Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

L' ALCOOL serve ?

25 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    C’è stato un momento in cui ho perso l’orientamento e sono caduto come uno stupido nel vizio. Uscivo la sera con gli amici, una birra al bar, due, tre, molte, ma poi non ricordavo mai di quando tornavo a casa, mi risvegliavo la mattina nel letto rintronato e sfatto, la bocca riarsa e la testa vuota. Avevo letto in qualche stupido libro che, per smaltire la sbornia, occorre brindare al mattino con l’ultima cosa bevuta la sera prima. Che stupidaggine, io non ricordavo nemmeno con chi ero uscito la sera prima, di cosa avevamo parlato o dove eravamo stati, figurati se ricordavo cosa avevo bevuto.

    Bé, sta di fatto che appena sveglio, prima ancora del caffè, aprivo il mobile bar, afferravo la prima cosa di forte che trovavo e tracannavo un paio di bicchieri. Innescai così un circolo vizioso che mi portò a vivere costantemente sotto l’influenza dell’alcol, continuamente sopra le righe, la vista sfumata e la testa leggera. Solo la fortuna o qualcuno dal cielo ha fatto in modo che non mi accadesse nulla, una svista, un incidente, il mio lavoro era rischioso, sempre in giro. Alla fine il vizio ha preso il sopravvento. Io sono forte fisicamente, lo sono sempre stato, e per raggiungere il torpore e lo stordimento che la mia dipendenza reclamava ingurgitavo quantità di bevande alcoliche sempre più esagerate; a volte acquistavo l’alcol puro al supermercato e lo bevevo allungato con l’aranciata, economico e rapido; ma altrettanto rapidamente avevo raggiunto l’orlo del baratro, ero proprio sul ciglio, il punto di non ritorno. La cosa più strana è che nessuno se ne accorse. A casa, fra amici, in azienda, avevo raggiunto una tale familiarità con l’ebbrezza etilica al punto che riuscivo a dominare la breccia che l’alcol apriva ogni volta sull’inconscio, piegando ai miei bisogni i pensieri, le parole e le azioni che il vizio obbligava su percorsi fuori controllo, ingannando così i miei cari, gli amici, i colleghi e me stesso.

    Non fu la fortuna a salvarmi.

    L’alcol devasta i pensieri. Oltre a distruggere migliaia di migliaia di cellule cerebrali che non ritroverai mai più, l’alcol brucia i pensieri, li annulla, li azzera. E questo è stato il percorso più duro. Tutte quelle stupidate romantiche da film, dove i protagonisti hanno sempre il bicchiere in mano, tutti quei libri idolatrati che fanno della trasgressione alcolica una chimera da imitare: stupidaggini, cretinate. Quella falsa cultura del vino: forse che se il vino non fosse alcolico avrebbe tutto quel successo? L’esaltazione per la quale "tutto scorre e nessuno può negare che il vino sia liquido" bé, secondo me è il momento di ripensarci.

    L' alcool non serve se non sai controllare i tuoi vizi. L' alcol non serve se lo usi per essere Qualcun'Altra. L' alcool non serve, e se ne abusi può essere mortale.

    Pensaci bene, e fai la cosa giusta.

    Ciao

  • Stefy
    Lv 7
    1 decennio fa

    Dopo lo stordimento momentaneo i problemi ,al risveglio dai fumi dell'alcool , si manifestano ancora piu' amplificati

  • Anonimo
    1 decennio fa

    una bottiglia di Jack Daniel's è sempre in giro per casa...

    fino ad ora male non ha fatto...

  • 1 decennio fa

    Sporadicamente sì.

    Altrimenti diventa il primo dei tuoi problemi, al posto che risolverli.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Fish
    Lv 6
    1 decennio fa

    Si, diluisce le paure e disinfetta i sensi di colpa.

    Fonte/i: Amarone o valpolicella ripasso
  • 1 decennio fa

    "Ecco il problema di chi beve, pensai versandomi da bere. Se succede qualcosa di brutto si beve per dimenticare; se succede qualcosa di bello si beve per festeggiare; e se non succede niente si beve per far succedere qualcosa." [cit.]

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Serve solo a rovinarti il fegato .

  • toz
    Lv 6
    1 decennio fa

    " Dio ci ha dato l'alcool come lubrificante sociale:

    rende gli uomini arditi e le donne facili "

  • Lichis
    Lv 6
    1 decennio fa

    serve a farmi piangere...

    io non riesco più a farlo...e a volte si sente il bisogno di sfogarsi...

    se capita,bevo un pò,giusto quanto basta a liberarmi di quelle lacrime che sono trattenute dentro...

    ovviamente è una cosa successa solo poche volte,ma devo dire che mi ha aiutato in quell'occasione,a stare un pò meglio.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ogni tanto si.

    spesso aiuta a togliere i freni inibitori, altre volte ti fa amare il WC così tanto da abbracciartelo per notti intere.

    -.-

    Fonte/i: sera leo emme
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.