Possibilità di guarire da una glomerulonefrite?

26 anni, donna, microematuria persistente, 2 volte macroematuria durata pochi giorni, lieve proteinuria, nessun altro sintomo. Non so ancora che tipo di glomerulonefrite sia.

Aggiornamento:

Sono stata ricoverata 5 giorni a S. Giovanni Rotondo, non ho una glomerulonefrite, i miei reni funzionano benissimo.

La lettera del medico in uscita dice: anomalie urinarie in paziente con frequenti e recidivanti infezioni.

Mi hanno detto che probabilmente la mia proteinuria dipende da sforzi e si chiama intermittente perchè alcni giorni ce lavevo più alta, altri meno.

Il sangue dovrebbe essere di mia costituzione.

Come la vedete questa diagnosi?

Aggiornamento 2:

Sono stata ricoverata 5 giorni in un reparto nefrologico, ho fatto ogni sorta di esami, del sangue, delle urine, proteinuria 24h per 2 volte, creatininemia, urografia, ecografia, visite alle coronarie, tiroide... mi hanno rigirata come un calzino. Tutto negativo.

specifico una cosa, la microematuria ce l'ho da una vita, ho sempre avuto la presenza di + + in emoglobina sull'esame urine. I 2 attacchi di macroematuria a dir dei medici sono stati provocati dalla cistite emorragica. Mentre la proteinuria, appare e scompare totalmente in 2 campioni diversi. Non ho nessun altro tipo di sintomo, e mi sento benissimo.

Le sembra giusta la diagnosi?

Aggiornamento 3:

La mia pressione arteriosa si aggira intorni ai 100 - 70

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Molto probabilmente tu hai una glomerulonefrite di Bergere o IgA che da proprio quei sintomi e che può con gli anni portare ad Insufficienza Renale. Per sapere con sicurezza se davvero è così bisogna fare una biopsia renale ed in caso di conferma fare la terapia consigliata che in genere si avvale di statine, ace-inibitori ( che rallentano l'evoluzione dell'insufficienza renale!!!! è dimostrato!), antiipertensivi per esempio sartani se la pressione arteriosa è alta,

    eventualmente aspirina a basse dosi tipo la Cardioaspirin, eventuale cortisone, dieta normoproteica per non sovracaricare il rene, riduzione del peso corporeo se oltre la norma e cessazione del fumo se fumatori, controllo periodico dei parametri di funzione renale per intervenire in tempo in caso di scompenso.E' necessario che tu faccia una visita nefrologica.

    Se vuoi sapere altro scrivimi pure.Ciao, fammi sapere

    Caro farenheit, purtroppo l'ace inibitore non può far guarire dall'insufficienza renale ma la può sicuramente rallentare e spesso anche di molto e nel frattempo scoprono nuovi farmaci ( per esempio quelli per l'osteopatia uremica e il metabolismo calcio fosforo! Forse anche tu assumi Mimpara o Zemplar per l'iperparatiroidismo o Renagel e Foznol per il fosforo ) o altre metodiche dialitiche che fanno star meglio i pazienti. Hai ragione che ci sono più pazienti in dialisi ma per fortuna l'età media è più alta di prima perchè la maggior parte va in dialisi per nefroangiosclerosi ( malattia del rene dovuta alla pressione alta ) o per diabete mentre le glomerulo nefriti sono molto più rare ( perchè spesso guariscono o perlomeno l'evoluzione è molto più lenta ). Io lavoro da trenta anni in dialisi e credimi che non c'è paragone tra le condizioni cliniche di allora e quelle di oggi. Allora erano tutti sotto 50 o 60 anni oggi quasi tutti oltre i 65 anni. Un caro saluto

    @uskebasi Ma sei stata in un reparto urologico o nefrologico? I reni possono anche funzionare bene ma la microematuria ( e peggio la macroematuria ) e la proteinuria non sono normali e SONO!!! segni di glomerulopatia che poi può anche guarire ma se ce l'hai o no e che tipo sia solo la biopsia potrà dirlo. E la proteinuria è intermittente se un periodo c'è e un altro no e non se varia la quantità.

    Credimi io ti consiglio caldamente un controllo nefrologico!!!

    I reni possono funzionare bene anche per anni - almeno a guardare le analisi! - però se c'è la glomerulopatia questa va assolutamente curata. Non esiste poi una spiegazione che il sangue è una tua costituzione, ma cosa vuol dire? Ciao fammi sapere ancora

    Fonte/i: nefrologo
  • Anonimo
    1 decennio fa

    la glomerulonefrite è un'infiammazione, forse di origine batterica, e come tale si cura e probabilmentre si risolve. certo che va presa in tempo, se si trascura può degenerare verso un danno cronico che poi progredirà inesorabilmente fino all'insufficienza renale, anche che oggi ci sono dei farmaci che promettono di rallentare il progredire del danno cronico (ace inibitori, ma io non ci farei tanto conto). Credo che d'ora in avanti sia obbligatorio il monitoraggio costante di un nefrologo.

    @ritaa: perchè, pure dopo che gli ACE inibitori sono entrati nel protocollo di cura delle insuffuicienze renali, i pazienti continuano ad entrare in dialisi come funghi, pure più di prima, se possibile?

    Fonte/i: dializzato da tempo, probabilmente vittima proprio di una glomerulonefrite non diagnosticata.
  • 4 anni fa

    In questo metodo http://guarirediabete.teres.info/ troverete tutte le indicazioni utili per convivere con il diabete, usando i rimedi naturali giusti per il controllo della glicemia e gli esercizi fisici mirati. Per ogni diabetico, la salute significa soprattutto tenere la malattia in equilibrio, evitando i picchi di glicemia sia in alto che in basso. Quest’opera ti aiuta a farcela…

  • 1 decennio fa

    http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=200...

    passate più che potete questa domanda e aiutate i malati a guarire

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.