di lei,

    Io e suo figlio dopo 3 anni di fidanzamento ci siamo sposati,e per un anno abbiamo vissuto assieme,dandoci con il suo aiuto l' opportunità di comprarci anche noi un piccolo nido.

    Poi è nata Elettra,per un anno,visto che io lavoravo quasi tutto il giorno,lei ha badato a mia figlia,privandosi di tante cose,persino fare delle visite mediche...

    Non voglio dilungarmi tanto,ma io a questa donna le farei un monumento,e a distanza di anni,mi sento sempre in debito per ciò che ha fatto per me e la mia nuova e splendida famiglia.

    Un caro saluto a tutti

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    a volte non è la veste di suocera/o che comporta certi atteggiamenti, ma proprio la negativa possessività e la malignità delle persone.

    perché in certi casi sono talmente certe che potranno manovrare tutti sempre come dei bambini che al primo allarme di rappresaglia vanno subito a cercare chi può averla causata, perché il loro meraviglioso figliolo "da solo, non l'avrebbe mai fatto!"....

    cui seguono le solite, famose frasi: "... si fa mettere i piedi in testa, non è più lui..."

    invece magari quel figliolo si è solo stufato di sopportare...

    che dire, mio caro nonno, anche in una catapecchia, dove piove e fischia il vento, anche a pane ed acqua, quando arriva il momento è meglio uscire da casa per condurre la propria vita.

    quando i vasi sono riposti troppo vicini, è prima o poi inevitabile che coccino uno con l'altro...

  • Devo Ritenermi Fortunato ho avuto non una Suocera,Purtroppo adesso non c'è più, ma una Seconda Mamma.

    Ciao Nonno Eugenio

  • 1 decennio fa

    Bellissima frase :)

    Però secondo me c'è anche la possibilità che la suocera tratti bene la nuora, magari se anche a lei piace come persona e così non la vede più come una "ladra", ma come una persona con cui condividere l'affetto per il figlio/marito.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.