Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

perché ho lanciato quella scarpa, il giornalista parla,lo avete letto?

“Non sono un eroe. Ho solo agito come un iracheno che ha visto il dolore e il massacro di troppi innocenti”.

Io sono libero. Ma il mio paese è ancora un prigioniero di guerra. Si è parlato molto di cosa ho fatto e di chi sono io, se si sia trattato di un atto eroico e se io sia un eroe, come per rendere quell’atto un simbolo. Ma la mia risposta è semplice: ciò che mi ha spinto a quel gesto è l’ingiustizia che si è abbattuta sul mio popolo, nonché il modo in cui l’occupazione ha umiliato la mia patria schiacciandola sotto il suo stivale.

Durante gli ultimi anni, più di un milione di martiri sono caduti sotto i proiettili dell’occupazione, ed oggi l’Iraq conta più di 5 milioni di orfani, un milione di vedove e centinaia di migliaia di mutilati. Molti milioni sono senza tetto, sia dentro che fuori dall’Iraq.

Noi eravamo una nazione nella quale l’arabo divideva il pane con il turcomanno, il curdo, l’assiro, il sabeano e lo yazid. Gli sciiti pregavano assieme ai sunniti. I musulmani festeggiavano assieme ai cristiani la nascita di Cristo. E ciò nonostante il fatto che condividessimo la fame, essendo sotto sanzioni per più di un decennio.

La nostra pazienza e solidarietà non ci ha fatto dimenticare l’oppressione. L’invasione, tuttavia, ha diviso anche i fratelli e i vicini di casa. Ha trasformato le nostre case in camere da funerale.

Non sono un eroe. Ma ho un punto di vista. Ho una posizione precisa. Mi ha umiliato vedere il mio paese umiliato; e vedere la mia Baghdad bruciare, la mia gente morire. Migliaia di immagini tragiche rimangono nella mia testa, spingendomi sul cammino del conflitto. Lo scandalo di Abu Ghraib. Il massacro di Falluja, Najaf, Haditha, Sadr City, Bassora, Diyala, Mosul, Tal Afar, ed ogni angolo di territorio martoriato. Ho viaggiato attraverso il mio paese in fiamme e ho visto con i miei stessi occhi il dolore delle vittime, ho sentito con le mie stesse orecchie le grida degli orfani e le vedove. Una sensazione di vergogna mi ha perseguitato come una maledizione, perché ero impotente di fronte a tutto ciò.

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Nn avrà avuto una buona mira ma avrà sicuramente avuto un buon coraggio:ha fatto praticamente il gesto ke tutti gli arabi avrebbero voluto fare...

    E aveva, oltre ke a un buon coraggio, anke una buona ragione x farlo: il suo popolo oppresso nn da poco tempo dall' America...

    adesso mi kiedo cosa sta facendo ancora l' Americalì dato ke hanno ucciso ki volevano e x il quale hanno iniziatoppressionee l'oppressioneAltro ke Saddam, loro vogliono solo il petrolio...

    Comunque poi quel giornalista lo hanno torturato ben bene, si sono preoccupati a colpire ogni parte del suo corpo e poi lo hanno mandato in prigione

    Questa sarebbe ll' Americademocratica ke rispetta i diritti di ogni uomo...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • pawaqa
    Lv 6
    1 decennio fa

    Quando ho visto la prima volta il filmato alla tele la mia prima reazione e' stata "Cavolo ma perche' l'ha mancato???"...la seconda e' stata "Certo che ha avuto un bel coraggio!!!"...

    Non sara' un eroe ma e' senz'altro una persona coraggiosa...Grazie per aver posto l'intervista...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    @No Cross Ban: A me non pare affatto che si sia detto che Saddam era un angelo, gli iracheni si sono liberati di un peso vero e proprio!

    Tornando a noi, davvero corraggioso da parte sua, ma dico perchè non l'ha beccato? Mannaggia a lui mannaggia!

    Il troppo dopo un po' stroppia!!! :)

    @ciao a tutti: Gran bella risposta!! ;)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Bush meritava di tutto....

    Però Saddam non si meritava niente?

    Ma quello che fanno gli iracheni filo-alqaeda nessuno lo vede?

    Vorrei che qcuno mi spiegasse perché le violenze di guerra occidentali tutte le accusano giustamente e si bofonchia rispetto alle teste mozzate,, quasi fosse una forma di violenza giustificabile.

    Un musulmano può dire la verità ad un altro musulmano, che cioè è un assassino, mette le bombe uccidendo altri musulmani o il Corano lo vieta?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    E Bush chi lo manovrava? I centri studi (think tank) neocon come l'American Enterprise Institute o il Project for the new American Century...i quali da chi dipendono? Parole al vento; non sapete nemmeno di cosa sto parlando.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.