promotion image of download ymail app
Promoted
Matias
Lv 4
Matias ha chiesto in Arte e culturaStoria · 1 decennio fa

Ragazzi vi prego è per domani una ricerca di storia sull'Egitto del nord e l'Egitto del sud aiutooo!!?

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    ciao, io ti vorrei aiutare ma la storia dell'antico Egitto è troppo lunga, se mi dici bene di cosa hai bisogno ti aiuto volentieri!

    -----

    Le prime testimonianze di una presenza umana nella valle del Nilo risalgono agli inizi del Paleolitico e sono costituite da utensili in pietra. E tuttavia impossibile rilevare nell'Egitto di allora caratteristiche proprie di un'area culturale. Tratti significativi in questo senso emersero infatti solo a partire dal Paleolitico superiore, tra il 25.000 e il 10.000 a.C., quando un periodo di estrema siccità attirò nella valle i primi gruppi di cacciatori e raccoglitori, provenienti dalle savane del Sahara. Anche se il Nilo era ancora un fiume dal corso povero e con portata solo stagionale, la valle offrì loro i mezzi per la sopravvivenza. Il ritrovamento di utensili in pietra e di resti alimentari attesta che numerosi piccoli gruppi si adattarono allora alle particolari condizioni di vita offerte da quelle zone. Anziché attraversare vaste regioni, questi primi abitanti si spostavano tra diversi insediamenti stagionali situati a distanze relativamente ridotte, sfruttando le risorse naturali offerte dall'ambiente nelle diverse stagioni dell'anno. Accanto alla caccia e alla raccolta dei prodotti naturali, nell'economia di tali gruppi giocava un ruolo chiave anche la pesca.

    Sviluppi di ampia portata emersero proprio all'interno di questo contesto. Gli utensili ritrovati, in maggioranza piccole lame e schegge geometriche, non sembrano a un primo sguardo particolarmente significativi. In realtà, essi venivano utilizzati come lame per utensili compositi, come coltelli, frecce, giavellotti, ami e arpioni; testimoniano quindi un elevato grado di sviluppo tecnico. Dai resti alimentari si evince peraltro che già allora si usava essiccare e conservare i cibi — probabilmente pesce — per superare i mesi in cui le derrate erano più scarse. Era stato compiuto il primo passo verso un'economia di previdenza e di immagazzinamento delle eccedenze. Il numero crescente dei ritrovamenti, a mano a mano che si procede nel Paleolitico, testimonia infine che le condizioni di vita semisedentarie favorirono un incremento demografico.

    A partire dal 10.000 a.C., un radicale cambiamento climatico provocò un forte aumento dell'umidità nella valle del Nilo, causando piene e inondazioni abbondantissime. Grazie all'accentuarsi delle precipitazioni, la variazione del clima rese nuovamente abitabili le zone desertiche, trasformando le savane in aree ricche di oasi e di acque. Il Sahara si ripopolò e nell'VIII e VII millennio a.C. divennero visibili profonde trasformazioni. Con la ceramica e le affilate asce di pietra emersero le caratteristiche tecnologiche proprie del Neolitico. Secondo uno stile di vita ancora semisedentario, questi primi gruppi di uomini erano cacciatori e praticavano la raccolta di semi di graminacee; tuttavia sembra che usassero anche addomesticare i bovini. Nel corso dell'VIII millennio a.C., il Vicino Oriente, il Levante e la Palestina furono invece teatro dei primi insediamenti stanziali, dei prodromi dell'agricoltura e dell'allevamento di pecore e capre. Emersero e interagirono, in tutta la zona nordafricana e preasiatica, quelle prerogative tecniche, sociali ed economiche che, nel loro insieme, caratterizzano una nuova fase della storia dell'umanità.

    Inizialmente la valle del Nilo non parve giocare alcun ruolo in tale sviluppo. Le testimonianze archeologiche sono rare. Con ogni probabilità il susseguirsi delle piene del Nilo ha sistematicamente distrutto interi strati archeologici. I ritrovamenti di El Kab, nel Faiyum o presso Heluan mostrano però che fino al VI millennio a.C. in Egitto persistettero stili di vita elaborati nel Paleolitico superiore e adattatisi al contesto nilotico. L'insolita ricchezza di quelle aree permise infatti agli uomini di sopravvivere in modo primitivo. Ma queste condizioni furono sconvolte quando, nel VII e VI millennio a.C., una nuova ondata di siccità spinse gli abitanti delle terre limitrofe verso la valle del Nilo; ed è intorno alla fine del VI e nel V millennio a.C. che comparvero in Egitto le prime culture neolitiche. Lo stato attuale dei ritrovamenti non consente ancora di comprendere appieno il processo di fusione tra le tradizioni epipaleolitiche della valle del Nilo e le prime culture neolitiche che vi immigrarono. Tuttavia, i caratteri inizialmente così eterogenei del Neolitico egizio si spiegano solo se si ipotizza un processo di questo tipo.

    Un successivo fenomeno di desertificazione, che portò l'Egitto alle attuali condizioni climatiche intorno alla metà del III millennio a.C., fece della valle del Nilo uno spazio vitale abitabile, racchiuso entro precisi confini. Emerse così, attraverso un processo di colonizzazioni interne e grazie alla fusione di diversi fattori culturali, un'area culturale autonoma, "egizia" in senso proprio. Anche se sorta successivamente alle culture delle zone confinanti, essa conobbe uno sviluppo talmente intenso che tra il IV e il III millennio a.C. condusse alla formazione dello stato faraonico e della civiltà egizia.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.