Cosa rappresentano le correnti di in e out scritte sui trasformatori di tensione?

Cioè prendiamo ad es. il trasformatore che ho qui davanti:

INPUT: 230V 50Hz 45mA

OUTPUT: 7,5V 300mA 2.25VA

Cosa rappresentano 45mA e 300mA ?

La corrente effettiva che circola in ingresso al trasformatore e la corrente massima che circola in uscita al trasformatre se fosse colelgato ad un carico di resistenza nulla (corrente di corto circuito)?

Altra domanda (collegata):

Ho un lettore dvd portatile alimentabile con un trasformatore di tensione a 9V, (il trasformatore originale l' ho perso), come scritto sul dispositivo.

Voglio quindi comprare il trasformatore di tensione da 230V 50Hz a 9V.

Quali valori delle correnti in e out devo scegliere, quando lo compro???

Aggiornamento:

per ALBY:

ti ringrazio. LE risposte di alcuni ragazzi erano veramente oscene e hai fatto bene a sottolinearlo. Onestamente mi scocciavo di citarle una per una. Mi fa piacere che tu ne abbia avuto la forza.

Aggiornamento 2:

C'è scritto sotto al lettore dvd

DC IN 9V 2.2A.

Quindi, se ho ben capito, comprerò un alimentatore ac-dc da

IN : 220V 50Hz xxxmA

OUT: 9V 2,2A(o più)

dove, se ho ben capito, gli xxxmA assorbiti in ingresso non sono importanti, se non al max per valutare quanta potenza dissipa sto alimentatore (facendo un confronto fra VA in ingresso e in uscita).

VERO?

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    da ingegnere elettrico rispondo solo una cosa:

    OH MADONNA!!!

    "...la corrente della rete nazionale viene trasformata in corrente con caratteristiche appunto della corrente in output..." bella frase complimenti!!! e soprattutto uso corretto delle unità di misura!!.

    "V significa volt ed è la tensione della corrente...." Sicuro di non fare un po' di confusione (tensione della corrente)???

    "...quella che c'è dentro la spina nel muro di casa." Solitamente si chiamano prese, comunque va bene dai, è la stessa cosa!!!

    "...7,5 è la tensione della corrente che esce dal trasformatore." Ma la tensione o la corrente?? Non sono propriamente la stessa cosa!!!

    "...VA e il voltampere che è la potenza apparente, un concetto un pò astruso da spiegare ma non ti serve in questo caso...." Sei sicuro che il concetto sia astruso da spiegare???

    "...Si è la corrente non effettiva, ma quella per il quale è dimensionato il trasformatore in entrata e quella effettiva in uscita...." Concetto un po' strano!!! anche mettendoci tutta la buona volontà non riesco a capirlo!!! Non effettiva in ingresso ed effettiva in uscita!!! mi sembra strana sta cosa, ma forse sono io che sbaglio!

    "...-Per il trasformatore nuovo devi informarti (probabilmente c'è scritto sul fondo del lettore o sul libretto di istruzioni) quali sono i paramentri in uscita, quelli in entrata sono sempre uguali. Dunque V (volt), mA(milliampere), W (watt). ..." I parametri di entrata uguali a cosa scusa?

    "...la corrente massima ke può circolare (quindi in corto circuito)...." Sicuro?? Secondo me hai fatto un po' di confusione.

    Comunque... veniamo alla risposta facendo alcune precisazioni:

    quello che tu chiami "trasformatori di tensione" si chiama "alimentatore". Non confonderlo per nessun motivo con un trasformatore puro!!! il primo (quello del tuo caso per intenderci) lo colleghi ad una fonte d'alimentazione in corrente alternata e ti restituisce una corrente continua (stabilizzata o meno).

    Il secondo lo colleghi ad una fonte d'alimentazione in corrente alternata e ti restituisce SEMPRE corrente alternata.

    I parametri di input sono quelli che descrivono quale deve essere il valore di tensione della rete (230 V nel tuo caso) alla quale collegare il tuo alimentatore; il secondo ti dice che frequenza deve avere questa rete (50 Hz) mentre il terzo dice quanto assorbe il tuo alimentatore (45 mA) dalla rete, quando sulla sua uscita è collegato il carico nominale, che nel tuo caso è 300 mA.

    i parametri di output ti dicono semplicemente che:

    la tensione d'uscita è 7,5V = (il simbolo uguale significa appunto "in corrente continua", nota che potrebbe esserci un simbolo leggermente diverso dal simbolo = che non riesco a riprodurti qui)

    la corrente massima prelevabile ininterrottamente è 300mA (detta anche corrente nominale)

    2.25 W (hanno sbagliato a scrivere VA, e non centra nulla in questo contesto il VA) è semplicemente 0.3 * 7.5.

    per quanto riguarda il lettore DVD ti basta comprare un alimentatore (meglio se di tipo stabilizzato) da 9 V con corrente di almeno (vedi consumo lettore DVD sulle istruzioni) A. E' evidente che il tuo alimentatore per il lettore DVD avrà dunque sempre 230 (da 220 a 240) V 50Hz come parametri di ingresso visto che questi parametri sono standardizzati. Quella che cambia è la corrente assorbita dalla rete che sarà sicuramente maggiore di 45mA, (presumo).

    se hai bisogno di chiarimenti sono qua.

    Ciao a tutti e buon proseguimento.

    Chiarimenti:

    "C'è scritto sotto al lettore dvd DC IN 9V 2.2A."

    Ok, significa che il lettore assorbe al massimo 2,2 A continui durante il normale funzionamento (9*2,2=19,8W). E' sufficiente un alimentatore stabilizzato con tensione di uscita a 9V - 2,5A (però non sono sicuro che ci sia in commercio da 2,5 A comunque anche da 3/4/5 A va bene). Ovviamente più ampere hai a disposizione e più ti costa!!!

    "Quindi, se ho ben capito, comprerò un alimentatore ac-dc da

    IN : 220V 50Hz xxxmA

    OUT: 9V 2,2A(o più)"

    Esatto, (230V però, il 220 volt è stato portato a 230V) però quando vai a comprarlo è sufficiente specificare i parametri di OUT, in quanto quelli di IN li calcola il costruttore dell'alimentatore e non tu (ed ovviamente è dato per scontato che lo collegherai ad una presa elettrica di casa quindi con tensione 230V 50Hz). Poi la corrente di IN non sei tu a stabilirla, in quanto dipende dalla tipologia costruttiva dell'alimentatore. Gli alimentatori switching presentano, a parità di potenza in uscita, correnti di ingresso minori rispetto ai classici alimentatori lineari. Quindi prendilo switching, costa di più ma ha un rendimento maggiore e scalda di meno.

    "dove, se ho ben capito, gli xxxmA assorbiti in ingresso non sono importanti, se non al max per valutare quanta potenza dissipa sto alimentatore (facendo un confronto fra VA in ingresso e in uscita). VERO?"

    La corrente di ingresso è importante si, con essa è possibile valutare con dei semplici calcoli quanto consuma il tuo alimentatore valutando rendimento, autoconsumi etc etc. Considerando però che tu devi semplicemente usarlo per alimentare un lettore DVD direi che la cosa non ha rilevanza alcuna.

    ciao

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Concordo al massimo con Alby! avete fatto tutti una bella confusione mischiando parametri come tensioni correnti potenze attive apparenti eccetera.

    Tornando alla domanda i parametri di input sono riferiti al primario del trasformatore e comprendono:

    Tensione ,frequenza e corrente assorbita al primario.

    I parametri di output sono quindi riferiti al secondario che prelevando una tensione minore permette l' assorbimento di una maggiore corrente poiché il trasformatore è una macchina elettrica che mantiene la potenza costante e varia tensione e corrente per questo si ha sempre che dal lato a tensione più alta si avrà una corrente minore mentre dal lato a tensione più bassa si avrà una corrente maggiore .

    Per quanto riguarda il lettore dvd devi prima di tutto vedere che corrente assorbe (lo deduci dalla potenza diviso la tensione di alimentazione del lettore) e poi una volta che sai la tensione puoi andare a scegliere il trasformatore più adatto; attento però guarda bene che a valle del trasformatore non ci voglia anche un raddrizzatore!!!!

    P.s ribadisco ancora che dovete essere più precisi e soprattutto non mi confondete tensione con corrente che sono due cose DIVERSEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!

    Grazie e ciao a tutti !

    Fonte/i: Elettrotecnica
  • 1 decennio fa

    Allora... alla prima domanda ci sei arrivato da solo, quei valori sono la massima corrente assorbita dal trasformatore e la massima corrente che puoi spillare dal lato a bassa tensione (output).

    Il valore della corrente assorbita dovrebbe essere scritto sul dispositivo oppure nel suo manuale di istruzioni, di solito nelle ultime pagine.

    Sennò ti consiglio un alimentatore almeno da 500mA, se non di più, io non so quanto assorbe un lettore DVD portatile. Se mi dici modello e marca posso fare una ricerca e darti dei valori precisi.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    sara piu che sufficiente un alimentatore che ti dia in uscita una tensione di 9V come corrente 1ampere va bene... puoi acquistare un alimentatore quello dei cinesi con 7 euro lo trovi

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Come ti hanno già risposto, in Imput hai le tensioni e frequanze in ingresso ( al primario) e la corrente massima ke può circolare (quindi in corto circuito). In Output ti da la tensione la corrente e la Potenza ke "esce" dal Secondario...insomma quello ke otterresti con le tensioni, frequenze e corrente massima scritte in Input.

    Per quanto riguarda il dvd sicuramente devi prendere uno uguale a 9V o uno cn tensione + bassa, am non + alta xkè si avrebbè + corrente di quella ke il dispositivo sopporterebbe e il dispositivo diminuirebbe in maniera vertiginosa la sua durata di vita!!

    Buona serata...stefi XD

  • 1 decennio fa

    Input significa in entrata e i dati che seguono sono le caratteristiche che deve avere la corrente in entrata, output in uscita, cioè la corrente della rete nazionale viene trasformata in corrente con caratteristiche appunto della corrente in output.

    V significa volt ed è la tensione della corrente. 230 v è la tensione della corrente nazionale, quella che c'è dentro la spina nel muro di casa. 7,5 è la tensione della corrente che esce dal trasformatore.

    Hz sono gli hertz. La corrente che esce dalla presa di casa è di tipo alternata (AC), cioè ha il polo positivo e negativo che si invertono ad una frequenza molto veloce di 50 Hz cioè 50 volte al secondo.

    mA sono milli ampere, cioè la millesima parte di un ampere che è l'unità di misura della corrente, cioè della quantità di corrente che passa attraverso il filo. In questo caso 45 in entrata e 300 in uscita.

    VA e il voltampere che è la potenza apparente, un concetto un pò astruso da spiegare ma non ti serve in questo caso.

    Cosa rappresentano 45mA e 300mA ?

    -Si è la corrente non effettiva, ma quella per il quale è dimensionato il trasformatore in entrata e quella effettiva in uscita.

    -Per il trasformatore nuovo devi informarti (probabilmente c'è scritto sul fondo del lettore o sul libretto di istruzioni) quali sono i paramentri in uscita, quelli in entrata sono sempre uguali. Dunque V (volt), mA(milliampere), W (watt).

    Poi devi assicurarti che lo spinotto vada bene e che la polarità dello spinotto sia uguale all'originale.

    Di solito lo spinotto è un piccolo cilindro bucato, chiedi dove lo compri se la polarità è uguale.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.