Annalisa ha chiesto in SaluteAssistenza sanitariaFerite · 1 decennio fa

Frattura tibia e perone? Entrate??!!!?

Lunedì, a causa di un contrasto durante una partita di calcetto, il mio fidanzato si è fratturato la tibia e il perone. Attualmente ha quella specie di "impalcatura" esterna (non so come si chiama ) che oltre a fare un male assurdo fa anche senso...

A qualcuno di voi è mai successo di rompersi queste ossa? Quale sarà il decorso? Quali sono i tempi di recupero, non per tornare a giocare a calcetto ma per camminare in autonomia? E quando gli toglieranno quella specie di ingessatura esterna?

Grazie in anticipo.

Aggiornamento:

Al momento non ha il gesso. Ha una struttura esterna metallica. A questo proposito vorrei sapere più o meno quando sarà possibile toglierla?

Aggiornamento 2:

Sam, grazie per i consigli. Probabilmente non mi sono spiegata bene. Lui è già stato operato è gli è già stato applicato il fissatore esterno. Da questo volevo sapere quando sarà possibile rimuoverlo...

5 risposte

Classificazione
  • Dexter
    Lv 6
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    dipende. io mi sono operato al piatto tibiale e al ginocchio a settembre,mi hanno messo una placca e delle viti. poi in ospedale mi hanno consigliato malissimo e calcola che sto cominciando ora a sbloccare il ginocchio che fino a qualche giorno fa fletteva solo a 15 gradi. a me hanno prescritto solo il tutore. ora mi aspettano 6 mesi di fisioterapia, ma calcola che la mia frattura era una delle peggiori, scomposta..

    dipende dal danno che ha subìto, cmq la fase più importante è quella della fisioterapia. solo se si impegna al massimo potrà recuperare in fretta

  • 1 decennio fa

    probabilmente gli hanno messo il fissatore esterno di hoffman,la qualità della riduzione assume un ruolo estermamente importante,in quanto ogni alterazione dell'asse può comportare la presenza di difetti della statica del piede.Credo che inizierà anche presto la rieducazione a letto (attenzione alla rotazione della gamba)con mobilizzazione attiva delle dita dei piedi e dell'anca.Dopo circa 8-10 giorni potrà mettersi in piedi ma senza caricare e provare a fare esercizi di equilibrio sulla gamba sana.Il carico totale o parziale varia a seconda del tipo di frattura,dell'evoluzione radiologica e della stabilità dell'intervento in generale e se procede tutto bene forse esso verrà concesso dopo almeno un mese.Mentre il fissatore dovrà portarlo ancora per altri mesi ancora, ma questo da lontano non posso dirtelo con certezza.

    Ciao e un grosso in bocca al lupo.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Per i tempi del fissatore esterno, dipende dal decorso della frattura. Quando fara' le radiografie di controllo, i medici potranno dirti qualcosa in piu'.

  • Akhrod
    Lv 4
    1 decennio fa

    Stessa frattura: tibia e perone della gamba destra, scomposta. Il mio decorso è stato di tre mesi, ma solo perché dopo la trazione mi hanno fatto un'ingessatura orribile e dopo qualche giorno hanno dovuto ri-rompermi la gamba e rifarla (per poi rifarla una terza volta perché mi avevano bloccato la circolazione ed avevo le dita del piede nere). Alla fine dei tre mesi e tanto prurito (avevo l'ingessatura fino all'inguine) ho fatto poco tempo di riabilitazione e sono potuto tornare a fare sport tranquillamente. Facevo judo, non calcetto. Ho avuto all'inizio qualche problema al ginocchio e la gamba era orribile da vedere (pelosissima e piena di pelle morta), ma dopo poco tutto era come prima. Quindi non ti preoccupare, nel giro di qualche mese torna a nuovo, nel frattempo divertiti a fargli dei disegni sul gesso, quando glielo metteranno. Poi magari gli mettono la placca di metallo e guarisce ancora prima.

    --

    Il fissatore esterno è al posto del gesso. E' brutto da vedere ma la gamba poi non ti rimane uno schifo, a parte qualche piccola cicatrice al posto dei buchi. Va tenuto fino a quando non si saldano le ossa, quindi almeno un paio di mesi, per poi passare al gesso. Se non vogliono mettergli il gesso dovrà tenerlo di più.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    l'impalcatura si chiama ZUPPINGHER e attraverso dei pesi tiene in trazione la gamba fratturata, senza quello il tuo ragazzo avrebbe ancora più male! Serve per ridurre la frattura, o meglio allineare di nuovo le due ossa rotte e in seguito, molto probabilmente sarà operato.

    Dopo l'operazione, probabilmente, gli metteranno un fissatore esterno, che farà molto meno senso! (cerca con google fissatore esterno così vedi che cos'è!)

    Per il post sarà abbastanza dura visto la frattura di tibia e perone, sicuramente dovrà sottoporti a svariate sedute di fisioterapia e dopo tanta fatica, utilizzo di stampelle tornerà come nuovo!

    I tempi sono lunghetti xkè dipende tutto anche da come si pone lui rispetto a questo problema. Se è motivato farà molto prima rispetto al contrario. Posso azzardarti a dire circa un sei mesi-un anno per vederlo di nuovo sui campi da calcetto!

    CONSIGLIO INFERMIERISTICO: Non lasciarlo solo, sii disponibile e comprensiva nei suoi confronti.

    Non ti offendere, se chiede di stare da solo o altro!!! Occhio poi a non diventare troppo invasiva!

    Per esperienza una persona che prima era dolce,tranquilla può diventare al momento della malattia l'opposto! Se qualche volta quindi ti manderà a stendere, lascia stare, perchè molto probabilmente ora si sente in colpa anche con se stesso (es. perchè non sono riuscito a saltare l'uomo che mi ha fatto il fallo o non ho passato la palla prima?).

    un in bocca al lupo a tuo ragazzo e a te che ti aspettano un po' di mesi da "collega"

    Fonte/i: Infermiere
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.