Quanto è davvero utile corazzare il cuore?

Vorrei che il mio cuore avesse un’armatura.

Lastre di ferro che parino i colpi.

Maglie metalliche che scoraggino i dardi.

Punte aguzze per ferire chi tenta di afferrarlo.

Fasce a cerniera che lo tengano insieme.

Bulloni stretti a morte che racchiudano tutto dentro.

Il paradosso è che spesso dell’armatura avverto il peso….ma mai il potere schermante.

Aggiornamento:

Rain, grazie del conforto, tu sì che sei un'amica..... ^__^

Mi sa che mi tocca toglierti i gradi di Cricket..... ;))))

Aggiornamento 2:

Nuanda......l'uovo di Colombo! :)))

25 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Quanto lo fu per i Cinesi la Grande Muraglia, per i Russi il muro di Berlino, per i Francesi la linea Maginot, per gli Italiani le grandi navi corazzate nella seconda guerra mondiale finite affondate nei porti ancor prima di sparare una cannnata. In tutti i muri e le corazze prima o poi si aprono brecce da cui entrano i barbari, tutte le difese del cuore prima o poi vengono aggirate. Tutti i muri e le corazze finiscono per soffocare ciò che vorrebbero proteggere se non si riesce a liberarsene prima che sia troppo tardi, prima di ritrovarsi in una fortezza vuota.

  • 1 decennio fa

    La corazza e il cannone, il problema irrisolto della tecnica navale da guerra: io metto su una corazza imperforabile almeno finché tu non metti insieme un cannone più potente. E così via, anzi più appropriatamente alla via così. Poi le corazze pesano, come giustamente dici.

    Uscendo - con rammarico - dal tema navale credo che il paragone possa reggere anche in termini sentimentali, nel senso che una corazza in definitiva serve a poco... e poi chiude anche la porta alle attenzioni di cui i cuori hanno molto bisogno per essere sani e felici (a differenza di una nave da battaglia).

    La cosa migliore da fare per preservare il delicato organo è di sviluppare le doti necessarie per ottenere una cicatrizzazione rapida, come l'amore e il rispetto per se stessi che si ottiene più facilmente dopo aver fatto pratica con gli altri.

    Oppure - e qui si torna al tema navale - dotarsi di un motore in grado di farci muovere più speditamente per sottrarci al fuoco nemico.

  • Manwë
    Lv 6
    1 decennio fa

    A cosa serve un' armatura se basta un battito d'ali del nostro cuore per mandarla in frantumi?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ma davvero vorresti essere totalmente corazzata?

    L'armatura, ammesso funzioni, protegge dal dolore ma anche dalla gioia.

    In qualche momento può essere utile ma la maggior parte del tempo, come dici tu, è solo un peso, un peso che rischia di privarti di tutte le cose belle della vita.

    E la tua domanda mi ricorda una canzone:

    "I am shielded in my armor,

    Hiding in my room, safe within my womb.

    I touch no one and no one touches me.

    I am a rock,

    I am an island"

    Simon & Garfunkel - I am a rock

    http://www.youtube.com/watch?v=kPioSdlIERg

    Youtube thumbnail

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Credevo che oltre ad essere utile fosse anche indispensabile. Ora so che non serve assolutamente a niente.

    Per quanto forte e sicure possano essere le nostre difese, c'è sempre qualcuno in grado di abbatterle. Sono convinta che l'armatura serva solo a farci sentire più forti ma è, appunto, una percezione. Non serve ad evitare i colpi, e ce ne accorgiamo quando questi arrivano.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    No cara mia, proprio non credo che davvero questo vuoi per il tuo cuore, forse è un tuo pensiero impulsivo dettato da una recente e cocente ferita ma considera che se provi ad imprigionarlo, prima o poi ci puoi persino riuscire e, se lo rinchiudi, se da una parte ti tuteli da tutti i colpi bassi, dai dardi, dalle frecce, dalle pugnalate, per il rovescio della medaglia, riuscirai ad evitare anche tutte quelle emozioni che riempiono di sole il tuo viso ... vuoi ancora rinchiuderlo ?

    Il peso che avverti è delle esperienze negative ma considera che il tuo cuore è una bilancia, senza dubbio sull'altro piatto vi sono esperienze positive che tendi a dimenticare, anche loro hanno il loro peso e, se c'è un disavanzo a favore delle negative, non perdere la speranza ... al mercato della vita siamo tutti uguali e non valgono trucchi ne inganni, se sei in credito di positività ... aspettale col cuore libero e sereno ... arriveranno ... ciao e bella vita ;-)))

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Guarda....quando il mio cuore la corazza se la era fatta, ben salda e temprata all' amianto, me l' hanno smontata pezzo dopo pezzo..quindi..no direi che proprio non serve.

    @Maori...mi sa di si;-)

    Fonte/i: Bacio!
  • 1 decennio fa

    io invece sento anche il suo potere schermante, e la freddezza di cui è fatta! Il problema è che spesso non ho idea di come toglierla, metterla è stato così facile ...

  • 1 decennio fa

    Puoi metterci ogni protezione di sorta ma proteggere il cuore... proprio non si può!

    Puoi dirti che sei gelido, incallito, robusto, insensibile, codardo, apatico, inflessibile, impegnato, stupido, ribelle, frettoloso, fuggitivo, impermeabile, stoico, pragmatico, folle, sprezzante, altero, vanitoso e pure egoista, arrogante, calcolatore, vecchio, bambino o quasi morto...che c'è sempre quell'unica via d'ingresso e d'uscita che frega: il respiro!! Non si può schermare il cuore dall'ossigeno...e prima o poi una boccata terrificante o paradisiaca arriva sempre a destinazione.

    Un sorriso

    Av

  • 1 decennio fa

    Infatti ho capito che è più il peso ad essere intollerabile che non la sua assenza. Certo si è più sguarniti ma si vive ciò che ci capita... senza filtri... e se poi il cuore ci fa male almeno non sarà perchè lo abbiamo aridamente segregato.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.