tasse portuali troppo alte...?

Ho inviato via nave con una ditta di spedizioni (nn la posta che in passato mi ha perso i pacchi) dei pacchi di libri e vestiti usati dal Giappone. In Giappone ho pagato 530 euro per il ritiro della spedizione a casa, le pratiche portuali in Giappone, la spedizione, l'assicurazione e ovviamente la quota della azienda di trasporti. In Italia avrei dovuto pagare tasse portuali e la quota dell'agente locale, per cui mi avevano detto in Giappone che ci sarebbero voluti 280 euro. La ditta italiana mi ha contattato all'arrivo del carico presentandomi un preventivo di 400 euro. Quando la merce è stata sdoganata però, mi hanno inviato una fattura di 710 euro. Sono studente e nn li ho, ke faccio?

Aggiornamento:

@Ale: nn ci siamo capiti: il punto non è nn pagare la dogana, che ovviamente avevo messo in conto; la dogana per effetti personali (NON merci) è esentasse e infatti è stata fatta apposita procedura. Il punto è che l'azienda a cui lo spedizioniere si è rivolto non solo ha calcolato le tasse e le spese di pratica di cui ero a conoscenza, ma ha chiesto una lauta percentuale, più altri soldi per la pratica effetti personali e siccome anche loro non sapevano bene i tempi, ci hanno messo quasi un mese facendo lievitare i costi di magazzino. Come è possibile che questa spedizione via nave mi costi 1300 euro se con quella cifra le stesse cose posso farle arrivare in 2 settimane con la posta aerea? Ripeto parliamo nn di merci, ma di effetti personali usati

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Scusa perché non ti sei informata prima sui diritti doganali?Non puoi poi dire non lo sapevo che i diritti doganali erano così alti.Pensa che per ogni cosa che si esporta o si importa con i paesi esteri bisogna pagare i diritti doganali.Perfino su merce di poco valore ci sono da pagare i diritti doganali.Nelle dogane aereoportuali possono farti le storie anche solo per un oggetto che porti con te quindi sebbene le dogane sono severe bisogna sempre dichiarare tutto quello che si porta con sè a meno che non sia merce da viaggio che serve per il viaggio.Perfino chi é andato nelle barriere coralline e credeva di portar con sè solo qualche corallo ha avuto guai seri ed è stato pure denunciato.Vai alla dogana e parla con qualcuno della dogana e chiedi adesso cosa puoi fare.Una soluzione c'e' sempre al limite puoi chiedere di mettere da parte la merce e di ritirarla successivamente oppure possono cercare di detrarti qualcosa perchè tu puoi appellarti dicendo che la merce non ha un valore come stimato dalla dogana.In pratica puoi cercare di diminuire il valore della merce e chiedere che ti siano dovuti solo i giusti diritti doganali.Ma generalmente le stime che si fanno sono esatte e non dovrebbero dare adito a controversie di questo tipo.Prova ad appellarti al fatto che la merce da te importata non aveva il valore stimato dalla dogana.Ma se tutti fanno come te le stime della dogana sarebbero sempre diminuite e ciò non è facile che accada.Insomma la legge è uguale per tutti e le stime fatte dalla dogana sono quelle che sono quindi difficile che una persona si appelli affermando la merce non ha quel valore.Di certo una stima precisa della merce non la può fare neppure la dogana quindi il valore è sempre approssimativo e talvolta arbitrario.Se sulla merce c'e' un prezzo preciso puoi chiedere al giappone che questo prezzo sia diminuito ma in ogni caso dipende sempre dalla dogana.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.